fbpx
NewsSoftwareTech

WhatsApp: ora anche le chat scompaiono?

I messaggi effimeri di WhatsApp sono una delle ultime novità introdotte dalla nota applicazione di messaggistica. Gli utenti possono infatti inviare messaggi temporanei, ossia comunicazioni che scompaiono dopo 7 giorni. Non sono proprio come le lettere che si autodistruggono di James Bond ma possono avere la loro utilità. Ma se non fossero solo i messaggi a scomparire? Se ad essere effiminere fossero intere chat?

WhatsApp: dai messaggi effimeri alle chat che si auto-cancellano

Stando a quanto riportato dal sito WaBetaInfo, l’ultima beta di WhatsApp per iOS include la Disappearing Mode, dedicata a chat e gruppi.

Una volta attivata la modalità – che comparirà in Impostazioni/Privacy -, tutte le nuove chat saranno effimere e destinate a scomparire dopo 7 giorni. Naturalmente i contatti con cui avvierete questo tipo di conversazioni verranno prontamente informati, così entrambe le parti avranno tutte le informazioni necessarie prima di continuare a chattare.

Cosa cambia quindi rispetto alla funzionalità disponibile già oggi? In realtà poco. I messaggi che si auto-eliminano sono inglobati in chat permanenti, quindi la conversazione rimane ma la singola frase scompare. Le chat effimire invece nascono come conversazioni che includono esclusivamente messaggi effimeri, quindi tutto quanto è destinato a scomparire.

Curiosi di provare la nuova funzionalità? Al momento non si hanno indicazioni sul rilascio ufficiale delle chat effimere. Sappiamo solo che gli sviluppatori sono al lavoro per implementare questa opzione.

Effimero non vuol dire invisibile

Un piccolo chiarimento: i messaggi effimeri si “autodistriggono” dopo 7 giorni. Non scompaiono appena letti e di conseguenza possono essere conservati in qualche modo. Gli utenti sono infatti liberi di catturare uno screenshot, copiare il contenuto o ancora scattare una foto usando un altro dispositivo.

Quindi che senso ha questa funzionalità? E, soprattutto, che senso avrebbero intere chat che scompaiono? In realtà l’idea di base è aiutarvi a fare un po’ di pulizia automatica. Meno elementi di cui effettuare il backup, meno conversazioni tra cui scorrere, meno spazio occupato sul cloud o sullo smartphone. Insomma, è uno strumento che aiuta a mantenere ordine e pulizia più che a nascondere qualche scottante segreto.

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button