fbpx
NewsTech

Wine 3.0 porta le applicazioni di Windows su Android

Finalmente saremo in grado di far girare i programmi di Windows sul nostro smartphone equipaggiato con Android. Il tutto sarà permesso da Wine 3.0, ultima versione del celebre software realizzato originariamente per i sistemi Linux, con lo scopo di avviare le applicazioni compatibili esclusivamente (di norma) con l'OS di Microsoft. L'edizione 3.0 potrà essere dunque installata anche su Android, tramite un pacchetto APK.

Codeweavers rilascia Wine 3.0, da oggi anche su Android

I developer di Codeweavers hanno appena rilasciato Wine 3.0 per i sistemi GNU/Linux (da Ubuntu a Fedora) e Mac OS, insieme ad un pacchetto con i file .apk per gli smartphone che montano Android. Una volta installato il software sul proprio dispositivo si accederà alla classica interfaccia di Windows 7, completa di menù Start e delle funzioni basilari.

Non troverete invece i programmi, che dovrete installare manualmente sul vostro dispositivo. Per l'inserimento del testo, inoltre, vi toccherà collegare una tastiera tramite Bluetooth, non potendo contare su un pieno supporto alla tastiera del software.

Specifichiamo che la nuova versione di Wine sembra funzionare meglio sui dispositivi Android con architettura x86 piuttosto che su quelli dotati di processori ARM, che avranno invece difficoltà nell'utilizzo delle applicazioni che erano state importate su Windows RT. Al momento il team di sviluppo sta ancora lavorando ad una soluzione per gli altri device.

Secondo i primi test effettuati, Wine sembra funzionare piuttosto bene su smartphone come il OnePlus 5T, mentre inciampa in qualche spiacevole crash, ad esempio, sul primo modello del Google Pixel. In ogni caso, per la corretta installazione del software sul vostro dispositivo dovrete scegliere la build più adatta da questa lista.

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button