fbpx
News

WhatsApp: attenzione alla truffa dei buoni Ikea, come riconoscerla

Su WhatsApp spunta l'ennesima truffa, questa volta coinvolge Ikea e dei fantomatici buoni. Ecco come riconoscere il messaggio malevolo e proteggersi.

WhatsApp, ecco come evitare la truffa dei buoni Ikea

I tentativi di truffa, messi in atto utilizzando il celeberrimo servizio di messaggistica istantanea, esistono praticamente da quando lo stesso è nato. Offerte irrinunciabili, buoni regalo, sorprese incredibili. Qualsiasi proposta allettante pur di convincere l'ignaro utente a cliccare su un link che – inevitabilmente – lo porterà ad impelagarsi in qualche spiacevole situazione.

Ormai la maggior parte degli utilizzatori dei servizi di messaggistica riesce a riconoscere i messaggi contenenti link pericolosi. Tuttavia, questo non vale per tutti ed i tentativi di phishig o di altro genere di truffe continuano a mietere vittime.

L'ultimo riguarda proprio WhatsApp e coinvolge Ikea, la nota catena di arredamenti. Le modalità sono sempre le stesse e piuttosto banali. Sullo smartphone delle vittime arriva un messaggio da un contatto noto (già caduto nel tranello) ed il testo invita a cliccare su un link per riscuotere un buono di 500€ da spendere presso Ikea stessa.

Questa volta pare che lo scopo della truffa sia quella di raccogliere indirizzi email (ed ovviamente consensi al trattamento dei dati personali che la vittima darà pur di arrivare al suo premio) da poter rivendere agevolmente ad aziende pronte ad inviare pubblicità e spam di ogni genere. Come se non bastasse, per accaparrarsi il coupon è necessario condividere il messaggio con almeno una quindicina di contatti.

Ovviamente, non esiste nessun buono Ikea da 500€ ritirare gratis e la truffa – con queste modalità – è diventata virale immediatamente. Si è diffusa così tanto da costringere l'azienda svedese a pubblicare sul suo sito Web un comunicato ufficiale in cui prende le distanze da quanto sta accadendo.

Insomma, l'ennesimo – ormai trito e ritrito – tentativo di truffa. Facilmente smascherabile, ma purtroppo non da tutti.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button