fbpx

La recensione di Xiaomi Mi 10T Pro: semplicemente un altro best buy
Xiaomi Mi 10T Pro è arrivato sul mercato con un hardware d'eccellenza e un prezzo per nulla fuori mercato.


Nuovo anno, nuovo smartphone! Ecco che, anche in questo 20202, arrivano delle novità nell’azienda di Pechino: parliamo del nuovo Xiaomi Mi 10T Pro. Si tratta di un cellulare che può competere con i top di gamma, mostrando però un prezzo più che vantaggioso (parliamo di 599€ circa).
Come per i modelli precedenti, troviamo una buona qualità di materiali, ottime performance e una fotocamera da ben 108 MP.

Lo abbiamo provato e riprovato e lo abbiamo confrontato anche con il suo modello precedente, lo Xiaomi Mi 9T Pro. Sarà riuscito a superare il fratello minore? Vale la pena fare il salto? Scopriamo tutti i dettagli del nuovo smartphone in questa recensione. Xiaomi Mi 10T Pro fronte

Contenuto della confezione

La confezione dello smartphone comprende: Xiaomi Mi 10T Pro, Cover in silicone, Adattatore USB Type-C / Jack audio, Cavo USB Type-A / USB Type-C, Alimentatore 33W (ricarica ultra rapida)

Offerta
Mi 10T Pro - Smartphone 8+128GB, display 6,67” Full HD+,...
  • Mi 10T Pro vanta un sensore AI da 108MP con OIS, la capacità di catturare scatti panoramici ultra-wide-angle e le...
  • Mi 10T Pro vi porta nel 5G grazie al processore Qualcomm Snapdragon 865 e la sua CPU Octa-Core.
  • Mi 10T Pro monta un DotDisplay FHD+ da 6.67" con TrueColor, e con la frequenza di aggiornamento a 144Hz e la funzione...

Un design sempre molto elegante

Il design dello Xiaomi Mi 10T Pro è davvero molto bello; si tratta di un prodotto realizzato con cura e decisamente elegante e snello. Il telefono è composto per la maggior parte in vetro. Per la precisione, fronte e retro sono realizzati con un Gorilla Glass 5. La struttura portante, invece, è composta invece di lega di alluminio, così da dare robustezza e solidità. Lo smartphone presenta un effetto a specchio nella parte posteriore e lungo la cornice laterale.

Al tatto, il telefono è molto liscio, sia sulle parti frontale e posteriore, sia lungo i bordi. Nonostante questo, la presa è buona e non rischia di scapparvi dalle mani, soprattutto se lo utilizzate con la cover in omaggio nella confezione. In questo caso, si torna un po’ alle origini: la cover, infatti, è costituita in materiale siliconico morbido a differenza della cover del 9T Pro che era invece realizzata in plastica rigida.

Le dimensioni sono abbastanza generose e, per questo motivo, farete più fatica a usarlo con una sola mano. Abbiamo un display da 6,67 pollici e un peso di 218 grammi. Questo può sembrare troppo, ma è necessario viste le dimensioni della batteria. Non solo lo schermo risulta più grosso del predecessore, ma anche lateralmente lo Xiaomi Mi 10T Pro ingombra più del 9T Pro, anche a causa della sporgente fotocamera da 108 MP.

La cornice contiene il tasto di accensione con sensore di impronte integrato, il bilanciere del volume, il sensore a infrarossi, microfono e speaker. Questi si trovano in basso, a lato della USB-C, e l’altro in alto. Il suono di questo si fa largo sia nella griglia frontale, sia in un foro sulla cornice superiore.

lato

sopra
sotto

    Differenze e analogie tra Xiaomi Mi 10T Pro e 9T Pro

    Sempre sul lato estetico, vogliamo focalizzarci su analogie e differenze tra i due modelli Xiaomi. Oltre alle dimensioni, che abbiamo già evidenziato, abbiamo anche un’altra sostanziale differenza: il Jack audio. Lo Xiaomi Mi 10T Pro perde l’ingresso per il Jack da 3.5 mm. All’interno della confezione, però, sarà presente un adattatore USB-C / Jack audio.

    Cambia anche la posizione relativa al LED di notifica. Se sul modello precedente questo era posto (scomodamente) sopra lo slot della fotocamera anteriore, ora si trova, invece, nella parte superiore della cornice. Qui posizionato risulta più visibile rispetto al passato, anche se non è facile accorgersene in ogni posizione. Xiaomi Mi 10T Pro fotocamera

    Come per il 9T Pro, anche lo Xiaomi Mi 10T Pro presenta un carrellino per la doppia SIM, posto sempre nella parte inferiore, ma nella posizione opposta. Anche in questo caso manca la memoria espandibile, ma i tagli partono da 128 GB, quindi la mancanza non dovrebbe essere troppo sentita. Assente la certificazione IP, ma presente sempre un rivestimento nanoparticellare impermeabile. I modelli precedenti avevano lo stesso rivestimento e vi possiamo assicurare che hanno sempre resistito molto bene anche a piogge insistenti.

    Per finire, cambia la posizione e il sistema della fotocamera anteriore. Nello Xiaomi Mi 10T Pro, infatti, questa è semplicemente posta nel lato superiore sinistro dello schermo. Il precedente modello, invece, aveva una fotocamera superiore a scomparsa.

    Xiaomi Mi 10T Pro vs Xiaomi Mi 9T Pro blocco

    Xiaomi Mi 10T Pro vs Xiaomi Mi 9T Pro menu
    Xiaomi Mi 10T Pro vs Xiaomi Mi 9T Pro fronte
    Xiaomi Mi 10T Pro vs Xiaomi Mi 9T Pro_
    Xiaomi Mi 10T Pro vs Xiaomi Mi 9T Pro
    sotto
    lato

      Ma è bello anche se non è un AMOLED?

      La prima caratteristica che salta all’occhio di questo Xiaomi Mi 10T Pro è che presenta un pannello IPS e non un AMOLED. Posso percepire il disappunto, eppure non dovreste fermarvi alle sole apparenze. Il display, infatti, non ha nulla da invidiare a un’altra tecnologia. Si vede molto bene, in qualunque condizione di luce. Abbiamo neri profondi e contrasti ottimi, oltre che una nitidezza davvero eccellente.

      Nel dettaglio, il pannello è grande 6,67 pollici, ha una risoluzione FHD+ (1080 x 2340 pixel) con un rapporto di 20:9 e una densità di pixel di 394 dpi. La luminosità è di 500 nit e lo schermo può arrivare sino a un picco di 600 cd/mq. In sostanza, questo garantisce una perfetta riproduzione di colori e scritte anche con elevata luce esterna. Il pannello, inoltre, supporta la tecnologia HDR10.

      Altro punto di forza è il refresh dinamico che riesce a toccare picchi di 144Hz. Un portento se pensiamo che non si tratta di un cellulare che nasce per il gaming, ma che, viste le caratteristiche, potrebbe anche esserlo. Xiaomi Mi 10T Pro cover

      Quanto è potente questo Xiaomi Mi 10T Pro?

      Dopo aver dato un attento sguardo alla parte estetica del nuovo smartphone di casa Xiaomi, è bene entrare un po’ più al suo interno. Lo Xiaomi Mi 10T Pro non è solo estetica, ma è anche contenuto. Partiamo con la CPU, un Qualcomm Snapdragon 865, 8 core (@844 MHz – 2.84 GHz). Si tratta di un processore decisamente potente, in grado di sfruttare a pieno ogni app, sia che si tratti di lavoro, sia che si tratti di giochi. Oltre a questo, la CPU integra un modem 5G che, sebbene sia ancora poco sfruttato nel nostro Paese, deve essere preso in considerazione per un futuro prossimo. Lo smartphone presenta poi il WiFi 6, l’NFC e la funzione GPS, la radio FM e un Bluetooth 5.1.

      A questo potente processore, si abbinano poi una GPU Adreno 650 e ben 8 GB di RAM LPDDR5. Velocità e capienza sufficienti a garantire il perfetto funzionamento di più applicazioni in background. Nessun problema a passare da una scheda a un’altra, nessun rallentamento e massima efficienza. Per quanto concerne la memoria interna, invece, il cellulare è disponibile nelle dimensioni da 128 GB o 256 GB; entrambi gli storage funzionano su memorie UFS 3.1. Questo significa maggiore velocità e efficienza di archiviazione.

      CPUZ mi 10T Pro

      Qualcomm
      snapdragon
      cpuz

        Una batteria decisamente capiente

        Un altro punto di forza di questo smartphone è sicuramente la capienza della batteria. Parliamo, infatti, di una batteria con capacità di 5000 mAh e una ricarica rapida fino a 33W che consente la completa ricarica in 90 minuti.
        Per darvi un’idea della durata della batteria, abbiamo messo sotto sforzo il cellulare che ha risposto in maniera perfetta. Dopo 5 ore di utilizzo no stop, con costanti video su YouTube e luminosità al massimo, la carica è scesa solo al 63%. Un risultato sorprendente e interessante, soprattutto considerando che, con un uso normale, è in grado di resistere più di una giornata. Xiaomi Mi 10T Pro retro

        Come scatta questo Xiaomi?

        Esperto di fotografiaLe immagini realizzate con Xiaomi Mi 10T Pro, in particolare quelle realizzate con la fotocamera principale offrono una buona resa del colore. Sono anche ben dettagliate, nonostante il sensore lavori con la tecnica del pixel binning, che riduce i file da 108 a 22MP.

        Qualche difetto viene fuori in situazioni meno illuminate, con i dettagli che non sono più così precisi come in condizioni ottimali di luce, così come il bilanciamento del bianco è meno accurato. Di notte, nonostante questo Mi 10T Pro sia in grado di creare la luce anche quando non ce n’è, i risultati sono caratterizzati da rumore e poca incisione.

        Le dimensioni del modulo farebbero pensare a molte fotocamere diverse, ma nella realtà dei fatti quello che abbiamo oltre al sensore principale dal 108MP è un’ottica grandangolare da 13MP e una macro da 5MP. Manca il teleobiettivo, che forse sarebbe stato più interessante della fotocamera Macro, perché quest’ultima pecca nella riproduzione dei dettagli (la risoluzione è quella che è) ma almeno può contare su un sistema AF abbastanza preciso.
        Anche se grazie alla quantità di informazioni ricevute dal sensore principale possiamo sfruttare degli zoom digitali, è meglio non esagerare. Fino ad un ingrandimento 2x il risultato è abbastanza buono, ma andando oltre vengono fuori tutti gli artefatti di un ingrandimento digitale.

        Grandangolo e frontale?

        Il grandangolo può essere molto comodo in tante diverse situazioni e la qualità offerta è sicuramente sufficiente per un utilizzo delle immagini sui social network. Andando però a guardare più nel dettaglio si nota una certa tendenza a sovrasaturare le fotografie e qualche difficoltà con i dettagli sui bordi del fotogramma. Nulla per cui però doversi fasciare la testa.

        Abbastanza precisa la modalità ritratto nell’isolare il soggetto dallo sfondo, anche se a volte, soprattutto con degli oggetti, la messa a fuoco non è precisissima.

        Passando alla fotocamera frontale i risultati non sono forse all’altezza delle aspettative, soprattutto se non siamo perfettamente illuminati. In buone condizioni, invece, non avremo problemi a farci un bel selfie da pubblicare sui social.

        Vi abbiamo lasciato poi alcuni scatti, per farvi capire meglio che cosa intendiamo:

        Xiaomi Mi 10T Pro: vale la pena?

        Eccoci alle battute finali della nostra recensione, per tirare le somme di quanto sviscerato in precedenza. Lo Xiaomi Mi 10T Pro è un portento, anche in relazione al prezzo di lancio. Il modello da 128 GB viene venduto per un prezzo di 599€, quello da 256 GB a 649€. Entrambe le versioni non sono affatto sovra prezzate e, anzi, propongono un hardware d’eccellenza e caratteristiche notevoli.

        Abbiamo uno stile elegante, dimensioni generose, ma non troppo scomode, una fotocamera che fa quel che deve. La batteria è immensa ed è in grado di mantenere vivo il cellulare per più di una giornata. Ottimo il display IPS che regala colori puliti e profondi e una buona luminosità. Infine, a livello software troviamo poi Android 10 personalizzato con la MIUI 12. Un’ottima personalizzazione, che offre tante icone, temi, pur rimanendo veloce e funzionale.

        Insomma, anche quest’anno siamo davanti a uno dei migliori smartphone per rapporto qualità/prezzo.

        Xiaomi Mi 10T Pro

        Pro Pros Icon
        • Struttura solida e robusta
        • Design elegante
        • Hardware promettende
        • Buona autonomia
        • Ottimo display
        Contro Cons Icon
        • Assenza jack da 3.5 mm
        • Non troppo compatto

        Giulia Garassino

        Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, a occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!