fbpx
Auto più lente copertina

Le dieci auto più lente degli ultimi 10 anni: chi vince la Coppa Tartuca?
Siamo tutti affascinati dalle auto più veloci del mondo, capaci di superare i limiti di velocità in una manciata di secondi. Ma... quali sono le auto più lente dell'ultima decade?


Spesso le persone mi chiedono”: “Qual è l’auto più veloce che tu abbia mai guidato?”.
Moltissime sono poi le liste delle auto più veloci del pianeta Terra, con tanto di documentari e programmi tematici dedicati a loro. Oggi però vorrei spostare lo guardo sull’altro lato della bilancia: quali sono le auto più lente del mondo?

Certamente se andassimo indietro nel tempo troveremmo pane per i nostri denti: senza andare neanche fuori dal Bel Paese, la prima versione di FIAT 500 fino al 1973 non raggiungeva i 100 km/h neanche in discesa…
Allora mi sono posto questa domanda, un po’ inusuale: quali sono le auto più lente degli ultimi 10 anni?
Verranno prese in esame le auto vendute sul mercato italiano dal 2009 ad oggi, e andremo a considerare solamente i dati dichiarati dal costruttore, puntando soprattutto sull’accelerazione da 0 a 100 km/h.

Preparatevi a correre, perchè secondo me sui 100 m molti di voi sono più veloci di queste auto… dotate di grande carattere, diciamo così. Chi andrà a casa con la prima Coppa Tartuca di Tech Princess?

10ª: Land Rover Defender 90 TD4 

Il primo con cui approcciamo le auto più lente del decennio è un mostro sacro dell’automobilismo mondiale, il mitico Land Rover Defender.

Auto più lente Land Rover Defender 1

La nuova versione arriverà quest’anno, e avrà degli interni… esistenti, telaio da automobile e non da fuoristrada e motori con potenze fino a 380 CV.
Oggi però parliamo ovviamente della versione venduta dal 2006 al 2016 del mitico fuoristrada nato nel 1948.
Il Defender 90 TD4 è dotato di un motore quattro cilindri turbodiesel da 2.4 litri capace di 122 CV, accoppiato alla trazione integrale e ad un cambio manuale a 6 marce. È l’auto più potente della nostra lista, ma è anche una delle più pesanti, fermando la bilancia oltre i 1600 kg.

Auto più lente Land Rover Defender

Il risultato è infatti uno scatto da 0 a 100 km/h in 15,8 rispettabilissimi secondi, che la rende la Ariel Atom della nostra lista.
Seppure ci fossero auto più lente di lei in listino sia 10 anni fa che adesso, l’ho scelta perchè seppure sia la più veloce da 0 a 100,  come velocità massima… è la più lenta, con i suoi soli 132 km/h di velocità massima.
Tra le auto vendute in Europa, è lei la primatista delle auto più lente del decennio considerando la sola velocità massima.

Land Rover Defender offroad

Su strada infatti il Defender non si è mai sentito troppo a suo agio. La posizione di guida è incredibilmente scomoda, lo sterzo è impreciso e la tenuta di strada c’è, ma non infonde troppa sicurezza.
Il suo meglio lo ha sempre dato in fuoristrada, dove l’ottima trazione integrale e il peso relativamente contenuto la rendono una delle fuoristrada pure più apprezzate di sempre.

9ª: Hyundai i10 1.0 Ecopack

Qui torniamo nella più pura attualità, parlando della nuovissima Hyundai i10, appena rinnovata.
La piccola coreana rivale della Panda è una Segmento A davvero valida, capace di offrire un ottimo confort, assemblaggi e dotazioni da categoria superiore e una guida facile e rilassante.

Auto più lente Hyundai i10

Per ora l’unico motore disponibile per la i10 è l’ormai classico 1.0 tre cilindri aspirato da 67 CV. Questo motore, nonostante i numeri non eclatanti, riesce a dare alla i10 un buon brio, grazie anche ai soli 921 kg di peso.
Hyundai, però, offre anche una versione denominata “Ecopack“, che offre una serie di accorgimenti per consumare il meno possibile.
Tra questi, troviamo l’omologazione per sole quattro persone, cerchi più piccoli e stretti da soli 14 pollici e, soprattutto, una rapportatura del cambio diversa.

Auto più lente Hyundai i10 cambio

Cosa significa questo? Il suo cambio manuale a 5 marce riceve dei rapporti decisamente più lunghi, in modo da abbassare i regimi del motore alle velocità costanti e minimizzare quindi emissioni e consumi.
Questo, però, va logicamente a discapito delle prestazioni, che si attestano a 16,8 secondi nel classico 0-100 km/h e 147 km/h di velocità massima. Queste prestazioni “da urlo” le valgono il non proprio invidiabile primo posto tra le auto più lente uscite in questo decennio appena iniziato.
Certo, l’efficienza ne guadagna, però se volete un minimo di brio, forse è il caso di guardare alla versione normale, o alla 1.0 turbo da 100 CV che arriverà presto.

8ª: Renault Clio 1.0 sCe

Rimaniamo nel 2020 per la nostra ottava classificata, che per puro caso è arrivata seconda nel molto meno importante concorso “Auto dell’Anno”. Bah, andiamo avanti con la nostra Coppa Tartuca.
Parliamo di Renault Clio che giunta alla sua quinta generazione sta ottenendo numeri di vendita davvero impressionanti.
Nel mese di febbraio 2020 è stata infatti l’auto più venduta di tutta Europa, spodestando per la prima volta negli ultimi 3 anni la mitica Volkswagen Golf.

Nuova CLIO si lascia guidare nel futuro

La Clio sta convincendo tantissimi clienti per la linea sempre di grande effetto, per gli interni ricercati e molto curati e per una ottima guidabilità, capace di coniugare confort e piacere di guida.
In questo ottimo quadretto trovano posto anche motori di ottimo livello, come il 1.0 e il 1.3 TCe turbobenzina o l’immortale 1.5 dCi.
Nella gamma Clio, però, trova posto anche un motore sicuramente parco nei consumi, ma poco brioso.
Parlo infatti del tre cilindri 1.0 sCe aspirato da 65 CV, posto alla base della gamma Clio.
Questo propulsore, che troviamo in versione da 70 CV sulla Dacia Sandero e sulla Renault Twingo, per citarne due, ha dalla sua una buona silenziosità, poche vibrazioni ma, ahimè prestazioni sottotono.

Auto più lente Renault Clio

Il conto del tempo da 0 a 100 km/h si ferma solo dopo 17,1 secondi, e sfruttando tutte le 5 marce del motore può raggiungere i 160 km/h. È la più veloce sul dritto della competizione, diciamo che è la nostra Bugatti Veyron!
Considerando però la flemma con cui arriva a 100 km/h, penso che ci vada davvero tanta pazienza per raggiungere certe velocità.

7ª: FIAT Qubo 1.4 Natural Power

Arriviamo in Italia per, devo ammettere, una delle mie auto compatte preferite: FIAT Qubo.
Certo, è derivato dal furgone Fiorino. Sicuramente non vincerà mai il concorso di Villa D’Este per eleganza. Certo, non si guida come una Lotus.

Auto più lente FIAT Qubo 2

Il Qubo però ha dalla sua una simpatia davvero forte, una guida tutt’altro che “da furgone” e una quantità di spazio a bordo incredibile. In neanche 4 metri offre 5 posti davvero comodi, spazio per tanti bagagli, vani portaoggetti a profusione e le comodissime porte posteriori scorrevoli.
L’insonorizzazione poi non è per nulla terribile, anzi: i viaggi con il Qubo sono possibili e molto confortevoli, visti i metri quadri di spazio e la grande luminosità che offre.
Il motore perfetto per lui è il 1.3 MultiJet turbodiesel da 95 CV, che non sono tantissimi certo ma lo rendono brioso e molto parco nei consumi. Magari in versione Trekking, con gomme M+S e protezioni “fuoristradistiche”.

Se per voi, però, i costi di gestione sono tutto, FIAT offre il Qubo Natural Power, con il motore 1.4 Fire da soli 69 CV alimentato a benzina e metano.
Ecco, se lo doveste scegliere vi troverete spesso a tavoletta: lo 0-100 infatti è coperto in ben 17,5 secondi. Con un solo passeggero a bordo. Questo risultato la rende la primatista delle auto più lente nel listino odierno. Non fosse per delle auto più anzianotte, sarebbe lei la vincitrice!
Se volete fare lunghi viaggi autostradali con 5 occupanti e relativi bagagli, forse non vedrete i 149 km/h di velocità massima. Forse.

6ª: Opel Corsa 1.0

Torniamo leggermente indietro nel tempo, tornando alla quarta serie di Opel Corsa.
Questa generazione, prodotta dal 2006 al 2014, condivideva il pianale con la nostra FIAT Grande Punto.
Per questo, infatti, si guidava bene, ed offriva anche versioni ben prestanti come la top di gamma OPC, dotata di un 1.6 da ben 192 CV.

Auto più lente Opel Corsa 2

Alla base della gamma, però, c’era il motore 1.0 tre cilindri aspirato da “ben” 60 CV, saliti a 65 nel 2010.
Nonostante questo incredibile aumento di potenza, la versione base di Opel Corsa ha mantenuto inalterate nel tempo le sue incredibili prestazioni.
Il tempo necessario per passare da 0 a 100 km/h era infatti cronometrato in 18,2 secondi, con una “top speed” di 150 km/h.

Auto più lente Opel Corsa 1.0

Come tutte le auto più lente protagoniste di questa lista, in città faceva il suo buon lavoro di motore affidabile, parco e docile.
Certo è, però, che appena usciti dalle zone con limite di 50 km/h il piccolo tre cilindri è davvero in affanno.
Se volevate risparmiare ancora, poi, questo motore era disponibile anche a GPL. Opel, però, non ha mai dichiarato lo 0-100 della versione alimantata a gas. Forse, meglio così…

5ª: FIAT Panda/Punto Classic 1.2 Natural Power

Torniamo nel 2010 per parlare di due auto amatissime nel nostro Paese, ovvero le bestseller FIAT Panda e Punto Classic Natural Power, ovvero alimentate a Metano.

Da una parte, la Gingo… scusate, la Panda seconda serie, una delle auto più diffuse e amate d’Italia, con la sua linea squadrata e simpatica e dotazioni che non troviamo neanche sulla Panda odierna, come navigatore touchscreen, doppio tetto apribile e cruise control.
La sua posizione di guida alta, lo spazio a bordo e la geniale leva del cambio rialzata sono tra i dettagli più amati della Panda 169, che sicuramente ognuno di voi ha guidato o quantomeno si è potuto godere da passeggero.

Dall’altra l’immortale Punto Classic 188, prodotta dal 1999 al 2010. Affidabile, spaziosa e anche abbastanza piacevole da guidare, l’utilitaria italiana è ancora una delle auto più facili da incontrare nelle nostre città.
Era così apprezzata per il rapporto qualità/prezzo che nei 5 anni di coabitazione con la più moderna Grande Punto rosicchiava moltissimi clienti alla sorella più giovane.
Certo, non è la più bella, nè la più robusta, nè la più accessoriata. La Punto punta sulla sincerità, e su una dose abbastanza grande di carattere, che la rendono simpatica e amata da tutti i suoi possessori.

FIAT Punto Classic

Sono questi due pezzi di storia italiana sono accomunati dalla versione alimentata a metano del mitico 1.2 Fire , in questo caso capace di 52 CV.
Il quattro cilindri 1.2 Fire è probabilmente il motore più diffuso d’Italia, arrivato fino ad oggi su Panda, 500 ed Ypsilon. Un vero e proprio pilastro dell’automobilismo italiano, che ognuno di noi ha guidato almeno una volta nella vita.
Ho scelto di citare insieme questi mostri sacri perchè condividono, oltre che il motore, lo strabiliaante  0-100 km/h: 19 secondi tondi tondi. Mi piasce! Voto?
Le due italianissime auto differivano nella velocità massima, di 140 km/h per la Panda e di 145 km/h per la Punto Classic.

Auto più lente FIAT Panda

In verità neanche in versione solo benzina non è un fulmine di guerra, ma la sua incredibile affidabilità e la possibilità di sopportare anche le più dure negligenze da parte dei proprietari lo rendono adatto ad un’auto da battaglia per la città come la Panda, o ad una tuttofare capace di soddisfare le necessità di una famiglia come la Punto.
Con il metano che ti da una mano, poi, i costi di gestione si abbassano ad ogni chilometro percorso. Certo, senza fretta.

4ª: Lada Niva 1.7

Per alcuni di voi la sua effettiva commercializzazione negli ultimi 10 anni sarà una sorpresa.
Nelle zone dove vivo io, ovvero nella Provincia di Torino ai piedi delle Alpi, quest’auto è sempre stata incredibilmente diffusa, quasi come volesse tornare a casa. E vi dirò di più: nonostante sia un po’ più difficile importarla, la mitica Niva oggi viene ancora venduta, omologata Euro 6, come Lada 4×4. 44 anni dopo la sua uscita.

Auto più lente Lada Niva

Si perchè Lada Niva, benchè costruita nella fabbrica russa di Togliatti, dal 1976 è costruita sulla base della nostra amata FIAT 124.
Anche il motore, un 4 cilindri 1.7 da 80 CV, è derivato direttamente dai motori FIAT di anni ’60 e ’70.
La qualità costruttiva poi è molto basica, gli interni sono spartani, lo spazio e poco e le prestazioni sono a dir poco letargiche. Lo 0-100 viene coperto in 19,1 sovieticissimi secondi, e raggiunge la mirabolante velocità di 137 km/h.

Lada Niva fuoristrada

Ma allora, perchè questo fuoristrada di quasi 50 anni fa continua ad essere così amato in Italia e in altre zone d’Italia?
Perchè se su strada è un totale tuffo nel passato, in fuoristrada la Niva prende vita.
Pesa infatti solo 1210 kg, ha gomme alte e strette ed è compattissima, lunga solo 3 metri e 70 e larga meno di 1,70 m. Ma soprattutto, la Niva ha una trazione integrale permanente con differenziale centrale bloccabile, e questo la rende un vero e proprio stambecco, agilissima in fuoristrada e soprattutto sulla neve.
Sarà anche la quarta classificata tra le nostre auto più lente, ma è anche uno dei fuoristrada più capaci e semplici in circolazione.

3ª: Renault Kangoo 1.5 dCi 68 CV

Sale sul terzo gradino del podio un altro multispazio, che però supera il nostrano FIAT Qubo per via delle sue dimensioni decisamente più generose.
Renault Kangoo infatti è uno dei furgoni più apprezzati del suo segmento.
Comodo, spazioso, facilissimo da guidare e parco nei consumi, dall’inizio degli anni 2000 Renault Kangoo è una delle prime scelte per le famiglie numerose, i liberi professionisti e per assecondare i nostri hobby.

Auto più lente Renault Kangoo 1

Tra i tanti validissimi motori tra cui scegliere, però, c’era un motore totalmente improntato al risparmio e ai bassi consumi.
Sto parlando del celebre 1.5 dCi, uno dei motori cardine anche oggi del Gruppo Renault, però in versione da soli 68 CV.
Su Twingo e Clio questo piccolo 4 cilindri diesel va benissimo. Su un mezzo dedito al carico e dal peso di quasi 1400 kg, però, un motore del genere è decisamente sottodimensionato.

Auto più lente Renault Kangoo 2

Le prestazioni lo dimostrano eccome: servono infatti ben 19,6 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermo, e il nostro multispazio è capace di raggiungere i 147 km/h dopo un lungo, lunghissimo lancio.
Ok il massimo risparmio, ma secondo me così è un pochino troppo…

2ª: Smart Fortwo Cdi

Qui arriviamo ad uno dei pezzi da novanta della mia lista, l’auto che ero convinto vincesse questa lista.
Smart Fortwo (sia Coupè che Cabrio) non è mai stata un fulmine di guerra, neanche nelle versioni più spinte firmate da Brabus.

Auto-più-lente-Smart-Fortwo

Nella gamma Fortwo seconda serie, prodotta dal 2007 al 2015, c’era però un auto che era un indubbio capolavoro di ingegneria, Smart Fortwo Cdi.
Questa versione di Fortwo è infatti dotata di un notevole 800 tre cilindri turbodiesel da 45 CV e 130 Nm di coppia, dotato di un livello tecnologico altissimo.
Questo piccolo gioiello non solo era il motore più affidabile della gamma Smart, ma è una delle auto più parche nei consumi degli ultimi 20 anni, capace di percorrere fino a 30 km con un litro.

Smart Fortwo cdi

Il sound allo scarico però è davvero terribile e su strada non è proprio una sportiva di razza, nonostante la presenza della trazione posteriore cono sospensioni posteriori con Ponte De Dion.
Il rovescio della medaglia dato da consumi così bassi sono le prestazioni, che meritano la Coppa d’Argento della Coppa Tartuca. Lo 0-100 viene coperto in ben 19,8 secondi, per una velocità massima limitata elettronicamente a 135 km/h.
Non riesce a vincere la Coppa per poco (anzi, mica tanto…) dovrà accontentarsi di un onorevole secondo posto.
Essendo  un’auto prettamente da città le possiamo perdonare questa “bradipicità” marcata, alla fine non deve andare in pista.
Certo che se cominciamo a pensare al cambio robotizzato tutt’altro che fulmineo non viene la voglia di cercarne una usata sul web…

Menzioni d’onore… dall’India

Prima di arrivare al vincitore di questa prima edizione della Coppa Tartuca, non potevo non menzionare due escluse eccellenti, campionesse che non hanno potuto partecipare per la chiusura del nostro torneo alle auto non vendute in Italia.

India traffic

Queste fuoriclasse sono due auto che vengono da un Paese con un’industria automobilistica in costante crescita: l’India.
Vista la popolazione di oltre un miliardo di persone, e la presenza di enormi megalopoli da oltre 10 milioni di persone, coloro che stanno riuscendo lentamente a potersi permettere un’automobile non hanno grandissime pretese.
Qualsiasi cosa che sia comoda in città, maneggevole, poco costosa da mantenere, spaziosa e più sicura di una moto è bene accetta. Anche le più lente qui vengono amate.

Auto più lente Tata Nano

Proprio per soddisfare questa fame di auto economiche e maneggevoli, il colosso indiano Tata (proprietario, tra le altre, dei marchi Jaguar e Land Rover) ha lanciato Tata Nano.
Nata nel 2008, la Nano è celebre in Europa per essere diventata a tutti gli effetti l’auto più economica del mondo.
Dotata di quattro porte, quattro posti, radio e un climatizzatore potentissimo (indispensabile in India), la Nano costava solamente l’equivalente di 2000 euro. Nuova!

Auto più lente Tata Nano

Con questa cifra, vi portavate a casa un’auto vera, dotata di un motore 2 cilindri benzina da 624 cm³ e ben 38 CV.
Il motore è montato al posteriore, sotto il vano di carico che però è accessibile solo dall’interno dell’auto, abbattendo i sedili posteriori.
Tutte piccole rinunce che portano il prezzo a livelli mai visti.
Si ma, le prestazioni? Ecco, parafrasando Aldo, Giovanni e Giacomo “Essendo il modello base, il motore è un po’ deficitario…”

Auto più lente Tata nano spaccata

Nonostante i soli 600 kg di peso, Tata Nano “scatta” da 0 a 100 in ben 29,4 secondi, e raggiunge i 105 km/h, candidandosi al trono delle auto più lente sul mercato mondiale.
Forse a Bangalore si sentirà a suo agio, sulla Torino-Milano la vedo poco a suo agio…
La sua carriera è finita nel 2018, e le vendite furono davvero pochissime rispetto alle attese.
Il pubblico indiano infatti ha reputato la Nano fin troppo spartana e poco sicura, decretandone la fine prematura.

Auto più lente Hindustan Ambassador

Da un mezzo flop ad un’auto amatissima nel paese asiatico, l’auto più lenta di tutta l’India è però la Hindustan Ambassador. Quest’auto è stata costruita dal 1958 al 2014 praticamente senza modifiche, ed è una versione su licenza della Morris Oxford, un’auto inglese nata nel 1956.Quest’auto è famosa per essere IL taxi indiano, e nella sua lunghissima storia è arrivata fino al decennio scorso.
E come ci è arrivata? Molto, molto lentamente.

Hindustan Ambassador auto più lente

La Ambassador 1.5 DSL, dotata di un motore Isuzu diesel aspirato da ben 34 CV, raggiunge infatti i 104 km/h e “accelera” da 0 a 100 km/h in….. 68 secondi. Sesantotto!!
Di buono la Ambassador ha la totale indistruttibilità, un’ottima abitabilità ed un’estetica così simpatica che possiamo perdonarla per la sua lentezza. Più o meno.

1ª: Chevrolet Matiz 800 Automatiz

E la prima vincitrice della Coppa Tartuca è…. Chevrolet Matiz!! *APPLAUSI E FUOCHI D’ARTIFICIO*
La piccola americo-coreana (già da questa improbabile assonanza era la favorita) è la regina delle auto più lente degli ultimi 10 anni.

Auto più lente Chevrolet Matiz con coppa

Non tutti sanno che la piccola Matiz è nata da un avveniristico progetto di Giugaro rifiutato dalla FIAT.
Il costruttore torinese infatti ideò la Lucciola, una piccola tre porte con carrozzeria e interni in materiali riciclati e powertrain ibrido. Nel 1993 Giugiaro propose la sua Lucciola al Gruppo FIAT come sostituta della Cinquecento. FIAT però declinò per gli altissimi costi del progetto.

La Casa coreana Daewoo, che collaborava da anni con Giugiaro, si interessò e comprò il progetto Lucciola. Questo venne semplificato, vennero aggiunte tre porte et voilà, nel 1998 il mondo vide la Daewoo Matiz.
La piccola coreana ebbe un successo clamoroso nei suoi primi anni di produzione, grazie al prezzo contenuto, l’ottima abitabilità e un’estetica strana, ma sbarazzina.

Auto più lente Chevrolet Matiz

Dal 2005 Daewoo, già nell’orbita General Motors, chiuse i battenti in Europa, sostituito dal più famoso marchio Chevrolet. Con il marchio americano la Matiz continuò il suo successo fino al 2010, anno in cui abbandonò i listini, sostituita dalla Spark.

Auto più lente Chevrolet Matiz 2

La Matiz vincitrice tra le nostre 10 auto più lente è un po’ speciale, e sfrutta un’accoppiata davvero vincente in questo… sport?
È infatti dotata di un motore 800 tre cilindri aspirato da ben 52 CV, accoppiato ad un cambio automatico a 4 marce.
Questo cambio decisamente antiquato regala a questa versione di Matiz il nome più bello che abbia mai sentito: AUTOMATIZ. Pura poesia.
Ebbene, l’Automatiz grazie alle sue poderose 4 marce e alla coppia di 68 Nm riesce ad arrivare a 135 km/h, e a raggiungere i 100 all’ora da ferma in “soli” 21,9 secondi.
Non può che essere la Chevrolet Matiz Automatiz l’auto più lenta degli ultimi 10 anni, e la vincitrice della Coppa Tartuca!! Congratulazioni! Giubilo in tutto il regno!

Ecco le auto più lente del decennio? Quale sarà la prossima Coppa?

E così finisce un emozionante viaggio all’interno dei meandri più fiacchi dei listini e della storia dell’auto.
Ringraziamo tutte le concorrenti che sono arrivate fino alla finalissima di oggi, non è stato facile arrivare fin qui… in tempo per la premiazione!
Facciamo ancora un applauso alle componenti del podio delle auto più lente degli ultimi 10 anni: Renault Kangoo, Smart Fortwo Cdi e la vincitrice, Chevrolet Automatiz.
Quale sarà la prossima super sfida a cui assisteremo insieme?
Le auto più pesanti? Le più veloci? Le meno potenti? Oppure le più costose?
Io vado a vedere una gara di Formula 1, devo disintossicarmi da questa mancanza di flemma!

THUN - Soprammobile Minianimale Tartaruga Marina Felice -...
  • PRODOTTO - Mini tartaruga marina
  • CATEGORIA - Living, Icone
  • CURA DEL PRODOTTO - pulire esclusivamente con un panno morbido asciutto; evita il contatto con acqua e liquidi/prodotti...
Trudi- Peluche Mini, 51249
  • Materiali pregiati
  • Ricco di dettagli preziosi e realistici
  • Sviluppato nel rispetto delle più severe norme di sicurezza
Venturelli - Bradipo Medio
  • Peluche 30 x 12 x 15 cm
  • Materiale: poliestere
  • Età minima 0+
Offerta
Electrolux ESC7400 Slow Cooker, Pentola Elettrica in...
  • Capacità: 6.8 L
  • Materiale: acciaio inox con maniglie in metallo pressofuso
  • Diversi programmi di cottura

Condividi la tua reazione

Confusione Confusione
6
Confusione
Felicità Felicità
13
Felicità
Amore Amore
8
Amore
Tristezza Tristezza
7
Tristezza
Wow Wow
4
Wow
WTF WTF
2
WTF
Giulio Verdiraimo

author-publish-post-icon
Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link