fbpx
CulturaEventiSpettacoli

11 settembre: 10 film per riflettere su quanto accaduto vent’anni fa

Un anniversario importante per un evento terribile, che ha segnato un prima e un dopo

Venti anni fa il mondo cambiava. L’attacco alla città di New York dell’11 settembre ha segnato profondamente la nostra società. L’immagine dei palazzi del World Trade Center (o se volete delle Torri Gemelle) che crollano è diventata iconica. Un evento di questo tipo non può fare altro che colpire il nostro immaginario e ha naturalmente il cinema è stato profondamente ispirato da esso. E così, vedere un film sull’11 settembre può diventare un modo per riflettere su quella terribile tragedia, a vent’anni da essa.

11 settembre, lo sguardo in 10 film

Come detto, l’attacco al World Trade Center avvenuto quel giorno è stato profondamente significativo per la nostra società. Tanti dei cambiamenti che ora diamo per scontati, a partire da una serie di misure di sicurezza molto più rigide negli aeroporti, affondano le proprie radici in quei fatti.

Guardando oltre, allargando lo sguardo sullo scenario geopolitico internazionale, è stato un primo passo per tanti altri eventi successivi. Non ultimi fra questi, quelli legati al ritiro delle truppe dall’Afghanistan che nelle ultime settimane sono stati al centro della cronaca.

Insomma, tutto questo per dire che – in qualche modo – qualsiasi film o serie TV può darci modo di riflettere sull’11 settembre. Pensate all’episodio di Friends in cui Ross corre all’aeroporto riuscendo a raggiungere il gate senza troppi ostacoli o alla puntata dei Simpson in cui Homer si trova a dover correre su e giù per le Torri Gemelle per riuscire a pagare una multa. O ancora, a Spider-Man di Sam Raimi il cui teaser trailer fu rimosso dalle sale in quel settembre proprio perché conteneva un’immagine del World Trade Center, troppo dolorosa da vedere per il pubblico americano. Ma non è di questo che vogliamo parlare.

Oggi abbiamo selezionato 10 film che ci raccontano in maniera più diretta l’11 settembre. Punti di vista e stili differenti per affrontare la riflessione su quanto accaduto in maniera più articolata. Un modo per ricordare ancora, vent’anni dopo.

L’elenco dei nostri consigli

Vediamo quindi insieme quali sono i nostri suggerimenti di film da vedere per riflettere sull’11 settembre. Natualmente siete caldamente invitati a raccontarci le vostre idee, sia su questi titoli sia su quelli eventualmente da aggiungere alla lista.

World Trade Center

Come si può intuire dal nome, questo è probabilmente il film più convenzionale della lista. Diretto da Oliver Stone e distribuito in occasione del quinto anniversario della tragedia, è il punto di partenza necessario per un elenco del genere. Si tratta di una ricostruzione di quella terribile giornata, affrontandola dal punto di vista di poliziotti e soccorritori che hanno fatto di tutto per salvare più persone possibili dal disastro. Un’opera diretta e toccante, forse retorica a tratti ma che anche proprio per questo è importante nella narrazione.

Worth

Qui vediamo un punto di vista completamente differente. Questo film, in arrivo su Netflix dopo un’ottima accoglienza al Sundance dello scorso anno, racconta la storia di Kenneth Feinberg, avvocato chiamato a definire un compenso per le famiglie colpite dalla tragedia. Un dramma che affronta la questione trasversalmente, interrogandosi su come sia possibile dare un valore a una vita umana.

The Report

Pur non trattando direttamente dell’11 settembre, questo film è importante per riflettere su quanto avvenuto dopo. Al centro di The Report troviamo il tema dei metodi utilizzati dalle agenzie americane negli interrogatori, spesso accostati alla tortura. Queste tecniche si inasprirono moltissimo in seguito proprio all’attacco del World Trade Center e così possiamo toccare con mano il lascito di quella giornata. O meglio, una parte, forse la più oscura, di esso.

United 93

Altro grande film immediatamente associabile all’11 settembre, che però non parla delle Torri Gemelle. L’opera di Paul Greengrass si concentra su un altro attacco terroristico di quel giorno, uno che non c’è stato. La storia del volo United Airlines 93 è quella di un gruppo di passeggeri che decide di ribellarsi al dirottatore, di impedirgli di riuscire nel proprio obiettivo terribile, anche a costo dell’estremo sacrificio. Un racconto diverso di quel giorno, ma altrettanto importante.

Reign Over Me

Un Adam Sandler come non lo avete mai visto. Il celebre attore comico qui si trova nei panni di un uomo che ha perso la propria famiglia nella tragedia e che non è più riuscito a rialzarsi. Pur non affrontando strettamente il racconto degli eventi, Reign Over Me ci da il modo di analizzarne l’impatto su chi li ha vissuti o è stato colpito da essi. È un aspetto che si può dare per scontato a volte e che invece è importante ricordare per capire cosa è (anche) stato l’11 settembre.

Molto forte, incredibilmente vicino

Se Reign Over Me ci parlava di un padre che ha perso la famiglia, qui vediamo una famiglia che ha perso il padre. Molto forte, incredibilmente vicino è un’opera toccante in ogni sua parte, che colpirà direttamente al cuore. Non certo una visione semplice, ma la sua capacità di guidarci nel dolore fortissimo di quegli eventi terrificanti merita di essere onorata. Intenso, ma necessario.

Fahrenheit 9/11

Non entreremo nel tunnel di oscuri complotti nati in seguito all’attacco, quasi scontati dopo un evento così enorme. Tuttavia non si può non citare in questo elenco uno dei documentari più celebri di tutti i tempi, che ha solidificato la fama di Michael Moore, che analizza l’amministrazione Bush in maniera profonda, scandagliandola in ogni angolo buio. Pur non essendo completamente incentrato sull’11 settembre è comunque importante da vedere per avere una visione più completa di quanto accaduto in quegli anni.

Zero Dark Thirty

Per chi c’era nei primi anni Duemila, la figura di Osama bin Laden incarnava il male più assoluto. Capo e fondatore dell’organizzazione terroristica Al Qaida, ritenuta responsabile degli attacchi dell’11 settembre, fu a lungo il “nemico pubblico numero 1”, ricercato affannosamente dagli Stati Uniti. Ecco, Zero Dark Thirty ci racconta ogni aspetto di quella ricerca partendo da lontano per arrivare fino all’operazione che ha concluso tutto, con la morte di questo terrorista. È un’opera importante per ricostruire la reazione dell’America a quel giorno infausto.

The Road to Guantánamo

Quell’attacco fu tanto terribile e inatteso, da scatenare quasi letteralmente il caos. Gli Stati Uniti furono presi da una terribile frenesia e ci sono diversi titoli nella lista che la raccontano in qualche modo. Forse però l’esempio più diretto è proprio questo documentario, che narra la storia di tre uomini, cittadini britannici, che per un’assurda serie di circostanze si trovano rinchiusi in uno dei luoghi più terribili della Terra, la prigione di Guantánamo, per ben due anni. Nonostante fossero completamente innocenti.

Il re di Staten Island

OK, con questo stiamo un po’ barando. Il re di Staten Island non parla quasi per niente di 11 settembre. Il protagonista Scott Carlin è un eterno Peter Pan, chiamato a crescere finalmente confrontandosi con il trauma della morte del padre, pompiere caduto in servizio. Se state pensando che questo sia avvenuto proprio durante l’11 settembre vi sbagliate, ma non di molto. La storia di Scott è infatti basata in gran parte su quella del suo interprete Pete Davidson ed è proprio il padre dell’attore che è morto nelle operazioni di salvataggio. Un evento che lo ha segnato tantissimo e che traspare in maniera prepotente da questa pellicola. In questo modo Il re di Staten Island diventa anche un racconto della generazione post-9/11 e di come quell’evento abbia impattato su di loro. Insomma, abbiamo dovuto forzare un po’ le regole per inserirlo in lista, ma ne vale la pena.

E con questo si conclude il nostro elenco di 10 film per riflettere sull’11 settembre. Avete altre idee da suggerire? Siamo pronti ad accoglierle a braccia aperte!

Il Re Di Staten Island
  • Universal
  • Novità
  • Cult

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button