fbpx
News

Apex Legends: il CEO si scusa per il comportamento degli sviluppatori

Dopo la polemica infuriata su Reddit nei giorni scorsi, il CEO di Respawn si scusa per i messaggi di alcuni sviluppatori

Avere a che fare con i clienti è da sempre una delle attività umane che con più sicurezza permette l’accesso diretto al paradiso dopo la morte (o alle patrie galere dopo “l’accidentale” morte del cliente). A darne l’ennesima dimostrazione questa volta è stato il team di sviluppo di Apex Legends. Gli sviluppatori si sono infatti trovati a gestire dei fun delusi e arrabbiati per alcuni recenti meccanismi di microtransazioni introdotti. La cosa non è andata a finire bene.

Il caso su Apex Legends

La polemica è scoppiata a seguito di una skin di gioco ottenibile esclusivamente tramite lootbox. La reazione della community è stata tale da portare la casa di sviluppo a fare marcia indietro e a renderla disponibile anche all’acquisto diretto. A seguito della decisione la software house ha scritto un post sul subreddit Apex Legends scusandosi per la decisione iniziale e dicendo di stare imparando dai propri errori.
La questione tuttavia non è finita lì, in quanto alcuni redditer hanno attaccato gli sviluppatori con insulti e minacce sul piano privato e personale. La reazione dei developer non si è fatta attendere, e intorno al post si è generata una rissa verbale non trascurabile.

    Le scuse

    Dopo che la discussione è stata chiusa (e diversi commenti degli sviluppatori eliminati), nella giornata di oggi il CEO della casa di sviluppo di Apex Legends, Vince Zampella, ha pubblicato una lettera di scuse. In questa da una parte si scusa per i toni tenuti da alcuni developer. Contemporaneamente però si dichiara solidale con loro a causa dei toni decisamente tossici raggiunti da alcuni messaggi, contenenti anche minacce di morte e insulti sul piano personale. Rimarcando ancora una volta la volontà di mantenere uno stretto e sano rapporto con la community.

    Se effettivamente il tono di alcuni sviluppatori è stato sopra le righe e una software house dovrebbe mantenersi al di sopra del livello della discussione qualora questa degeneri, è comunque inaccettabile il tono e i contenuti di alcuni commenti rivolti agli sviluppatori. La delusione provata per il costo di una skin non può in alcun modo giustificare la violenza anche solo verbale rivolta a coloro i quali sviluppano il gioco.

    Via
    Polygon
    Fonte
    Vince Zampella - Twitter
    Tags

    Marco Sacchet

    Studente di ingegneria informatica, nerd da quando ne ho memoria, metallaro impenitente, spero di poter condividere con voi un po' della mia passione per il mondo della tecnologia!
    Next Article
    Close

    Adblock Rilevato

    Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker