fbpx
FeaturedVideogiochi

Dying Light 2, la demo presentata a Colonia

Alla Gamescom 2019 abbiamo visto un'anteprima del titolo di Techland

COLONIA –  Iniziano le anteprime esclusive in diretta da Colonia per la Gamescom 2019. Tra i primi titoli che abbiamo potuto scoprire in esclusiva troviamo Dying Light 2. Sviluppato da Techland, il sequel di questo gioco del 2015 debutterà ufficialmente nella primavera del prossimo anno e in occasione dell’evento tedesco, la stampa ha potuto assistere a una demo in anteprima. Vediamo insieme cosa abbiamo scoperto.

Dying Light 2: un secondo Medio Evo

dying light 2 gamescom colonia 2019 tech princess

Questo nuovo capitolo della saga si ambienta circa 15 anni dopo il primo episodio. Annunciato ufficialmente all’E3 del 2018, Dying Light 2 è (ovviamente) un survival horror come il suo predecessore, ma il mondo che lo circonda si è evoluto parecchio. L’idea è quella di nuovi secoli bui, un Medio Evo moderno, tra bande, feudi e città in cui tecnologie e architetture attuali si mostrano sotto una nuova (o vecchia?) prospettiva.

Dopo una breve presentazione del Lead Designer del titolo, una sorta di riassunto di tutte le informazioni rivelate finora, è iniziata la sessione di gioco. Abbiamo assistito a una lunga missione del protagonista Aiden Caldwell, alle prese con un problema fondamentale per la sua comunità. L’acqua potabile è infatti ormai vicinissima all’esaurimento ed è necessario trovare una soluzione al più presto.

Così ci troviamo catapultati in una serie di vicende intriganti, che passo passo ci mostrano la grande varietà del titolo. Comandando Aiden ci troveremo a passare fluidamente da sequenze di combattimento, a fughe horror, inseguimenti sui tetti (sfruttando le tantissime possibilità offerte dal parkour), momenti più stealth e molto altro ancora.

La continua alternanza di questi aspetti rendono Dying Light 2 un titolo estremamente dinamico. I combattimenti e ancora di più il lato parkour del titolo, promettono in particolare di dare incredibile soddisfazione una volta che avremo imparato a sfruttarli al massimo del loro potenziale.

La caratterizzazione del mondo a cui accennavamo sopra sembra davvero affascinante. Dal punto di vista delle armi, ad esempio, capiterà di trovarsi in mano strumenti estremamente creativi. Durante la demo, il protagonista ha imbracciato una sorta di scorpione portatile, dotato di un’ascia bipenne all’altra estremità per quando finiscono i dardi. Sarà divertente affrontare gli infetti con un’arma del genere.

Il potere della scelta

dying light 2 gamescom colonia 2019 tech princess

La cosa che però colpisce di più di Dying Light 2 è l’implementazione delle scelte. Lungo il corso della nostra avventura dovremo infatti prendere tante decisioni differenti, che avranno un impatto davvero fondamentale sul titolo. Non si tratta solo di piccole variazioni di percorso, ma di concrete modifiche nel roster dei personaggi, nella trama del titolo e anche nelle aree disponibili nel mondo di gioco.

A rendere davvero efficace questo meccanismo è la narrazione di Dying Light 2. Ci troveremo davanti a personaggi altamente manipolatori, che sapranno instillarci seri dubbi in ogni nostra decisione. E se in alcuni casi avremo a disposizione molto tempo per pensarci, in altri saremo chiamati a scegliere molto velocemente.

Le opzioni che ci troveremo davanti non saranno un semplice ‘scelta buona vs scelta cattiva’, ma bivi veri. Spesso sarà difficile prevedere le effettive conseguenze delle nostre decisioni, che potrebbero avere effetti molto diversi da quelli che speravamo.

Insomma, le impressioni dopo questa anteprima di Dying Light 2 sono ottime. Attenderemo con grande curiosità i prossimi mesi per poter esplorare questo titolo.

Dying Light 2 sarà disponibile a partire dalla primavera 2020 su PlayStation 4, Xbox One e PC.

Tags

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker