fbpx
MotoriNews

L’Auto dell’Anno 2020 è la Peugeot 208, battuta la Tesla Model 3

Nonostante tutto, l’Auto dell’Anno 2020 sarà comunque proclamata a Ginevra, in diretta streaming.
La chiusura al pubblico del Salone di Ginevra per l’edizione 2020 non ferma il premio, che verrà comunque consegnato oggi, come previsto già nella sua versione “fisica”.

La proclamazione arriverà proprio dal Palexpo, casa del Salone, che sarà vuoto per l’occasione ma con gli occhi puntati da tutto il mondo per scoprire quale sarà la nuova Auto dell’anno per il 2020.

Che cos’è il premio Auto dell’Anno

Il premio Auto dell’Anno è un riconoscimento che dalla prima edizione del 1964 proclama la migliore automobile presentata in Europa durante l’anno precedente.

Auto dell'anno 2020

La migliore auto presentata durante i 12 mesi precedenti al Salone è quella che si è distinta per tecnologia, contenuti, design, spazio o grandi innovazioni.
In quasi 60 anni di storia, infatti, hanno vinto auto sportive come Porsche 928 e auto bellissime come Fiat 500. Oppure, auto pratiche e di sostanza come FIAT Uno e auto che introducevano un nuovo segmento, come Renault Mègane Scenic, la prima Monovolume a vincere il premio.

Non solo design e sostanza: negli anni, sono state premiate anche tecnologie nuove ed innovative, come il motore rotativo Wankel di NSU Ro80, vincitrice nel 1968, oppure la democratizzazione della mobilità elettrica attuata dalla Nissan Leaf, vincitrice nel 2011.

Il premio viene assegnato da una giuria di 60 membri provenienti da oltre 23 Paesi, ed è organizzato da otto giornali europei del settore: Auto (Italia), Autocar (Inghilterra), Autopista (Spagna), L’Automobile (Francia), Autovisie (Paesi Bassi),  Vi Bilägare (Svezia) e Stern (Germania).

Le Finaliste del premio Auto dell’Anno 2020

Le candidate al premio di Auto dell’Anno erano ben 25.
Dopo una scrematura, siamo arrivati alla rosa di sette finaliste in corsa per il premio Auto dell’Anno 2020.
Mai come quest’anno la rosa delle finaliste è eterogenea e molto varia per prezzi di listino, carrozzerie ed alimentazioni.

Abbiamo infatti due utilitarie da poco più di 20 mila euro, una vera supercar da oltre 150 mila euro e uno 0-100 da 2,9 secondi come la Taycan.
Nella rosa delle candidate ci sono due elettriche, Porsche Taycan e Tesla Model 3, e una ibrida, Toyota Corolla.

Non mancano poi le francesi Peugeot 208 e Renault Clio, la crossover Ford Puma e BMW Serie 1 (F40), la prima Serie 1 a trazione anteriore e la prima non-SUV della Casa di Monaco con questo layout tecnico.

Ogni auto ammessa alla finale riceverà un voto da 1 a 10 da ognuno dei 60 membri.
La somma di tutti i voti andrà a delineare la vincitrice del premio!

E la vincitrice è…. la Peugeot 208!

La vincitrice del premio Auto dell’Anno 2020 è, con 281 punti, Peugeot 208!
È una grande vittoria per Peugeot, alla sesta vittoria, la terza negli ultimi 10 anni dopo le vittorie di 308 (2014) e 3008 (2017).

Peugeot 208 ha fatto suo il premio grazie alla splendida linea, davvero riuscita, da un interno spazioso e con linee originali e d’effetto. Ha fatto il suo gioco anche l’ottima guidabilità ma ciò che l’ha fatta vincere è stato il suo ruolo nella transizione all’elettrificazione.

È infatti la prima auto che è stata progettata e lanciata sia con motorizzazioni tradizionali, benzina e diesel, che in versione elettrica, la e-208.
Per questo, la Peugeot 208 si pone come l’auto capace di effettuare il passaggio da un mondo a pistoni ad un mondo elettrificato, e merita il premio di Auto dell’Anno 2020.

E voi? Siete d’accordo con questa scelta? Avreste scelto anche voi la Peugeot 208? O avreste preferito una delle sue rivali?

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button