fbpx
LifestyleNews

Perchè il Blue Monday è il giorno più triste dell’anno

Ecco svelato perchè oggi, 17 Gennaio, è una giornata tanto triste

Se stamattina vi siete svegliati con un umore pessimo, non preoccupatevi. È il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno – o almeno così dicono gli esperti -. Ogni anno, nel terzo lunedì di Gennaio si concentra tutta l’infelicità possibile ed immaginabile. Complici il clima freddo e grigio (soprattutto in alcune città), il conto bancario prosciugato dalle spese di Natale, i chili di troppo accumulati nel corso dei mesi invernali, i giorni che mancano alle vacanze estive e molto altro ancora. Insomma, il 17 Gennaio 2022 non è certo il miglior giorno dell’anno. Ma almeno consoliamoci del fatto che questa enorme tristezza, almeno oggi, ci accomuna tutti. In ogni caso, cerchiamo di capirne il perchè.

Blue Monday: perchè il 17 Gennaio è così triste

Ngli ultimi anni il Blue Monday ha fatto molto parlare di sè. La situazione globale, a causa della pandemia, è tutt’altro che positiva, e questa ricorrenza è diventata una perfetta occasione per lasciarsi andare alla stanchezza e alla tristezza dovute a queste enormi difficoltà. Ma perchè il terzo lunedì di Gennaio viene definito “blu”? Nella scienza dei colori, il blu è associato ai sentimenti di tristezza e depressione. Non a caso, nella lingua inglese si utilizza la frase “I feel blue” per riferire quando ci si sente giù di morale. E così pure nella lingua francese, in cui l’espressione “avoir les blues” viene utilizzata per esprimere sentimenti di tristezza e malinconia.

Al di là di questo, cos’è che rende davvero triste questa giornata? Secondo un’indagine condotta da Infojobs sul Blue Monday, la prima causa di tanta tristezza sarebbe da ricercare nelle tensioni sul posto di lavoro (44,1 %) e nei difficili rapporti con capo e colleghi. Il 37,5 % degli intervistati, invece, riferisce di essere triste perchè svolge un lavoro diverso da quello che ha sempre sognato. Tra le altre motivazioni individuate dalla ricerca ci sono uno stipendo poco soddisfacente, l’impossibilità di far combinare le esigenze professionali con quelle personali (21 %) e, infine, gli orari di lavoro assolutamente non rispettati (14 %). Insomma, buona parte della tristezza el Blue Monday sembra dipendere proprio dalle questioni professionali.

Ma un altro dato interessante ci viene riferito dalla ricerca di Infojobs. Secondo il 74.7 % degli intervistati, infatti, il lunedì non è il peggior giorno della settimana. Anzi, il 16.1% di questa maggioranza sostiene addirittura che il lunedì è la giornata in cui si sentono più energici, potendo contare sulla “ricarica” del weekend. Soltanto il 25.3 % delle persone interrogate ha definito il lunedì come il peggior giorno della settimana. Eppure, nonostante questo, il Blue Monday sembra non lasciarci scampo. È il giorno peggiore dell’anno, ma noi possiamo riuscire a superarlo. In fondo, mancano solo 13 ore per arrivare a martedì.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button