fbpx

BVA-Doxa ha recentemente realizzato un’indagine per Visa, in collaborazione con FEduF. Questa indagine è stata condotta su un campione di 500 ragazzi italiani tra i 18 e i 25 anni e riguarda il ruolo della tecnologia e del digital nella vita dei ragazzi.

Secondo l’indagine condotta da BVA-Doxa, metà delle persone intervistate utilizza sempre app o siti per prenotare in ristoranti o per ordinare cibo che, successivamente, gli viene consegnato a casa. Altrettanti, poi, utilizzano il loro smartphone nelle attività fisiche ma anche come navigatore per cercare percorsi e tutti gli intervistati hanno rivelato di utilizzarlo per gestire le loro attività scolastiche.

Il digital in dettaglio

Il 42% dei ragazzi afferma che il digital è presente in tutti gli ambiti della loro vita: pochi sono d’accordo con la difficoltà di non riuscire a distinguere tra digital e realtà (18%). Un po’ meno della metà, invece, sono d’accordo nel constatare che il denaro contante non sparirà (42%) e consapevoli che i pagamenti dematerializzati hanno facilitato la loro vita (42%).

Lo smartphone è un elemento importante anche nella mobilità: il 37% utilizza app per sharing di mezzi di trasporto e il 42% paga i mezzi pubblici attraverso esso. L’uso dello smartphone non si limita solo a ciò, viene infatti utilizzato anche per la prenotazione delle vacanze: circa il 60% ha affermato di utilizzarlo per prenotare voli aerei, case e alberghi online.

Insieme agli smartphone sono importanti anche gli assistenti vocali, il cui utilizzo è in continua crescita: i giovani li usano per chiedere informazioni, ascoltare musica e anche per divertimento. Ciò significa che il mondo del digital entra in modo significativo nella gestione dell’intrattenimento: il 60% afferma di giocare sempre con il proprio smartphone, l’87% guarda brevi video dai social e ascolta musica e, infine, il 66% guarda film e serie tv.

Il digital nei pagamenti

Il digital assume un ruolo importante anche in ambito pagamenti, a partire dalla gestione degli acquisti online, all’uso dell’app della propria banca fino ad utilizzare il proprio smartphone come vero e proprio strumento per effettuare i pagamenti.

L’indagine di BVA-Doxa ha rivelato che l’88% utilizza carte per i pagamenti e il 47% possiede un conto corrente personale. Tra le carte più utilizzate troviamo la prepagata (60%), seguita dalla carta di debito (46%) e poi la carta di credito (33%).

Nel complesso si può affermare che il 39% gestisce il proprio denaro attraverso i contanti, mentre il 60% attraverso forme dematerializzate di denaro (carte, app di pagamento). I contanti vengono preferiti per la maggior parte dei pagamenti sotto i 15 euro (circa il 75%), per gli scambi di denaro con gli amici (56%) e per le spese al bar/fast food (75%).

Per pagare nei locali, ristoranti, pizzerie o anche per la spesa alimentare, si ricorre spesso all’utilizzo di carte. I giovani, infine, sono molto inclini agli acquisti online, scelti principalmente per convenienza: circa il 41% utilizza le carte prepagate per i propri acquisti online.

 

 


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Veronica Ronnie Lorenzini

author-publish-post-icon
Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.