fbpx
CulturaNewsSpettacoli

Ban temporaneo per il canale Twitch di Fedez

Il canale Twitch di Fedez è, ad oggi, uno dei più seguiti nel nostro Paese. Ormai da mesi il rapper intrattiene migliaia di persone con la sua Tana del Boomer, portando contenuti di ogni genere: dalla live con Mara Maionchi dedicati a LOL – Chi ride è fuori fino agli scacchi in compagnia dell’amico e YouTuber Luis. La scura di Twitch però si è abbattuta anche su Fedez con un ban che, fortunatamente, è durato solo 24 ore.

Il canale Twitch di Fedez bannato ma per quale motivo?

Partiamo da un presupposto importante: Twitch non svela mai il motivo del ban. Gli utenti quindi hanno semplicemente visto sparire il canale. Digitando infatti l’indirizzo della pagina veniva visualizzato il seguente messaggio:

Peccato! A meno che tu non abbia una macchina del tempo, questo contenuto non è disponbile”.

Il ban però è durato solo 24 ore, tra il 23 e il 24 aprile, così come indicato dal sito Streamerbans.com. Una giornata che è stata sufficiente a far sviluppare decine di teorie diverse sull’accaduto, spiegate un po’ su tutti i social network. La motivazione più accreditata parla di un inquadratura sbagliata durante una live con un altro streamer, Homyatol, che avrebbe sculacciato Fedez in diretta.

fedez tana del boomer
Il canale Twitch zedef

Il rapper non ha lasciato dichiarazione a riguardo e a questo punto difficilmente lo farà. Il canale infatti è tornato visibile e Fedez potrà tornare a fare le sue live su Twitch. Non sembra poi nell’indole del cantante polemizzare su un evento che dipende dagli algoritmi della piattaforma, che applica le sue regole in modo ferreo ed indistinto.

Ora non ci resta che attendere le prossime dirette e vedere cos’altro succederà all’interno dell’ormai famosa Tana del Boomer.

Offerta

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button