fbpx
FotocamereFotografiaNews

Canon EOS R3, nuova forma all’orizzonte

È in fase di sviluppo la nuova Canon EOS R3

Canon annuncia lo sviluppo di EOS R3. Da tanto tempo mancava una fotocamera “3” nel catalogo Canon, l’ultima infatti era la EOS 3 a pellicola del 1998. Da quel passato glorioso possiamo capire dove si potrebbe inserire la nuova classe di fotocamera digitale: mirrorless avanzata dall’animo sportivo o per il reportage. In futuro potrebbe diventare un secondo corpo per l’ammiraglia ancora da venire. 

Una forma che mancava

La prima cosa che salta all’occhio di tutti è la forma: quadrata. Canon EOS R3 integra l’impugnatura verticale, così importante per chi scatta su base quotidiana; è logico aspettarsi anche una batteria in linea con le prestazioni generali. Il corpo, di chiaro stampo professionale, è dotato di una protezione dagli agenti atmosferici dello stesso livello visto con le DSLR serie 1D.

La nuova Canon EOS R3

Raffiche pari al video

Le informazioni tecniche sono ancora ristrette ma sufficienti ad alzare l’attenzione. Si parla di velocità di ripresa pari al video: 30 fotogrammi al secondo. Finalmente la rivincita dei fotografi sportivi contro chi vende i fotogrammi video nelle competizioni.

Questo risultato da fuoriclasse è dovuto alla nuova tecnologia Stacked BSI per il sensore. Il sensore è costruito a strati per ospitare un’elettronica di gestione molto più avanzata, permettendo una cadenza di ripresa di 30 fotogrammi al secondo. Al suo interno troviamo anche il nuovo sensore autofocus Dual Pixel CMOS AF II.

Alle alte velocità di ripresa la fotocamera è in grado di seguire il soggetto tracciando occhi, testa e corpo; tutto grazie al processore d’immagini DIGIC X di nuovo sviluppo.

Canon promette una distorsione contenuta dell’immagine quando si lavora così ad alta velocità, quindi l’effetto Rolling Shutter sarà presente ma in modo modesto.

Canon EOS R3: gestione AF con l’occhio

Una eredità del passato che ritorna, e che farà discutere, è l’AF gestito dall’occhio del fotografo. La selezione del punto di messa a fuoco può essere impostata in modo che la fotocamera rilevi in quale direzione stia guardando il fotografo. Tecnicamente è interessante, ma dal lato pratico è una funzione per la quale il fotografo deve avere, appunto, l’occhio. In passato nelle varie generazioni successive alla EOS 3 questa funzione è stata rimossa. I tempi sono cambiati, le tecnologie pure e non ultimi anche i fotografi. Sarà una rivoluzione?

Nei prossimi mesi arriveranno altre informazioni importanti come la risoluzione del sensore, le capacità video e soprattutto il prezzo. 

Canon EOS R5 BODY, nero
  • Risoluzione da 45 megapixel
  • 20 fotogrammi al secondo
  • Video interni full frame 8K in formato RAW

Maurizio Costa

Fotografo. Col tempo ho approfondito sempre di più la componente tecnica e informatica che gira attorno alla fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button