fbpx
NewsTech

Anche LinkedIn sta lavorando ad una funzione in stile Clubhouse

LinkedIn sta lavorando ad una nuova esperienza audio in stile Clubhouse

Clubhouse sembra davvero aver rivoluzionato il panorama dei social network. L’esperienza audio, infatti, è piaciuta non soltanto agli utenti, ma anche alle altre piattaforme. E dopo Twitter e Facebook, ora anche LinkedIn sta lavorando ad una funzione che permetta di entrare in contatto con il proprio network utilizzando esclusivamente la voce. Chiaramente, al pari di tutte le altre funzionalità del social, anche questa avrà una declinazione professionale.

Clubhouse: anche LinkedIn copia l’esperienza delle Stanze Audio

Considerato l’incredibile successo di Clubhouse non c’è da stupirsi che le piattaforme abbiano deciso di copiare la funzione delle Stanze Audio. E questo vale anche per LinkedIn, che proprio ieri ha lanciato la nuova modalità “Creator”, che consente di impostare il proprio profilo per essere seguiti dagli utenti per aggiornamenti di ogni genere, come Stories o LinkedIn Live. È abbastanza chiaro, allora, che la possibilità di avviare una Room in stile Clubhouse si inserisca perfettamente tra i nuovi strumenti dei Creator.

D’altronde, LinkedIn sostiene di aver cominciato a lavorare ad un’esperienza audio proprio perchè i suoi utenti hanno l’esigenza di connettersi con la community. “Stiamo effettuando alcuni primi test per creare un’esperienza audio unica collegata alla vostra identità professionale. E stiamo cercando di capire come portare l’audio ad altre funzioni di LinkedIn come eventi e gruppi, per dare ai nostri membri ancora più modi per connettersi alla loro comunità“. Così Suzi Owens, portavoce di LinkedIn, ha confermato che la piattaforma sta lavorando ad una nuova funzione in stile Clubhouse.

Clubhouse LinkedIn
Credits: LinkedIn

Di recente, la stessa piattaforma ha condiviso un’immagine dettagliata di come apparirà l’interfaccia della nuova esperienza audio. A quanto pare, ci saranno un palco virtuale che ospiterà gli speaker ed una platea che raccoglierà gli ascoltatori. E gli utenti avranno a disposizione strumenti per entrare o uscire dalla stanza, chiedere di intervenire o reagire a quanto viene detto. Secondo LinkedIn, poichè l’esperienza audio sarà collegata alle identità professionali degli utenti, questi si sentiranno maggiormente a proprio agio nel parlare, commentare e interagire.

Inoltre, la piattaforma si è detta pronta ad utilizzare gli strumenti di moderazione costruiti per funzionalità come LinkedIn Live anche per le Stanze Audio in stile Clubhouse. “La nostra priorità è creare una comunità di fiducia in cui le persone si sentano al sicuro e possano essere produttive. I nostri membri vengono su LinkedIn per avere conversazioni rispettose e costruttive con persone reali e il nostro obiettivo è garantire che trovino un ambiente sicuro per farlo“.

Insomma, anche LinkedIn ha ceduto all’esperienza audio. E a buona ragione. Il networking online sembra aver avuto un’accellerazione non indifferente per via dell’emergenza Covid-19. Non c’è da stupirsi, allora, che la piattaforma voglia fornire ai suoi utenti un nuovo strumento per connettersi tra di loro. Le Stanze stile Clubhouse.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button