fbpx
NewsSoftwareTech

Come cambiano le condizioni di servizio di YouTube

Tutti gli abbonati di YouTube hanno ricevuto una email riguardo al cambio delle policy, ecco cosa implica

Google annuncia alcuni cambiamenti nelle condizioni di servizio di YouTube, la più ambia piattaforma di streaming al mondo. Il servizio modifica alcune policy che sono già attivate da qualche mese in America, ma diventano operative in tutta Europa a partire dal 1 giugno 2021.

Cosa cambia con le nuove condizioni di servizio di YouTube?

Se siete iscritti a YouTube in questi giorni avete ricevuto una email riguardo al cambio di policy della piattaforma. I cambiamenti annunciati non modificano in modo sostanziale la fruizione della piattaforma da parte degli utenti. Ma cambiando le condizioni soprattutto per i creatori.

Il cambiamento più significativo riguarda la possibilità di monetizzare tutti i video sulla piattaforma. “YouTube ha il diritto di monetizzare tutti i contenuti presenti sulla piattaforma e di inserire annunci nei video di canali che non aderiscono al Programma partner di YouTube”. In sostanza, gli annunci arrivano anche nei video dei canali che non hanno accettato di diventare partner e pubblicano video senza compenso. In questi video Google potrà inserire pubblicità senza pagare chi ha caricato il video.

Inoltre Google tratta i pagamenti dei diritti pubblicitari ai creatori come avviene per il pagamento delle royalty nel fisco degli Stati Uniti, applicando le opportune trattenute. Infine, il nuovo regolamento sanziona espressamente l’utilizzo di tecnologie per il riconoscimento facciale sui video di YouTube. Questo divieto era già espresso in termini più ampi ma ora Google lo specifica chiaramente.

video youtube condizioni di servizio

Come rifiutare

Se utilizzerete YouTube dopo il 1 giugno 2021, accetterete implicitamente le nuove condizioni. Google invita gli utenti che non vogliono rispettare le nuove normative a rimuovere i video caricati e interrompere l’utilizzo del servizio. Anche se alcune licenze potrebbero restare valide in base alle modalità descritto nelle policy di Google.

In pratica, se avete caricato dei contenuti che non avete intenzione di monetizzare (un video con una canzone scritta da voi, uno spettacolo teatrale di quartiere, ecc) dovete scegliere se rassegnarvi all’idea che Google inserisca delle pubblicità, oppure rimuoverlo dalla piattaforma.

Se invece decidete di monetizzare i vostri video, vi raccomandiamo di seguire le linee guida a riguardo. E di leggere la nostra Guida a YouTube per darvi una mano.

OffertaBestseller No. 1
Logitech StreamCam per Streaming Live e Creazione di...
  • Logitech Capture, questo software per la registrazione e lo streaming di video rende la creazione di contenuti con...
  • Full HD 1080p a 60 fps, regala ai tuoi fan un'esperienza di streaming ultra-fluida e di alta qualità con movimento...
  • Messa a fuoco automatica ed esposizione intelligenti, dedica tutta la tua attenzione ai dettagli che fanno la differenza...
Source
Il Giorno

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button