fbpx
Videogiochi

DOTA 2: la Russia vince il montepremi più alto della storia ai mondiali

Lo scorso fine settimana si è svolta la finale mondiale del torneo di DOTA 2, che ha visto la vittoria della Russia, rappresentata dal Team Spirit. Gli atleti si sono portati a casa un enorme premio in denaro e le congratulazione del presidente Putin in persona, un segno piuttosto evidente di come gli esport siano un tema sempre più centrale e di conseguenza preso in considerazione anche dalla politica.

La vittoria della Russia ai mondiali di DOTA 2

Team Spirit ce l’ha fatta: il team russo si è portato a casa il Trofeo Aegis a The International 2021, il torneo che si celebra ogni anno sullo sfondo del videogioco Dota 2. Vista l’occasione prestigiosa anche il premio in denaro non è stato da meno, dato che stiamo parlando del montepremi più alto nella storia degli esport. Ben 18.2 milioni di dollari da spartire tra i cinque membri del team.

Vista la grande vittoria degli atleti, con loro si è congratulato persino Vladimir Putin in persona, che ha espresso la sua soddisfazione nei confronti del team.

Ecco il suo messaggio in versione integrale:

“Congratulazioni per la vostra meritata vittoria al The International 2021, il torneo mondiale di DOTA 2. Per la prima volta nella storia, i russi del Team Spirit hanno vinto questa prestigiosa competizione. Ben fatto! Nel percorso verso la finale avete dimostrato incredibili doti di leadership e solidarietà. Nello scontro decisivo, il quale è stato un terreno di prova per abilità e personalità, siete riusciti a restare concentrati e a impedire agli avversari di reagire nei momenti cruciali. È stato quindi dimostrato che i nostri esportivi sono in grado di raggiungere obiettivi a livello mondiale e non hanno limiti.”

Naturalmente il fatto che sia stato il presidente stesso a congratularsi con il team è indicativo, nonché un segno evidente che l’importanza degli eSport a livello globale stia crescendo. Solo qualche anno fa sarebbe stata impensabile una tale risonanza politica infatti, senza contare del premio in denaro in sé, tanto alto da far gola a molti.

Un’enorme soddisfazione per il team 

A contribuire alla vittoria del Team Spiriti ci sono stati molti fattori, ma il principale è sicuramente la notevole preparazione dei singoli membri del gruppo. La squadra ha sede a Mosca, ed è la prima dell’Est Europa a vincere dai tempi dell’ucraina Natus Vincere (Na’Vi). Quella vinta dai Na’Vi era proprio la prima edizione del The International, che si giocò alla Gamescom di Colonia, in Germania, nel 2011.

Ovviamente da quel giorno ne è passata di acqua sotto i ponti e il fenomeno esport ha cambiato completamente faccia, soprattutto per quanto riguarda il premio in denaro. Allora il montepremi era di “solo” un milione di dollari, mentre quello di quest’anno ammontava in totale a ben $40 milioni tra primi, secondi e terzi classificati.

DOTA 2 Russia

C’è da dire che il valore del premio in denaro è frutto, in parte di circostanze ambientali. Nel 2020 infatti il torneo non si è svolto a causa del COVID e il montepremi dell’anno scorso è confluito nell’edizione 2021, portando le cifre a numeri mai visti prima.

Purtroppo però anche quest’anno, nonostante i tentativi, l’evento si è giocato senza la presenza del pubblico a causa dei provvedimenti del governo ungherese per l’emergenza sanitaria.

Offerta
Razer Viper Ultimate Wireless Gaming Mouse, Gioco Sensore...
  • TECNOLOGIA WIRELESS RAZER HYPERSPEED RAPIDA: Con una trasmissione ad alta velocità, una latenza bassa e un cambio di...
  • SENSORE OTTICO 20K RAZER FOCUS+: Il sensore ottico da 20.000 DPI con una precisione di risoluzione del 99.6% assicura il...
  • SOLO 74 G PROGETTATO PER GLI ESPORT: Il Razer Viper Ultimate è il mouse da gioco senza fili leggero e senza nessun...

Francesco Castiglioni

Incallito videogiocatore, appassionato soprattutto di Souls e Monster Hunter, nonché divoratore di anime e manga. Scrivere di videogiochi è la mia vocazione e la porto avanti sia qui su Tech Princess che sul mio canale YouTube.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button