fbpx
Videogiochi

Elden Ring: l’anteprima svela tanti nuovi dettagli sul gioco

Durante il weekend, FromSoftware e Hidetaka Miyazaki hanno condiviso nuove informazioni in merito ad Elden Ring, in occasione di una lunga anteprima con la redazione di Game Informer. Oltre ad avere rivelato dettagli molto interessante sulla nuova avventura creata a quattro mani con George R.R. Martin, sono stati rivelati anche due video inediti riguardanti il gioco.

Elden Ring: l’anteprima svela nuovi dettagli sul gioco

Come era già stato anticipato durante le scorse settimane, Miyazaki ha confermato durante l’intervista che Elden Ring sarà pieno di rimandi ed easter egg ai vecchi lavori di FromSoftware, un buon esempio di gioco è lo Spadone della Luna, che ha quanto pare sarà presente in qualche forma anche nella nuova opera dello studio. Ma non solo: ci saranno anche altri elementi ricorrenti che faranno sorridere i fan.

Il director infatti ha dichiarato in modo piuttosto enigmatico che: “Il gioco è così grande che mi sono quasi sentito obbligato a includere questi oggetti. Quindi sì, potrete trovarli, ma dovrete cercarli molto bene”. Chiaramente non è possibile capire in anticipo di cosa stia parlando Miyazaki, ma siamo sicuri che nel gioco completo ci troveremo davanti a numerose soprese in questo senso.

E se pensavate che questa volta non avremmo avuto l’ormai tradizionale palude venefica dovreste ricredervi, perché il designer ha dichiarato di averne inserita non solo una, ma molteplici all’interno del gioco. Come se non bastasse è stato fatto riferimento anche ad una nuova alterazione di stato chiamata Scarlet Rot, che secondo quanto dichiarato dovrebbe essere particolarmente letale e pericolosa.

Nel video di gameplay condiviso è possibile anche dare un’occhiata ad una nuova area di gioco, chiamata Liurnia of the Lakes, una zona, l’avete indovinato, paludosa, dove è possibile imbattersi in diversi nemici davvero singolari e pericolosi. Vi consigliamo di dare un’occhiata al video qui sopra per farvi un’idea più precisa.

Classi ed esplorazione

Tra gli argomenti toccati da Game Informer nell’intervista con Miyazaki c’è stato anche il tema delle classi iniziali, da cui sono scaturite delle informazioni davvero molto interessanti. Prima di tutto il director non ha specificato quante ce ne saranno nel gioco completo, ma è probabile che vedremo le stesso del network test con qualche aggiunta degna di nota.

Una di queste in particolare è il Wretch, ovvero il buon vecchio Discriminato dei vecchi titoli, che inizia il gioco da nudo e, probabilmente, senza armi. Parlando di lui, Miyazaki ne ha sconsigliato l’utilizzo ai neofiti del genere, sebbene questo tipo di personaggio iniziale è uno di quelli con più potenziale di crescita, dato che storicamente inizia sempre con delle statistiche molto equilibrate.

Confermata anche la presenza di un hub centrale, a cui possiamo accedere tramite Melina e dentro il quale potremo intrattenere varie conversazioni con gli NPC del gioco. Dato che si tratta di un centro accessibile tramite teletrasporto è possibile che ci troveremo davanti ad una struttura simile al Nexus di Demon’s Souls, ovvero totalmente scollegato dal resto del mondo di gioco.

Nell’anteprima, in ogni modo, abbiamo potuto dare un’occhiata anche ad un luogo chiamato Castello di Mourne, un nome che suonerà familiare a tutti coloro che hanno giocato Dark Souls tre, di cui potete vedere il video gameplay qui sopra.

Elden Ring Launch Edition - PlayStation 4
  • La Launch Edition include: Gioco ELDEN RING (su disco), Poster, Art cards, Set di stickers, Toppa in tessuto
  • Prenota ora ELDEN RING per ottenere l’accesso ai seguenti contenuti: Guida Digitale all’Avventura, contenente utili...
  • Gesto bonus* “L’ANELLO” – Ricevi il gesto “L’ANELLO” all’inizio del gioco. *Il gesto può essere...

Francesco Castiglioni

Incallito videogiocatore, appassionato soprattutto di Souls e Monster Hunter, nonché divoratore di anime e manga. Scrivere di videogiochi è la mia vocazione e la porto avanti sia qui su Tech Princess che sul mio canale YouTube.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button