fbpx
Videogiochi

Elements è il nuovo action game sviluppato da Wreckit Games

L'attrice Patricia Summersett interpeterà Nyah

Elements è il nuovo videogioco action distribuito dal publisher Apogee Entertainment e sviluppato dal team di Wreckit Games. Sarà distribuito sulle principali console e su PC nella parte finale del 2022, per cui gli appassionati dovranno attendere il titolo ancora per un bel pò.

A dare vita sullo schermo all’eroina Nyah ci penserà Patricia Summersett, attrice molto nota nel mondo dei videogiochi. Ha infatti animato Ash di Rainbow Six: siege, Galina di Assassin’s Creed: Syndicate, La Principessa Zelda in The Legend of Zelda: breath of the Wild e in Hyrule Warriors: Age of Calamity. Un curriculum, insomma, davvero degno di nota.

L’ambientazione e le modalità del videogioco action Elements

Nel gioco saremo chiamati ad esplorare Elemythia, una vasta e lussureggiante terra di stregoni, guerrieri e segreti da scoprire per migliorare le proprie abilità e poteri. Il nostro scopo sarà quello di salvare la terra di Nyah e Beckett, personaggi chiave del gioco, e otto pietre elementali incantate sembrano essere la chiave per farlo.

Il mondo di gioco presenterà una grande varietà, grazie a paesaggi innevati, laghi maestosi e scenari pianeggianti. Gli utenti dovranno risolvere enigmi e superare nemici combattendo tramite spade, armi e poteri magici. Ogni pietra elementale che i giocatori troveranno consegneranno ai personaggi nuovi e incredibili poteri e abilità.

elements action game halifax

Il gioco è pensato per essere goduto sia dai giocatori più navigati e con qualche anno sulle spalle che dai più piccoli. I genitori potranno acquistare “Elements” senza paura che i propri figli affrontino situazioni non adatte alla loro età.

Elements arriverà nel Q4 (fine anno) del 2022, e sbarcherà su una gran varietà di piattaforme. Sarà disponibile per PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X / S, Nintendo Switch e PC (tramite lo store digitale di Steam). Il gioco arriverà quindi sia su console next-gen che old-gen, ma ciò è più che prevedibile vista la bassa distribuzione delle nuove macchine.

Source
Comunicato Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button