NewsTech

Facebook: in arrivo una multa miliardaria dall’Europa?

Il Wall Street Journal riporta che il social network per eccellenza potrebbe ricevere una multa salata dall'Europa.

Il recente attacco hacker subito da Facebook potrebbe costare davvero molto caro al social network più famoso al mondo. Oltre all’ovvio danno di immagine conseguente a una violazione così rilevante, dall’Unione Europea potrebbe arrivare una nuova perdita economica.

Quasi un miliardo e mezzo di euro di multa

Stando a quanto riportato dal Wall Street Journal infatti, la Commissione irlandese per la tutela dei dati, a cui il social network blu deve rispondere in tema di privacy, ha richiesto chiarimenti sulla natura dell’attacco.

Al momento si tratta solo di una fase preliminare, ma se fossero scoperte delle violazioni nelle norme europee, la compagnia di Zuckerberg si troverebbe a dover pagare una multa molto salata. Sembra infatti che la cifra si aggirerebbe intorno a 1,63 miliardi di dollari. Al cambio attuale sarebbero poco meno di un miliardo e mezzo di euro.

Un importo decisamente rilevante, anche per un’azienda come Facebook. Le autorità irlandesi hanno chiarito comunque che l’interesse è principalmente comprendere se la compagnia possa chiarire la natura dell’attacco ed eventualmente i rischi corsi dai suoi utenti. Dopotutto, in seguito alla violazione di oltre 50 milioni di account è logico che ci siano verifiche approfondite.

Il vostro profilo era tra quelli attaccati negli ultimi giorni? Avete subito dei danni? Fateci sapere cosa ne pensate!

Via
TGCOM24
Fonte
Wall Street Journal
Tags

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker