fbpx
Oculus Quest 2 Facebook copertina

Facebook indagato in Germania per la gestione di Oculus
L'Antitrust tedesco apre un'indagine su Facebook per la decisione di collegare Oculus all'account social


Strane vicende per Facebook in Germania, dove ieri il Federal Cartel Office – Bundeskartellamt – ha avviato una serie di indagini sull’azienda. I regolatori tedeschi, a quanto pare, sarebbero interessati soprattutto ad indagare la decisione della piattaforma di consentire agli utenti l’utilizzo di Oculus Quest 2 soltanto tramite account Facebook.

Stando a quanto riferito da Andreas Mundt, Presidente dell’autorità per la concorrenza, “collegare i prodotti di realtà virtuale e il social network del gruppo in questo modo potrebbe costituire un un abuso di posizione dominante da parte di Facebook, che è proibito“. Ma vediamo più nel dettaglio cosa è successo.

facebook Germania oculus quest 2

Facebook: Germania indaga il comportamento della piattaforma

Con il suo social network Facebook detiene una posizione dominante in Germania ed è anche già un attore importante nel mercato emergente, ma in crescita, della realtà virtuale. Intendiamo esaminare se e in che misura questo accordo di abbinamento influenzerà la concorrenza in entrambe le aree di attività“. In poche parole, l’Antitrust tedesco vuole assicurarsi che la fama di Facebook non influisca in modo negativo sulla concorrenza del settore.

Dal canto suo, l’azienda di Zuckerberg ha già sospeso la vendita di Oculus Quest 2 in Germania, già prima dell’avvio dell’indagine. “Sebbene i dispositivi Oculus non siano attualmente disponibili per la vendita in Germania, collaboreremo pienamente con il Bundeskartellamt e siamo fiduciosi di poter dimostrare che non ci sono basi per le indagini“, coì ha riferito un portavoce della piattaforma.

L’indagine tedesca arriva un giorno dopo che il social network è stato citato in giudizio dai regolatori statunitensi, che lo hanno accusato di aver abusato del suo potere di mercato. Non è però la prima volta che il Bundeskartellamt muove delle accuse nei confronti di Facebook.

Lo scorso anno, ad esempio, l’Antitrust tedesca ha stabilito che la piattaforma stava sfruttando il suo predominio nei social per targetizzare al meglio gli annunci pubblicitari. In sostanza, ai regolatori non è piaciuto che il social indirizzasse gli utenti a condividere i propri dati personali con la piattaforma passando per App come WhatsApp e Instagram. Il caso sarà discusso prossimamente dalla Corte di Dusseldorf. Nel frattempo le indagini su Facebook in Germania e la gestione di Oculus Quest 2 sono appena cominciate. Vi aggiorneremo con i dettagli futuri.

Oculus Quest 2, visore VR all-in-one, da 256 GB
  • HARDWARE DI NUOVA GENERAZIONE: Goditi ogni movimento con un processore ultrarapido e il nostro display con la...
  • GAMING ALL-IN-ONE: Spara, sferza colpi e segui il ritmo grazie ai titoli dell’immensa libreria di giochi ed esperienze...
  • INTRATTENIMENTO IMMERSIVO: Goditi un posto in prima fila per concerti dal vivo, film rivoluzionari, eventi esclusivi e...

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.