fbpx

Quasi un anno e mezzo dopo che lo scandalo di Cambridge Analytica aveva portato alla luce i tentativi di Facebook di interessarsi al mercato sanitario, il social network per antonomasia lancia uno strumento chiamato “Salute preventiva” (Preventive Health).

Facebook Preventive Health: visite regolari per prevenire le malattie più diffuse

Lavorando con l’American Cancer Society, l’American College of Cardiology, l’American Heart Association e il Center for Disease Control and Prevention, Facebook sta sviluppando una serie di suggerimenti digitali che incoraggino le persone a fare delle visite standard per assicurare la salute delle persone di una certa fascia d’età.

Il focus principale è sulle due maggiori cause di morte negli USA: malattie cardiache e cancro.

Il dottor Richard Kovacs, presidente dell’American College of Cardiology, afferma: “la malattia cardiaca è il killer numero uno di uomini e donne in tutto il mondo ed in molti casi si può prevenire al 100%.

Incorporando dei promemoria nelle piattaforme alle quali le persone accedono ogni giorno, si dà il modo di essere proattivi nei confronti delle malattie“.

Come usufruirne?

Chiunque voglia usare lo strumento Facebook Preventive Health può cercare dall’applicazione del telefono per trovare quali check-up sono consigliati dai partner di Facebook stessa, in base a sesso ed età.

Tale strumento permette, inoltre, di indicare quando le visite sono state effettuate, impostare promemoria per visite future e consigliare questo tool agli altri amici.

Facebook assicura che non saranno memorizzati i risultati dei test.

La salute è una questione personale, quindi prendiamo seriamente in considerazione la privacy e la sicurezza. […]Le informazioni personali sull’attività all’interno del Preventive Health non saranno condivise con le aziende e società partner“, afferma Facebook.

Informazioni anche su dove fare i vaccini

La compagnia dice che le persone potranno usare questo strumento anche per trovare i luoghi dove vengono somministrati vaccini antinfluenzali.

I vaccini antinfluenzali possono avere benefici più ampi della sola prevenzione della malattia.

Possono evitare un ricovero, prevenire l’insorgere di gravi malattie per persone con patologie croniche e proteggere le donne durante e dopo la gravidanza“, ha detto Nancy Messonnier, direttore del National Center for Immunization and Respiratory Diseases.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Matteo Bonanni

author-publish-post-icon
Musicista di professione e malato di tecnologia per indole, mischio sempre musica e tecnologia senza soluzione di continuità perché mi piace circondarmi di cianfrusaglie tecnologiche mentre faccio tutto il resto!