fbpx
NewsTech

Fideiussioni su blockchain: la fase di test si conclude con un successo

La piattaforma sarà disponibile nel secondo semestre del 2021

Si è concluso con successo la fase pilota del progetto Fideiussioni digitali. Tale progetto è stato promosso da CeTIF, SIA e Reply con la partecipazione di Banca d’Italia, Ivass e Guardia di Finanza. L’obiettivo del progetto è avviare un programma di digitalizzazione su blockchain del processo di gestione delle fideiussioni in ambito bancario ed assicurativo, sfruttando la tecnologia DLT. La prima piattaforma di sistema prenderà il via nel secondo semestre del 2021.

Si conclude la fase di test del progetto per le fideiussioni su blockchain

La fase pilota di “Fideiussioni digitali” si è conclusa. Il progetto ha visto coinvolti oltre 50 operatori, tra garanti, garantiti e contraenti, del comparto bancario, assicurativo e finanziario, della PA e delle imprese. La fase di sperimentazione si è svolta in un “sandbox” con la supervisione di un Comitato Scientifico.

Complessivamente, durante la fase pilota di quattro mesi, sono state gestite in digitale oltre 350 fideiussioni con somme garantite tra i 10 mila euro e 1,4 milioni di euro. L’importo medio è stato di 275 mila euro. La piattaforma sarà ora operativo nel corso del secondo semestre del 2021.

I vantaggi

L’utilizzo della blockchain e della tecnologia DLT garantisce, secondo i dati forniti, una ridzione del 30% delle frodi. Da notare anche una riduzione dei costi operativi dal 10% al 50% a seconda del numero di operazioni transate. Bisogna poi considerare una riduzione dei costi generale, grazie alla dematerializzazione dei documenti, e un incremento della trasparenza e della certezza informativa durante il processo di gestione della fideiussione. Da segnalare anche una maggiore efficienza nella gestione dello svincolo della fideiussione.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button