fbpx

La recensione di Fight Crab. Lotte all’ultima chela
Alla scoperta del picchiaduro in 3D determinato da lotte tra granchi


Fight Crab recensione

Che sia a colpi di spada o scagliando vetture e palme collocate lungo le strade di una metropoli, l’importante è uscire vincitori dalla lotta contro i propri simili. Senza troppi fronzoli, né preamboli, veniamo scagliati nell’arena di combattimento, in un corpo a corpo sempre più estenuante. Storia di gladiatori o cavalieri medievali? Supereroi dai poteri inimmaginabili? Niente di tutto questo. Si tratta di Fight Crab, il nuovo lavoro di Calappa Games e PLAYISM che rivoluziona il concetto di picchiaduro. Vi raccontiamo in questa recensione la nostra esperienza in anteprima.

Fight Crab Recensione – Prima regola del club

Avete letto bene: è proprio “crab”, il termine nel titolo; non avete preso un granchio. Perdonateci il gioco di parole, ma pensare che si tratti di un refuso e andare subito con la mente al famoso film Fight Club, è immediato, o quasi. Prima regola del Fight Crab: “non parlate mai del Fight Crub?” No: capovolgi il tuo nemico, ed esci vittorioso dalla battaglia.

Questo titolo è solo l’ultima di una serie di videogiochi realizzati da Calappa Games e tutti con un fil rouge che li collega: l’ecosistema marino. Che si tratti di una “rivisitazione” del mare o dei suoi abitanti, come in questo caso, poco importa. La passione, quasi ai limiti della fissazione, per questo mondo ha guidato il team di sviluppo nella realizzazione di questo nuovo gioco d’azione in 3D.

Fight Crab
Fight Crab
Developer: Calappa Games
Price: 16,79 €

Lo ammettiamo, che il protagonista non debba necessariamente essere un essere umano, non è ormai un fatto così estraneo al panorama videoludico. Lo dimostrano i vari simulatori che hanno popolato le console portatili nei primi anni Duemila, come la serie di Nintendogs, Klonoa, l’irriverente Goat Simulator o alcuni personaggi del mondo di Super Mario.

Più di un simulatore, meno di un picchiaduro

In Fight Crab però, non dovremo prenderci cura del granchio con cui abbiamo a che fare, o esplorare mondi fantastici. Non si tratta di un puro simulatore, in quanto viene aggiunta la componente “fighting” che aggiunge adrenalina e quella sete di sfida e di supremazia che ogni picchiaduro impone. D’altro canto però, non riesce nemmeno a raggiungere del tutto gli standard di questa categoria, complice alcune imprecisioni tecniche di cui vi parleremo a breve.

Prendiamo così il controllo del nostro granchio, e dopo un breve tutorial di pochi minuti, veniamo lanciati in una serie di sfide a turni sempre più lunghe. Quale potrà mai essere il divertimento nel guidare un granchio contro i suoi simili? Si doveva proprio scegliere un crostaceo che sa camminare solo di lato?

Fight Crab vi stupirà: possiamo spostare il nostro eroe in tutte le direzioni, oltre a poter farlo saltare al bisogno e impugnare, o meglio, afferrare, nelle proprie chele gli oggetti più disparati. Che si tratti di macchine, palme, spade laser o di acciaio in puro stile cavalleresco, tutto vale.

Fight Crab
Fight Crab
Developer: Calappa Games
Price: 16,79 €

La normale biologia di questi essere viene quindi sconquassata, in un videogioco dove la strategia e l’effetto stupefacente hanno la meglio, e non solo per questi comandi multidirezionali. Il contrasto dei colori e i fondali delle ambientazioni sono sempre diversi, mostrandoci una manciata di panorami e arene diversissime tra loro, figlie dello sfogo creativo del team.

Dritti al punto

Un gioco però non può essere solo arte e libero arbitrio della creatività; necessita anche di una buona padronanza della tecnica nel gameplay e di prestazioni piuttosto buone nella risposta del motore di gioco alle nostre sollecitazioni. Due componenti che purtroppo non hanno performato eccellentemente in questo caso. Sin dal primo accesso al gioco, dalle dimensioni di download piuttosto ridotte, l’incontro con Fight Crab è stato decisamente ad alto impatto visivo ed emotivo, se vogliamo. I creatori vanno subito al sodo e non perdono tempo in fronzoli e preamboli.

Il menu è infatti composto da poche voci, ciascuna con una quantità di opzioni piuttosto scarsa, il cui unico vantaggio è la chiarezza di esposizione dei contenuti previsti dal gioco. Tra questi, spunta la scelta tra modalità Campagna, in single player, oppure la modalità Versus, che ci consente di andare dritti allo scontro con amici online creando stanze di gioco, o buttandoci nella mischia dettata dai combattimenti PvP, sia online che in locale.

Quale che sia la vostra scelta di gioco, avrete a che fare con un’ampia selezione di crostacei, fino a 23, (che però non potrete scegliere autonomamente), ognuno dalle fattezze piuttosto fantasiose, mostruose e talvolta spaventose, realizzati in maniera verosimile e con una cura grafica che ci ha piacevolmente colpito. Motivo per cui siamo indotti a sconsigliare questo gioco a coloro che soffrono di aracnofobia e in generale di animali e insetti che abbiano parecchie zampe.

Fight Crab
Fight Crab
Developer: Calappa Games
Price: 16,79 €

Vi avvertiamo di questo aspetto che potrebbe impattare negativamente sulla vostra esperienza di gioco, in quanto uno dei punti focali delle battaglie, se non l’unico, è proprio la nostra capacità di guidare le chele e le zampe del nostro animale. Queste sono progettate per scagliare colpi sempre più forti contro i nostri avversari, la cui efficacia viene indicata da una percentuale apposta subito sopra il nome di ogni crostaceo in campo.

L’importanza delle chele

Con le chele potremo anche afferrare oggetti, bloccare e parare i colpi degli avversari e distruggere tutto l’ambiente intorno a noi. Il team segue la falsa riga di picchiaduro come le arene in Tekken 7, ad esempio.

Ogni arena diventa palcoscenico di battaglie dal sapore hardcore e teatro di scontri sempre più impegnativi e all’ultima chela. Qui l’agilità e la velocità sono i fattori vincenti della strategia e delle modalità di combattimento che decideremo di sviluppare man mano.

A seconda dei nostri progressi di gioco, accumuliamo punti che permettono di sbloccare equipaggiamenti e potenziamenti dedicati al nostro granchio, per renderlo una vera arma da guerra e tanto spaventoso come X-ATM092, la Vedova Nera meccanica in Final Fantasy VIII. Augurandoci però di avere una sorte migliore in Fight Crab.

fight crabPotremo infatti prendere possesso di un’ampia gamma di armi totalmente imprevedibili e inaspettate, grazie alle quali potremo raggiungere il nostro obiettivo. Non conta infatti la percentuale di danno arrecato al nemico, quanto la capacità di ribaltarlo sul dorso e non consentirgli di rialzarsi.

I combattimenti

Come vi anticipavamo, per attaccare il nostro avversario abbiamo a disposizione una varietà di comandi davvero ridotta. Se non fosse per l’uso di armi speciali e bizzarre, non vi sarebbe praticamente alcun divertimento.

Questa scarsa capacità di tenerci incollati allo schermo è dovuta anche alla lunghezza sempre più estenuante dei combattimenti a turni. Ognuno degli 11  stage prevede una sequenza di almeno tre nemici, affrontati uno per volta e con la riduzione a zero dei danni subiti ogni volta che ci apprestiamo ad attaccare l’avversario successivo.

fight crabCome abbiamo detto più volte, tutto sta nella tecnica e nella strategia, ma anche nelle periferiche utilizzate: vi sconsigliamo l’uso del mouse per lasciare il post a un controller da collegare al vostro PC, per rendervi le cose più facili ed evitare di correre il rischio di tendinite.

In conclusione

Fight Crab è quel picchiaduro di cui non avevamo bisogno, ma che tenta di ipnotizzarci tra colori abbaglianti ed effetti speciali stupefacenti, ma fino a un certo punto. Se è vero che abbiamo a disposizione statistiche per controllare i progressi del nostro granchio e poche altre opzioni gustose, è altrettanto vero che l’elemento nuovo catalizzatore della nostra attenzione è proprio la presenza di granchi da combattimento.

Una novità che potrebbe stancare abbastanza in fretta, soprattutto se state cercando un titolo dalla grafica un po’ più “contemporanea”. Questa si rifà allo stile artistico di una decina d’anni or sono. Qualora foste invece alla ricerca di un passatempo divertente, da provare anche in compagnia dei vostri amici e sfidarvi all’ultima chela, avete per le mani il titolo che fa per voi.

Fight Crab

Pro Pros Icon
  • Grafica coloratissima...
  • Ampia varietà di crostacei...
  • Combattimenti originali...
Contro Cons Icon
  • ...forse un po' troppo contrastata
  • ...ma che non possiamo selezionare
  • ...ma il rischio di scadere nella noia è dietro l'angolo

 


Francesca Sirtori

author-publish-post-icon
Indielover, scrivo da anni della passione di una vita. A dispetto di tutti. Non fatevi ingannare dal faccino. Datemi un argomento e ne scriverò, come da un pezzo di plastilina si ottiene una creazione sempre perfezionabile. Sed non satiata.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link