fbpx

So cosa state pensando, ma è tutto vero: dal Vaticano è arrivato un autentico gioco di realtà aumentata in perfetto stile Pokémon Go. Diamo quindi il benvenuto a Follow JC Go – il Pokemon Go con i santi – videogioco già disponibile gratuitamente per tutti i dispositivi Android e iOS – ma con il solo supporto alla lingua spagnola (nonostante venga dichiarata la lingua inglese).

Come avrete potuto intuire, scopo del titolo AR è quello di esplorare fisicamente i luoghi che ci circondano nel tentativo di individuare e ‘catturare’ una serie di personaggi. Nel gioco originale sviluppato da Niantic – in collaborazione con The Pokémon Company e Nintendo – tali personaggi erano rappresentati dai famigerati Pokémon, naturalmente, ma in Follow JC Go saranno i santi, i beati e le più emblematiche figure della Bibbia a invadere i nostri smartphone.

Follow JC Go: come nasce il gioco AR

Il gioco di cui vi stiamo parlando è stato presentato lo scorso 16 ottobre dalla Fondazione Ramón Pané, sviluppatore dell’app. L’idea alla base di questo progetto è quella di guidare i giovani verso la Giornata Mondiale della Gioventù, evento che si svolgerà dal 22 al 27 gennaio 2019 a Panama.

Certo, non abbiamo visto molti titoli di questo tipo, ma non è difficile comprendere il motivo della sua creazione. Lo scopo è quello di attirare i giocatori, proponendogli una formula gameplay estremamente familiare – se si è già entrati in contatto con Pokémon Go – e dei contenuti in linea con l’intento didattico della produzione.

In ogni caso, il primissimo utente ad aver testato Follow JC Go è stato proprio Papa Francesco, che ha così concesso la sua ‘benedizione’ al gioco mobile.

Come si gioca

follow jc goAvviando l’app di Follow JC Go – dove ‘JC’ sta per ‘Jesus Christ’ – ci toccherà creare il nostro avatar (in versione chibi), scegliendone i tratti somatici e l’abbigliamento. Verremo poi catapultati nel mondo di gioco, ovvero la mappa del territorio in cui siamo situati, generato tramite le feature GPS.

All’interno della mappa ‘fluttueranno’ dei target, i quali corrisponderanno agli ambiti personaggi che potremo sbloccare e collezionare. Quando entreremo in contatto con uno di questi avrà inizio un quiz: affronteremo una serie di quesiti legati alla figura in questione e, rispondendo correttamente, otterremo il relativo gettone. Una volta completata la missione potremo aggiungere il santo/beato alla nostra collezione, o meglio, all’eTeam – letteralmente, la Squadra di Evangelizzazione.

Proprio come in Pokémon Go, anche in Follow JC Go sarà possibile raccogliere delle risorse, necessarie per poter proseguire nella propria ‘caccia’.

Parliamo dunque di pane, acqua e spiritualità, item che ci permetteranno di mantenere in equilibrio i rispettivi valori di alimentazione, idratazione e preghiera.

Gli acquisti in-app si trasformano in donazioni

follow jc goOltre alle suddette risorse, all’interno del titolo mobile sarà possibile guadagnare una valuta, i ‘denarios’, ottenibili tramite la loro ricerca nel mondo di gioco o vedendo le inserzioni pubblicitarie proposte dall’app. C’è però una terza modalità che ci permette di conquistare denarios: donare soldi reali in beneficenza e convertire tale offerta in valuta virtuale.

Dopo essere entrati in contatto con queste singolari meccaniche potremo continuare la nostra avventura in solitaria o, come suggerisce lo stesso Follow JC Go, in compagnia dei propri amici. Sarà infatti possibile radunare gli utenti in veri e propri team ed effettuare una ricerca di gruppo.

Vi ricordiamo ancora una volta che Follow JC Go è già disponibile al download gratuito da Play Store (Android) e App Store (iOS). L’unica lingua supportata, al momento, resta lo spagnolo, ma con i prossimi update sarà possibile giocare anche con i testi italiani.


Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Pasquale Fusco

author-publish-post-icon
A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.