fbpx
AttualitàCulturaNews

Google, Apple e le leggi antitrust negli USA

Sembra che le due aziende abbiano contatto i senatori per chiedere una ricalibrazione delle norme proposte

La Commissione Giustizia del Senato USA sta per presentare per il voto delle leggi antitrust che andranno a colpire le grandi aziende tech, e Google e Apple non sono felici. Infatti sembra che abbiano contattato direttamente alcuni senatori della commissione per esprimere il proprio parere sulle due legislazioni più importanti.

Google e Apple contro le leggi antitrust negli USA

La Commissione sta per presentare al Senato americano due proposte di legge: The American Innovation and Choice Online Act e l’Open App Markets Act. Il primo vuole impedire che i giganti del mondo tech favoriscano i propri servizi rispetto a quelli degli altri. Il caso più discusso recentemente anche in Europa è la possibilità di scegliere più motori di ricerca su Android, invece che avere pre-impostato Google. Il secondo invece vuole promuovere la competizione su App Store, Google Play Store e simili.

Secondo quanto riporta Bloomberg, il direttore degli affari governativi di Apple Tim Powderly avrebbe scritto a diversi membri della commissione, criticando le norme. In particolare Powderly di dice preoccupato che aprire il mercato delle app potrebbe portare a problemi di sicurezza su iOS. Consentire alle app di utilizzare servizi alternativi all’App Store e permettere l’installazione da altre fonti limiterebbe i controlli di sicurezza della Mela. Ma dall’altro, eviterebbe anche di raccogliere il 15-30% degli introiti delle app come avviene oggi (Google chiede tariffe simili). La discussione, in fondo, è la stessa aperta con il caso Apple vs Epic.

google apple antitrust-min

Dal canto suo, Google ha commentato in un post che l’American Innovation and Choice Online Act impedisce a Google di offrire ai clienti la miglior esperienza online. Non solo, avverte che fornire prodotti “peggiori e meno d’aiutodi Google Search e Maps potrebbe minare “la leadership tecnologica degli USA”. Infine, la legislazione impedirebbe a Google di inserire protezioni di sicurezza nei servizi offerti su Android.

Dalla parte opposta della barricata ci sono compagnie come Wyze, Yelp, DuckDuckGo e Tor Project che hanno presentato una lettera al capo commissione Durbin per sostenere le leggi antitrust. Pensano che queste norme potrebbero impedire a Google e Apple di tenere in mano le chiavi dell’accesso ad Android e iOS. E questo potrebbe portare a una competizione basata solo sui meriti.

L’anno scorso, la Commissione Giustizia della Camera aveva approvato sei leggi antitrust simili, che limitavano di fatto il controllo di Google e Apple. Ma nessuna è diventata legge. La strada in Senato si prospetta ancora più irta d’ostacoli: per il momento Apple e Google sembrano destinate a vincere questa battaglia politica. Vi terremo informati in caso di sviluppi.

Offerta
Apple iPhone 13 (128 GB) - Mezzanotte
  • Display Super Retina XDR da 6,1"
  • Modalità Cinema con profondità di campo smart e spostamento automatico della messa a fuoco nei video
  • Evoluto sistema a doppia fotocamera da 12MP (grandangolo e ultra-grandangolo) con Stili fotografici, Smart HDR 4,...
Offerta
Google Pixel 6: smartphone Android 5G sbloccato con...
  • Il cuore pulsante di Pixel. Grazie al nuovo chip personalizzato di Google, il telefono è veloce, i giochi sono fluidi e...
  • La batteria che hai sempre desiderato. La batteria che dura tutto il giorno si carica rapidamente, si adatta alle tue...
  • Una fotocamera migliore e più grande. Cogli più dettagli e ottieni colori più intensi con la fotocamera posteriore...
Source
The Verge

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button