fbpx
AttualitàCulturaNewsTech

I dipendenti Google che lavorano da casa potrebbero subire tagli allo stipendio

I dipendenti che lavorano in smart working rischiano un taglio del 10% sullo stipendio

I dipendenti di Google che decideranno di lavorare permanentemente in smart working potrebbero subire un taglio del 10% sul loro stipendio. Analizziamo meglio la situazione.

Google e lo stipendio per i dipendenti smart working

google percentuale commissione video audio libri-min

Si tratta di un esperimento attualmente in corso nella Silicon Valley. Questo metodo però è rischioso per i dipendenti che decidono di lavorare a casa e anche per i pendolari da lunghe distanze. Essi, infatti, potrebbero sperimentare tagli di stipendio più profondi: si parla del 25%.

“I nostri pacchetti di compensazione sono sempre stati determinati dalla posizione e paghiamo sempre al top del mercato locale in base a dove un dipendente lavora”, ha detto un portavoce di Google. Il portavoce ha inoltre aggiunto che la paga sarà diversa da città a città e da stato a stato.

Un dipendente di Google, che ha chiesto di non essere identificato per paura di ritorsioni, tipicamente fa il pendolare per l’ufficio di Seattle da una contea vicina. Qualora decidesse di lavorare da casa, rischierebbe un taglio del 10% dello stipendio, secondo le stime del Work Location Tool dell’azienda lanciato a giugno.

Il dipendente stava considerando lo smart working ma ha deciso di continuare ad andare in ufficio – nonostante le due ore di viaggio. “È un taglio di stipendio alto come quello che ho avuto per la mia ultima promozione. Non ho fatto tutto quel duro lavoro per essere promosso per poi prendere meno soldi”, ha detto.

Jake Rosenfeld, un professore di sociologia alla Washington University di St. Louis che studia la determinazione dei salari, ha detto che la struttura salariale di Google solleva preoccupazioni su chi sentirà gli impatti più acutamente, comprese le famiglie.

“Quello che è chiaro è che Google non deve comportarsi così”, ha detto Rosenfeld. “Google ha pagato questi lavoratori al 100% del loro salario precedente, per definizione. Quindi non significa che non possano permettersi di pagare i dipendenti che scelgono lo smart working stesso”.

I calcoli di Reuters mostrano che un dipendente che vive a Stamford, Connecticut – un’ora di treno da New York City – sarebbe pagato il 15% in meno se lavorasse da casa, mentre un collega dello stesso ufficio che vive a New York City non vedrebbe alcun taglio sullo stipendio. Alcuni screenshot hanno mostrato differenze del 5 e 10% nelle aree di Seattle, Boston e San Francisco

Un portavoce di Google, tuttavia, ha detto che l’azienda non cambierà lo stipendio di un dipendente. I dipendenti che lavorano nell’ufficio di New York City, ad esempio, saranno pagati allo stesso modo di quelli che lavorano in remoto da un’altra località di New York City, secondo il portavoce.

Source
Reuters

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button