fbpx
CulturaTech

Il COVID-19 è un grande alleato degli hacker

Sono tantissimi gli attacchi alla sicurezza informatica in atto durante la pandemia mondiale

Non sono solo i virus informatici ad aiutare i malintenzionati sul web, ma a quanto pare anche quelli del mondo reale. Nelle ultime settimane sono emerse non poche ricerche che evidenziano una crescita nel numero di attacchi hacker in relazione alla diffusione del cosiddetto Coronavirus o COVID-19. I dati sono preoccupanti e segnalano l’importanza di proteggersi anche sul web durante questo periodo.

Hacker e Coronavirus, un’alleanza pericolosa

Uno degli ultimi studi, condotto da Unit 42, team di intelligence per le minacce informatiche di Palo Alto Networks, ha rilevato risultati davvero preoccupanti. Stando ai dati raccolti, nelle ultime settimane c’è stato un grande incremento di domini registrati legati al Coronavirus, stimato al 656% tra febbraio e marzo.

Questo dato potrebbe non preoccupare, vista la necessità di informarsi sempre di più in questo periodo e l’ovvio aumento di interesse per il tema. Tuttavia, la situazione cambia quando si analizzano i 116.357 domini in questione e si rileva che ben 40.261 sono ad alto rischio per gli utenti e 2.022 sono direttamente maligni.

La ricerca di Unit 42, che potete trovare a questo indirizzo per approfondire, studia l’intero fenomeno. Partendo da un’analisi della crescita delle ricerche a tema Coronavirus, evidenzia tutti i modi con cui gli hacker hanno cercato di approfittarsi della situazione.

L’esempio più classico sono i cosiddetti attacchi phishing, che avvengono tramite mail o messaggi che ci invitano a fornire i nostri dati personali a siti che solo apparentemente appartengono a istituzioni rispettabili come Outlook, Apple o PayPal. Tuttavia, altrettanto pericolosi sono i finti negozi online, che offrono beni ricercatissimi in questo periodo, come mascherine e disinfettanti. Dopo l’acquisto però, dei prodotti non c’è traccia. Spesso poi questi siti al di là della truffa in sé nascondono un’ulteriore insidia, con script che clonano la carta di credito dei ‘clienti’.

Spesso si passa anche da false pubblicazioni in eBook dedicati al COVID-19, che però sono solo un modo per rubare soldi agli utenti ignari. E ancora, non mancano farmacie abusive che attirano le persone con la promessa di vendere rimedi per il virus, ma che offrono solamente prodotti completamente slegati da esso.

Insomma, in questo periodo è importante proteggersi e questo vale nei luoghi pubblici come sul web. Fate attenzione!

Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button