fbpx
Maggiolino Volkswagen

Il Maggiolino Volkswagen tornerà in modalità elettrica?
L'azienda tedesca ha registrato il nome e-Beetle, e i nostalgici del Maggiolino cominciano a sognare


È passato un po’ di tempo da quando la produzione del Maggiolino Volkswagen ha lasciato le linee di produzione dello stabilimento messicano a Puebla, il 10 luglio 2019. Un vero punto di svolta nella storia del produttore, mentre il suo lancio risale alla creazione del marchio tedesco nel 1938. La primissima auto della Volkswagen, progettata da Ferdinand Porsche, ebbe allora una produzione quasi ininterrotta da oltre 80 anni.

Maggiolino Volkswagen In totale, sono state vendute oltre 21 milioni esemplari, rendendolo uno dei modelli più venduti della storia. Oggi, il marchio si rifiuta di discutere di un possibile ritorno della sua stella, che è stata poi oscurata dalla Golf. Tuttavia, il mitico Maggiolino potrebbe davvero tornare, questa volta sotto forma di auto elettrica .

Maggiolino Volkswagen elettrico, per ora c’è solo il nome registrato

Questo è ciò che suggerisce il sito web dell’organizzazione responsabile della proprietà intellettuale in Europa, ovvero l’EUIPO. Basta andare su questo sito  per scoprire che il nome e-Beetle è stato ufficialmente registrato solo pochi giorni fa. Tuttavia, la casa di Wolfsburg continua a sostenere che nessuna versione elettrica del suo Maggiolino è pianifica. Infatti, queste informazioni dovrebbero essere prese con le pinze, perché depositare un nome non significa necessariamente che verrà utilizzato. Il produttore tedesco potrebbe semplicemente voler proteggere questo nome in modo che un’altra società non lo usi, senza tuttavia volerlo lanciare. Ammettiamo, però che un maggiolino elettrico potrebbe essere una buona idea, e consentirebbe a Volkswagen di competere con la nuova Fiat 500 e la Honda E, con un design neo-retrò molto popolare tra il pubblico. 

Altri modelli in arrivo?

Ma la Volkswagen non si è accontentata di presentare all’EUIPO un solo nome negli ultimi giorni. Il produttore tedesco ha infatti colto l’occasione per assicurarsi i nomi e-Samba, e-Karmann ed e-Kübel , che dovrebbero tutti essere abbinati a modelli elettrici che potrebbero vedere la luce del giorno negli anni a venire.

Ovviamente, si diffondono voci su questi veicoli: la prima potrebbe essere la versione di produzione del concetto ID Buzz presentata nel 2017. La seconda potrebbe assumere la forma di una coupé, ispirata alla Karmann-Ghia del 1955, mentre l’ultimo potrebbe essere un piccolo SUV compatto, che arricchirebbe una gamma già completa. Infine, la Volkswagen ha anche registrato il nome di e-Golf Classic. Potrebbe essere una versione adattata di una generazione precedente della compatta recentemente rinnovata? Forse, visto che diversi produttori hanno già fatto il grande passo, come Jaguar, che ha prodotto un esempio unico di E-Type Zero, dotato di un motore elettrico al 100%. 

In breve, tutto ciò ci sembra ancora molto misterioso, ma probabilmente dovremmo sapere qualcosa di più nei prossimi mesi.


Carlo Moiraghi

author-publish-post-icon
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link