fbpx
NewsTech

Un’intelligenza artificiale non può brevettare le sue invenzioni, lo decide un giudice degli USA

Sembra che i robot non conquisteranno ancora il mondo

Non preoccupatevi, umani: i sistemi di intelligenza artificiale non stanno ancora conquistando il mondo. Non possono nemmeno apparire come inventori sui brevetti statunitensi. Il giudice federale degli Stati Uniti Leonie Brikema ha stabilito infatti questa settimana che un’Intelligenza Artificiale non può essere inserita come inventore su un brevetto statunitense ai sensi della legge vigente.

Il caso è stato portato avanti da Stephen Thaler, che fa parte dell’Artificial Inventor Project, un’iniziativa internazionale che sostiene che un’intelligenza artificiale dovrebbe poter essere inserita come inventore in un brevetto (il proprietario dell’intelligenza artificiale possiederebbe legalmente il brevetto).

Un’Intelligenza Artificiale non può essere inventore di un brevetto perché non è una persona

Thaler ha citato in giudizio l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti dopo che aveva negato le sue domande di brevetto perché aveva inserito l’intelligenza artificiale denominata DABUS come l’inventore di un nuovo tipo di luce lampeggiante e di un contenitore per bevande. In varie risposte nell’arco di diversi mesi, l’Ufficio brevetti ha spiegato a Thaler che una macchina non si qualifica come inventore perché non è una persona. In effetti, la macchina è uno strumento utilizzato dalle persone per creare invenzioni, ha affermato l’agenzia.

intelligenza artificiale brevetto

Brikema ha stabilito che l’Ufficio brevetti ha applicato correttamente le leggi sui brevetti della nazione. Ha inoltre sottolineato che sostanzialmente tutto si riduce all’uso quotidiano del linguaggio. Nell’ultima revisione della legge sui brevetti della nazione nel 2011, il Congresso ha esplicitamente definito un inventore come un “individuo”. Il Patent Act fa anche riferimento a un inventore usando parole come “se stesso” e “se stessa”.

“Usando pronomi personali come ‘se stesso’ e il verbo ‘crede’, il Congresso si riferiva chiaramente a una persona fisica.” ha detto Brikema nella sua sentenza, che si può leggere per intero su The Verge.

Il giudice ha anche respinto l’affermazione di Thaler secondo cui l’Ufficio brevetti doveva fornire prove del fatto che il Congresso non voleva escludere i sistemi di intelligenza artificiale dall’essere inventori. Brikema ha inoltre affermato che la natura di un inventore è già stata esaminata dai tribunali federali, i quali hanno stabilito che né le aziende né gli stati possono pretendere di essere inventori su un brevetto.

Il gruppo farà ricorso

Da parte sua, Thaler ha anche cercato di sostenere che la corte dovrebbe rispettare l’intento del Congresso di creare un sistema che “incoraggi l’innovazione”. “Consentire i brevetti per le invenzioni generate dall’intelligenza artificiale si tradurrà in maggiore innovazione. Incentiverà lo sviluppo di un’intelligenza artificiale in grado di produrre risultati brevettabili rendendoli più preziosi.”, ha affermato Thaler.

Tuttavia, Thaler non ha avuto fortuna nemmeno con quell’argomento. Brikema ha detto che queste erano considerazioni politiche e quindi devono essere affrontate dal Congresso, non dai tribunali.

Ryan Abbott, un professore di diritto che sovrintende l’Artificial Inventor Project, ha detto a Bloomberg che il gruppo farà ricorso. Sebbene Brikema abbia schiacciato tutti gli argomenti del progetto, non ha detto che un’intelligenza artificiale non potrebbe mai essere elencata come inventore.

Offerta
Source
GizModo

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button