fbpx
NewsTech

Tutto quello che devi sapere sulla beta di iOS 15

Come installarla, quali sono i dispositivi compatibili e le novità principali

Apple ha reso disponibile la prima beta pubblica di iOS 15 e iPadOS 15, dedicata a tutti gli utenti che vogliono provare in anteprima la prossima versione del sistema operativo per iPhone e iPad. Ecco come scaricare e provare la prima beta di iOS 15 e iPadOS 15 e quali novità porta.

iOS 15 beta pubblica: come installarla

iOS 15 beta pubblica

Per poter installare la prima beta pubblica di iOS 15 bisogna recarsi con Safari dal dispositivo interessato all’Apple Beta Software, ovvero il portale beta dell’azienda di Cupertino. Una volta effettuato il login con il proprio ID Apple, bisogna selezionare il sistema operativo interessato, quindi recarsi al capitolo “Get Started” e premere su “enroll your iOS device”.

Qui Apple vi suggerirà di effettuare un backup del vostro dispositivo prima di procedere al download e all’installazione della beta pubblica di iOS 15 o iPadOS 15. Questo permette, eventualmente, di tornare indietro alla versione precedente nel caso in cui il nuovo sistema operativo non vi piaccia o sia troppo instabile, non essendo ancora uscita la release ufficiale.

Una volta effettuato il backup, si può procedere allo step successivo nella pagina web in cui vi trovate e premere su Download Profile. Nel menù successivo dovrete consentire al download e poi attendere che venga completato. Ora potete recarvi nelle Impostazioni del vostro dispositivo > Generali > VPN e gestione dispositivi e qui potrete procedere ad attivare il profilo appena scaricato.

Dopo aver riavviato il dispositivo siete pronti per poter installare il nuovo aggiornamento a iOS 15, andando in Impostazioni > Generali > Aggiornamento Software. Qui vi comparirà la nuova beta pubblica di iOS 15. Gli stessi passaggi valgono anche per l’aggiornamento alla beta di iPadOS 15.

Disponibile anche la prima beta pubblica di tvOS 15 e watchOS 8

tvOS 15 beta pubblica
Photo Credits: Apple.

È disponibile anche la prima beta pubblica di tvOS 15. Per poterla installare bisogna recarsi in Impostazioni > Sistema > Aggiornamenti Software e attivare gli aggiornamenti beta. Poi bisogna seguire le istruzioni visualizzate a schermo e si potrà accedere all’installazione della prima beta pubblica. Si può cercare manualmente l’aggiornamento recandosi in Impostazioni > Sistema > Aggiornamenti Software > Aggiorna Software.

Per poter provare watchOS 8 bisogna prima installare la beta pubblica di iOS 15 sull’iPhone collegato. Dopodiché, dal proprio iPhone, bisogna scaricare il profilo dedicato e installarlo sull’app Watch > Impostazioni > Generali > Profili. Dopodiché è possibile cercare l’aggiornamento nella sezione Aggiornamento Software dell’app Watch.

Tra poco sarà disponibile anche la prima beta pubblica di macOS Monterey. Anche per macOS è necessario prima effettuare un backup con Time Machine, per poi recarsi – quando uscirà la beta – alla pagina dedicata alla beta pubblica e scaricare l’utility. Dopo aver scaricato l’utility si può andare negli Aggiornamenti Software all’interno delle Preferenze di Sistema del Mac e scaricare la beta pubblica di macOS Monterey.

Quali iPhone e iPod supportano iOS 15

Ecco i dispositivi che supportano iOS 15 e quindi su cui è possibile installare la prima beta pubblica.

  • iPhone 12, 12 mini, 12 Pro e 12 Pro Max
  • iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max
  • iPhone XS e XS Max
  • iPhone XR
  • iPhone X
  • iPhone 8 e 8 Plus
  • iPhone 7 e 7 Plus
  • iPhone 6s e 6s Plus
  • iPhone SE (1ª generazione)
  • iPhone SE (2ª generazione)
  • iPod touch (7ª generazione)

Quali iPad supportano iPadOS 15

  • iPad Pro 12,9″ dalla prima generazione
  • iPad Pro 11″ dalla prima generazione
  • iPad Pro 10,5″
  • iPad Pro 9,7″
  • iPad dalla quinta generazione
  • iPad mini dalla quarta generazione
  • iPad Air dalla seconda generazione

I Mac che supporteranno macOS Monterey

  • iMac fine 2015 e successivi
  • iMac Pro 2017 e successivi
  • Mac Pro fine 2013 e successivi
  • Mac mini fine 2014 e successivi
  • MacBook Air e MacBook Pro inizio 2015 e successivi
  • MacBook inizio 2016 e successivi

Invece watchOS 8 è compatibile con gli Apple Watch SE e dalla Series 3 in poi, abbinato a un iPhone che supporti iOS 15.

Offerta
2020 Apple Mac mini con Chip Apple M1 (8GB RAM, 256GB SSD)
  • Chip M1 progettato da Apple, per un nuovo livello di performance della CPU, della GPU e del machine learning
  • CPU 8‐core con prestazioni fino a 3 volte più veloci, per sfrecciare come mai prima d’ora nei tuoi flussi di lavoro
  • GPU 8‐core, per una grafica fino a 6 volte più scattante nelle app e nei giochi più complessi

Le principali novità in arrivo con iOS 15

iOS 15 beta pubblica Concentrazione

Una delle novità più interessanti di iOS 15 è la funzionalità Focus, che in italiano viene chiamata Concentrazione. È possibile creare diversi modi d’uso personalizzati, come uno dedicato al lavoro e uno a quando si stacca invece dall’ambiente lavorativo, filtrando le notifiche in base alla situazione. Durante gli orari lavorativi, ad esempio, è utile filtrare le notifiche mostrando i messaggi di Slack e Microsoft Teams, ma non i WhatsApp degli amici che potrebbero distrarre. Al contrario, la sera può essere utile disattivare le notifiche inerenti al lavoro. Si può poi decidere se condividere la modalità Concentrazione con tutti i dispositivi iCloud o solo uno.

FaceTime è stata migliorata e ora consente lo SharePlay, quindi la possibilità di condividere il proprio schermo o quello che si sta guardando o ascoltando. È stato inserito l’audio spaziale per le videochiamate, la vista a griglia, la modalità ritratto e la fantastica possibilità di programmare delle videochiamate per poterle condividere via link, anche per Android.

Messaggi diventa ancora più piena di funzionalità, consentendo di utilizzare la nuova sezione “Condivisi con te” per salvare i messaggi più importanti. Sono state inserite anche nuove Memoji e si può scegliere come vestire i propri avatar.

Le notifiche sono ridisegnate, mostrando le foto dei contatti e icone più grandi, e fornendo un riepilogo mattutino e serale delle notifiche meno importanti ricevute durante la giornata. Ci sono poi grandi novità in Mappe, un look nuovo nell’app Note, e un nuovo Safari ridisegnato.

Vi invitiamo a scoprire tutte le altre novità di iOS 15 installando la prima beta pubblica, ma con la consapevolezza che possa essere instabile e ci possa essere qualche bug. Il consiglio è quello di installare iOS 15 su un dispositivo secondario, per non peggiorare la vostra esperienza utente quotidiana.

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button