fbpx

In un modo o nell’altro, gli sviluppatori di videogiochi indipendenti avranno sempre un posto speciale nel nostro cuore, che sia per la loro abilità nel creare grandi titoli con poche risorse o per l’ingegno con cui vengono prodotti che portano una ventata di freschezza nel mercato. Con queste caratteristiche, Daedalic Entertainment e Action Squad Studios portano in scena una nuova interessante IP che ci catapulta in un mondo fantastico ricco di avventure. Stiamo parlando di Iron Danger, il GDR strategico che ci permette di avere il controllo sul tempo, ecco la nostra recensione:

Iron Danger recensione

Iron Danger è ambientato in un mondo Fantasy con elementi Steampunk in grado di catturare completamente la nostra attenzione. Centro nevralgico del mondo è la mitica città di Kalevala, la patria degli umani, circondata da piccoli villaggi e antiche foreste. Protagonista di questa storia è Kipuna, una giovane ragazza proveniente da un villaggio che è stato attaccato dagli eserciti del Nord, guidati da una strega-regina assetata di vendetta.

Kipuna si risveglia durante l’attacco dell’esercito nemico e fugge alla ricerca di un riparo dalla minaccia. In seguito ad un mortale (o no?) incidente, Kipuna entrerà in contatto con il mondo degli spiriti e delle divinità che le offriranno uno straordinario potere. La giovane scoprirà infatti di aver acquisito la capacità di viaggiare indietro nel tempo di pochi secondi, abbastanza per superare le situazioni più difficili e rimediare ad eventuali mosse false.

Kipuna, insieme ad altri preziosi alleati che incontrerà nel corso della storia, verrà trascinata in una violenta guerra tra la città di Kalevala e l’esercito del Nord, scoprirà un mondo ricco di magia e del potenziale riesce a donarle una misteriosa stalattite piantata nel cuore.

Iron Danger
Iron Danger
Developer: Action Squad Studios
Price: 0

Il controllo del tempo

Iron Danger Recensione steam

In Iron Danger il giocatore muove tutti i personaggi del party contemporaneamente lungo la mappa fino a raggiungere il punto d’interesse o i nemici da sconfiggere. Gran parte del gioco è infatti occupata dai combattimenti tattici in cui dover combinare le abilità e gli stili di combattimento dei protagonisti tra attacchi corpo a corpo, a distanza e magici. La schermata di gioco, oltre a mostrare classici elementi come le abilità, la salute, vostra e dei nemici e la minimappa, presenta anche una linea temporale.

Su questa linea sono indicate, secondo per secondo, tutte le azioni che nemici e alleati hanno svolto negli ultimi istanti. Si tratta di un elemento fondamentale per sfruttare al meglio il potere di Kipuna nonché la peculiarità di questo gioco: la manipolazione del tempo. Attraverso questa tecnica è infatti possibile andare indietro nel tempo fino a 5 secondi per reagire al meglio alle situazioni che sono successe. Sebbene possa sembrare poco, non è così; moltissime cose possono succedere in Iron Danger in 5 secondi.

Questa affascinante tecnica ricorda molto quella già apparsa in videogiochi come Prince of Persia: le sabbie del tempo con meccaniche molto simili. Se il vostro personaggio è stato colpito mortalmente da un attacco del nemico alle spalle, basterà tornare indietro nel tempo e difendervi al momento giusto. Inizialmente avrete l’impressione che controllare il tempo renda il gioco troppo facile dato che ogni errore può essere risolto con un semplice click, in realtà, andando avanti con il gioco, dovrete dar sfoggio della vostra miglior strategia e accettare il fatto che certi colpi non possono essere evitati.

Questione di tempismo

Iron Danger Recensione

Nonostante non si tratti di un titolo di tripla A, giocando ad Iron Danger non abbiamo potuto non pensare a videogiochi come Divinity II o Dragon Age per gameplay e stile grafico. Il gioco è caratterizzato infatti da una visuale isometrica dall’alto grazie alla quale si ha pieno controllo dell’ambiente circostante e dei nemici. Le aree, solitamente, non sono molto ampie e la libertà di movimento è abbastanza limitata. Questo però non da l’impressione di trovarsi in uno spazio chiuso grazie ad ambientazioni piene di dettagli e colori vivaci. La grafica presenta uno stile cartoneesco piacevole alla vista e molto fluido senza particolari cali di frame rate anche nelle situazioni più affollate.

Il mondo di gioco va a completare una trama ben sviluppata e originale ricca di magia, misteri e un’interessante visione della morte. Sfortunatamente la storia dura relativamente poco con circa 13-15 ore di gioco. Avremmo voluto scoprire di più di questo mondo innovativo ma alcuni punti si susseguono in maniera fin troppo veloce e un po’ superficiale.

Nota dolente è, come spesso capita negli Indie Game, la presenza di glitch e fastidiosi bug. Ci siamo ritrovati più volte a dover ricaricare la partita (perdendo preziose mezz’ore di gioco) perché i nostri personaggi sono rimasti incastrati tra due oggetti o su delle scale. Difetti che, speriamo, possano essere risolti con eventuali patch future.

Iron Danger Recensione: parere finale

In definitiva Iron Danger offre delle meccaniche interessanti, una trama originale e dei personaggi carismatici immersi in un mondo vivo e ben delineato. Ad ogni genere legato a questo gioco, la software house da una propria visione particolare come il livellamento dei protagonisti non più legato all’esperienza accumulata ma semplicemente allo sviluppo della trama.

Siamo in presenza di una di quelle ondate d’aria fresca di cui abbiamo parlato, un GDR Fantasy imperdibile per gli amanti del genere e degli Indie Game.

Iron Danger

Pro Pros Icon
  • Gameplay e meccaniche innovative
  • Ambientazioni Fantastiche
  • Tramma originale e coinvolgente...
Contro Cons Icon
  • ...ma non troppo sviluppata
  • Presenza di fastidiosi Bug

Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
3
Rabbia
Confusione Confusione
9
Confusione
Felicità Felicità
5
Felicità
Amore Amore
6
Amore
Paura Paura
3
Paura
Tristezza Tristezza
6
Tristezza
Wow Wow
6
Wow
WTF WTF
10
WTF
Daniele Cicarelli

author-publish-post-icon
Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.