fbpx
L'isola solitaria dell'armatura recensione

L’Isola Solitaria dell’Armatura: la recensione del primo DLC di Pokémon Spada e Scudo
Il primo DLC della storia dei Pokémon offre spunti interessanti ma non gli manca qualche difetto. Vi raccontiamo quali in questa recensione


L’Isola Solitaria dell’Armatura è il primo DLC nella storia di Pokémon. L’ultimo capitolo dell’amata saga – diviso come sempre in due varianti, Spada e Scudo – abbraccia una strategia ormai collaudata nel mondo videoludico ma decisamente insolita per il mondo dei mostriciattoli giapponesi. Ci troviamo così di fronte ad un Pass di Espansione che garantisce l’accesso a contenuti aggiuntivi. Il primo ci porta sull’Isola dell’Armatura e ci permette di aggiungere alla nostra collezione il Pokémon leggendario Urshifu. Un buon motivo per spendere qualche soldo? Sì e no. Proviamo a raccontarvi pregi e difetti di questa espansione.

L’Isola Solitaria dell’Armatura

L'isola-solitaria-dell'armatura-recensione dojo master Mustard
Mustard all’interno del suo Dojo Master

Noi abbiamo affrontato il DLC al termine della storia principale, freschi della vittoria sul super campione Dandel, ma in realtà non siete obbligati a finire il gioco prima di avventurarvi sull’Isola dell’Armatura. Una volta in possesso dell’espansione vi basterà recarvi alla stazione di Brassbury per raggiungere la nuova area di gioco. Prima di partire però farete la conoscenza di quello che rapidamente diventerà un vostro rivale: Savory se, come noi, avete Pokémon Scudo, oppure Sofora se avete acquistato Pokémon Spada.

Giunti a destinazione scoprirete che la vostra meta è il Dojo Master, gestito dal peculiare maestro Mustard e dalla moglie Tania. Il proprietario del dojo vi metterà di fronte ad una serie di sfide e compiti che vi permetteranno di ottenere un regalo davvero speciale.L'isola solitaria dell'armatura recensione Urshifu

I pro

L’Isola Solitaria dell’Armatura è ricca di spunti interessanti, a partire dall’estrema libertà di movimento offerta dalla nuova mappa. Proprio come accadeva nelle Terre Selvagge del gioco principale, anche la nuova area vi consente di spostarvi ovunque e di controllare la camera, andando incontro oppure evitando le creature che popolano l’isola. Non mancano sentieri secondari e anfratti dove trovare Dischi Tecnici, bacche, Poké Ball e strumenti di ogni genere. Tutto questo non solo sulla terraferma ma anche in mezzo al mare. Potrete infatti esplorare le acque che circondano l’isola e gli isolotti che le popolano. Non aspettatevi però nulla di complesso: i piccoli spiazzi di terra che troverete sono spesso molto simili e privi di appeal, utili solo a trovare qualche oggetto in più.

L'isola-solitaria-dell'armatura-recensione mappaSparse per tutta la zona – mare incluso – troverete le tane Dynamax ma questa volta non saranno la vostra unica fonte di Watt, la moneta alternativa del gioco. L’area del DLC è la casa di nuovi personaggi non giocabili che possono generare valuta in cambio delle Roccearmatura. Attenzione però: questa preziosa risorse vi servirà anche per convincere l’Insegnamosse ad istruire i vostri Pokémon. Cercate quindi di non dilapidare il vostro piccolo patrimonio di Roccearmatura nel solo acquisto di Watt, Watt che però saranno vitali per espandere il dojo.

Le novità però non finiscono qui. A disposizione infatti avrete anche il Cramobot, che tramuta strumenti quasi inutili in oggetti estremamente rari e preziosi, e le macchine che distribuiscono gli integratori, così risparmiarete qualche Pokédollaro.

Completano il quadro i nuovi pokémon, disseminati nella mappa di gioco, ed una maggior cura dei dettagli, con il paesaggio che si arricchisce di piccoli elementi che rendono l’isola ancora più caratteristica.

Le Prove Limitate dell’Isola Solitaria dell’Armatura

Una volta completata la storia principale potrete sperimentare le Prove Limitate. All’interno del Dojo Master potrete infatti sfidare l’intelligenza artificiale per cinque partite consecutive.

Lo so, non sembra molto allettante ma c’è qualche regola che darà il giusto pepe a questa attività: potrete contare su una squadra di tre soli pokémon, tutti di un unico tipo, e avrete a disposizione solo due cure per sessione.
Gli avversari poi non avranno sempre la stessa potenza ma vedrete alternarsi pokémon molto forti e mostriciattoli più deboli. L’imprevedibilità renderà la sfida ancora più intrigante e vi eviterà di cadere nel tunnel della noia.

Le Prove Limitate si sono rivelate una delle aggiunte più accattivanti di questo DLC, seppur non sufficienti a sopperire al difettoo più eclatante de L’Isola Solitaria dell’Armatura.

Offerta
Pokémon Scudo - Nintendo Switch
  • Pokémon Spada e Pokémon Scudo sono ambientati a Galar, una vasta regione con una gran varietà di paesaggi: zone...
  • Lingua dialogo, sottotitoli e manuale in italiano
  • I giocatori dovranno scegliere il loro compagno di viaggio fra tre nuovi Pokémon: Il Pokémon Scimpanzé Grookey , il...

Il difetto più importante

L'isola solitaria dell'armatura PokémonCome anticipato inizialmente, non siete obbligati a finire l’avventura principale di Pokémon Spada e Scudo prima di catapultarvi nella nuova mappa di gioco. Dovrete però considerare un aspetto: i Pokémon che troverete sull’isola partono dal livello 60.

A mio avviso è il più grosso limite dell’intera espansione e vi spiego subito perché.

Immaginate di voler cambiare aria a poche ore dall’inizio della storia principale. Prendete il vostro treno, arrivate sull’isola e scoprite che la squadra in vostro possesso non può nulla contro le creature del posto.

Ora pensate di raggiungere la nuova area dopo aver concluso l’avventura di Pokémon Spada e Scudo, proprio come abbiamo fatto noi. Il nostro starter, ora evolutosi in Cinderace e arrivato in questo piccolo paradiso a livello 62, riesce facilmente a competere e spesso stracciare i pokèmon dell’isola. Una situazione che andrà via via peggiorando visto che il team diventerà sempre più forte, mentre i mostriciattoli del posto no.

A questo punto potrete decidere di allevare un nuovo team, composto da creature locali o da pokémon che avete catturato in precedenza ma che non avete mai allenato. Nel primo caso avrete comunque il problema precedente: la squadra migliora ma il livello di sfida offerto dalla concorrenza è lo stesso. La seconda ipotesi invece ci riporta al primo problema: pokémon ancora deboli che si scontrano con avversari più potenti e incisivi.

Personalmente avrei gradito un po’ più di varietà in termini di livelli, offrendo così ai giocatori una sfida più stimolante.

Gli altri piccoli contro

L'isola solitaria dell'armaturaVi segnaliamo infine due ulteriori pecche che però non rovineranno l’esperienza di gioco. Da un lato abbiamo le aree che, come scritto poco sopra, regalano grande libertà e propongono un level design più complesso rispetto a quanto visto nelle Terre Selvagge. Peccato che non tutte le zone siano curate allo stesso modo. Il deserto, ad esempio, si riduce ad un appezzamento circolare, con una perenne tormenta di sabbia che cerca di nascondere la semplicità del luogo.

L’Isola Solitaria dell’Armatura ripropone poi una caratteristica vista in Pokémon Let’s Go: il primo pokèmon della vostra squadra ora rimane al vostro fianco. Peccato che non tutti siano animati allo stesso modo, con creature che terranno perfettamente il passo e altre che continueranno a teletrasportarsi perché incapaci di raggiungervi. E no, non stiamo parlando di mostriciattoli notoriamente lenti.

Che faccio, compro il Pass di Espansione?

L’Isola Solitaria dell’Armatura è il primo DLC di Pokémon Spada e Scudo e porta con sé una serie di interessanti novità alternate a qualche scelta discutibile. L’area di gioco ci è piaciuta molto, l’Insegnamosse è utilissimo se amate gli scontri PvP, i pokèmon da catturare sono tanti e la storia, seppur breve, vi permetterà di aggiungere un altro Pokémon leggendario al team.

Sappiate però che rispetto all’avventura principale gli stimoli narrativi sono quasi inesistenti e il livello di difficoltà risulta ancora più basso.

Vi ricordiamo però che il Pass di Espansione prevede un secondo DLC, in arrivo alla fine dell’anno, che potrebbe regalarci qualche sorpresa.


Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link