fbpx
AudioMobileMusicaNewsTech

Jack audio: perché è scomparso e come sopravvivere senza di lui

L’eliminazione del jack audio è una pratica iniziata ormai diversi anni fa, ma probabilmente destinata a rimanere ancora per tanto argomento attuale di discussione. Quali sono le cause che hanno portato a dire addio al caro vecchio jack audio? Che novità ha introdotto la nuova porta? Cosa potremmo rimpiangere?

Proviamo a dare qualche risposta.

AudioQuest 3m Evergreen 3.5mm cavo audio Nero
  • Lungo conduttore di rame cristallino (LGC)
  • Doppia geometria asimmetrica bilanciata
  • Isolamento in schiuma di polietilene

I Motivi

Ufficialmente, il motivo che le aziende portano a giustificazione della scelta di aver eliminato il jack audio è legato all’esigenza di spazio per l’implementazione delle nuove tecnologie (e dei conseguenti nuovi componenti).

Ora proviamo a pensare un po’ più “fuori dagli schemi”.

Possiamo considerare due altri fattori, legati tra loro: il profitto e la raccolta di dati.

Il profitto ha spesso il ruolo preponderante: la creazione di una nuova esigenza, in ambito tecnologico, apre sempre un nuovo canale (fonte di guadagno).

E qual è la nuova esigenza?

L’utilizzo di servizi come ad es. gli assistenti vocali, che con un auricolare bluetooth al nostro orecchio sono sempre in ascolto… e contribuiscono a scrivere la nostra storia. Ora, quasi naturalmente, ci siamo abituati a non poterne quasi più fare a meno. Con gli auricolari cablati, questo non sarebbe stato possibile.

Gli effetti più evidenti

Ogni novità ha i suoi rischi. Anche dire addio a uno standard tanto diffuso come il jack audio. Cerchiamo di analizzare le conseguenze.

Sicuramente, con un ingresso in meno, è aumentato il grado di impermeabilizzazione, favorendo le varie certificazioni IP/IPX.

Degli auricolari BT sono più versatili, ci permettono di dialogare con Google, Siri… magari di rispondere direttamente alle chiamate, magari mentre stiamo cucinando.

L’auricolare senza fili non ha bisogno per forza dello smartphone vicino e… non ci fa più ascoltare la radio. E ha anche un parametro che il gemello cablato neanche sapeva cosa fosse: il SAR (Tasso di Assorbimento Specifico), ossia radiazioni. Radiazioni che, seppur minime, il nostro corpo si prende.

Ma hanno un sacco di funzionalità in più: riduzione attiva del rumore, modalità “rumore ambientale” (ogni casa la chiama in nome diverso, ma immagino abbiate capito), riconoscimento automatico dei contatti, controllo musica, magari anche HRM, GPS integrato, avviso di ricarica, funzione “trovami“. E poi bisogna ricaricarli. Anche loro.

Offerta
Sony WF-1000XM4 | Cuffie True Wireless con Noise Cancelling,...
  • ELIMINAZIONE DEL RUMORE: Il noise cancelling è potenziato grazie al novo processore V1, il driver, i microfoni di nuova...
  • AUDIO HI-RES WIRELESS: Con un driver da 6 mm, il diaframma ad alta flessibilità ed il processore V1, riproducono un...
  • Con la connessione Multipoint, queste cuffie Bluetooth possono essere accoppiate con due dispositivi contemporaneamente....
Offerta
Nothing Ear (2) - Auricolari wireless ANC (Active Noise...
  • Suono autentico. Il nuovo design a doppia camera e il driver dinamico da 11,6 mm garantiscono la riproduzione di ogni...
  • Certificazione Hi-Res Audio. Ascolta l'audio come lo intende l'artista. Le frequenze fino a 24 bit/192 kHz possono...
  • Cancellazione attiva del rumore fino a 40 dB. La modalità adattiva rileva le distrazioni nell'ambiente e regola i...

Gli effetti meno evidenti

Una cosa è sicura: vanno comprati a parte. E vanno anche associati. Noi ci siamo in mezzo, ma tante persone non sono nate con la tecnologia, o non sono appassionate come noi. Non sempre un click è immediato.

Ahhh quanta tecnologia! …E se si rompe?

Oppure possiamo usare il caro vecchio vivavoce! Magari all’aperto, magari in autobus, o in treno! …Giusto per non farci sentire da nessuno e non dar fastidio a nessuno.

Tralasciamo il mondo degli audiofili, che difficilmente connetterebbero direttamente il jack delle loro care cuffie cablate all’ingresso mancante ma che magari con uno smartphone con un buon DAC interno avrebbero anche potuto pensarci, ogni tanto. Pensiamo invece all’assenza del jack audio, associata all’introduzione dello standard USB-C come porta unica sugli smartphone.

Sony MDR-1AM2 - Cuffie over-ear con microfono, Hi-Res Audio,...
  • Sony MDR-1A Cuffie Over-ear
  • Padiglioni a pressione ridotta per un ottimo comfort
  • Peso: 187 g
V-Moda XS Cuffie Sovraurali in Metallo con Isolamento dal...
  • Suono pluripremiato e il massimo dell'ergonomia in un formato ultra-portatile; tecnologia di Collegamento: Cablata
  • Esclusivo design CliqFold ripiegabile per il minimo ingombro
  • Costruzione in metallo per una robustezza imbattibile

E’ comoda, veicola diversi tipi di dati… si può anche utilizzare per caricare il dispositivo! Anche come power delivery, per i dispositivi supportati. E anche per ascoltare la musica, con gli auricolari appositi. Tralasciando reperibilità e disponibilità (scarse), questa porta ci pone comunque davanti ad una scelta di mutua esclusività: se vogliamo rimanere sul cablato, possiamo o caricare il dispositivo, o ascoltare le nostre tracce audio.

E…

E pensare che uno dei primi, se non il primo “pseudo”-smartphone, fu il vecchio Motorola ROKR E1, realizzato in collaborazione con Apple e con iTunes integrato al suo interno!

ROKR E1 1
Motorola ROKR E1

Come il caro vecchio LED dei BlackBerry Legacy, ma questa è un’altra storia…

E voi cosa ne pensate dell’eliminazione del jack audio dai nostri dispositivi? Vi aspettiamo nei commenti.

Via
DDay.itiphoneitalia.comMMontemagno

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button