fbpx
LG V60 ThinQ 5G recensione

LG V60 ThinQ 5G recensione: il ritorno di LG in Serie A?
Il nuovo top di gamma coreano è davvero in grado di competere con la concorrenza?


LG V60 ThinQ 5G recensione

LG V60 ThinQ 5G recensione – Il settore degli smartphone è da anni uno dei punti deboli di LG. E, diciamocelo, è un vero peccato. L’azienda coreana ci ha infatti abituati a soluzioni innovative – pensate al G5, lo smartphone modulare – e a novità capaci di influenzare gli altri grandi colossi (qualcuno ha detto “fotocamera grandangolare?”). Nell’ultimo periodo però i device di LG non sono riusciti a lasciare il segno. Non perché non siano ottimi dispositivi ma perché avevano sempre qualcosina in meno della concorrenza. Un piccolo dettaglio che però portava i consumatori ad optare per altri brand.

È così anche LG V60 ThinQ 5G? Si e no.

Da un lato infatti questo smartphone riesce finalmente a superare la concorrenza in termini di autonomia, dall’altro però troviamo ancora qualche pecca  ed un prezzo di lancio forse poco competitivo.

Un display enorme

LG V60 ThinQ 5G recensione displayLa prima cosa che noterete di LG V60 ThinQ sono le dimensioni. Lo smartphone, che ospita uno schermo da 6,8 pollici, non è semplice da gestire con una sola mano e il design – che contrariamente alla concorrenza non prevede bordi curvi – rende meno agevole la presa. In compenso la qualità costruttiva è indubbia: il device è solido e robusto, con tanto di certificazione militare che conferma la resistenza a cadute ed urti.

Ci è piaciuta poi la colorazione. Uno splendido ed elegante blu che viene arricchito dal frame e dagli inseriti dorati. Questa scelta lo aiuta indubbiamente a distinguersi dalla concorrenza, anche se avremmo gradito qualche spunto estetico in più.

E i materiali? Vetro per la back cover e profilo in metallo. Quest’ultimo ospita a destra il tasto di accensione, a sinistra il bilanciere del volume e il pulsante dedicato a Google Assistant, mentre nella parte superiore abbiamo lo slot per la SIM e la microSD. Sulla parte inferiore invece troviamo una piacevole sorpresa. Oltre allo speaker e al connettore USB-C abbiamo il sempre apprezzato jack da 3,5 mm. 

La parte frontale è occupata quasi interamente dallo schermo P-OLED con risoluzione FullHD+. Il display supporta l’HDR10+, perfetto per la fruizione dei contenuti, ma non aspettatevi una frequenza di aggiornamento elevata. LG infatti ha preferito rimanere ancorata ai classici 60 Hz.
Un difetto? A dire il vero no. Il pannello è comunque perfetto: neri profondi, colori vividi ed eccellente luminosità.

Un giro nelle impostazioni vi permetterà di gestire il New Second Screen, ossia la piccola porzione superiore di schermo. Niente di troppo complesso ma potete scegliere di eliminare il notch oscurando l’intera sezione e scegliendo persino il colore di quest’area.

Nel medesimo menù troverete l’Always-on-Display, la possibilità di abilitare la modalità notte, la modalità Colore (6 quelle disponibili a cui si aggiunge quella per i più esperti) e l’Amplificatore Video che migliora la resa dei contenuti multimediali.

Il Dual Screen per gli amanti del multitasking

LG V60 ThinQ 5G recensione Dual ScreenLG V60 ThinQ continua a rimanere fedele al suo Dual Screen. Niente pieghevoli quindi ma un accessorio che raddoppia lo spazio a vostra disposizione.
A cosa serve? Potete affiancare due app e scatenare il vostro bisogno di multitasking. I due display vi permettono infatti di guardare un film e continuare a inviare messaggi, di verificare le email mentre navigate online, di effettuare uno screenshot del contenuto del secondo display per poi allegarlo alla chat presente sul primo e persino di usare uno schermo come controller mentre giocate sul primo. Le possibilità sono infinite.

Il Dual Screen inoltre è dotato di un piccolo display frontale in bianco e nero da 2,1″ così, quando il dispositivo è chiuso, potete comunque controllare le notifiche.

Questa soluzione però non è priva di difetti. Prima di tutto il Dual Screen non è incluso nel prezzo, è un accessorio aggiuntivo. In secondo luogo va ad aumentare notevolmente le dimensioni di uno smartphone già di per sè molto abbondante. Non è quindi votato alla mobilità e in più vi constringe all’uso di un piccolo accessorio, indispensabile per ricarire il device quando è collegato al Dual Screen.

ROVLAK Custodia per LG V60 ThinQ Case Trasparente con...
  • ★Custodia per LG V60 ThinQ: Il case trasparente è stato progettato appositamente per LG V60 ThinQ. La dimensione è...
  • ★Funzione Anti-Ingiallimento: Il custodia resistente con materiale di prima qualità ha funzione anti ingiallimento,...
  • ★Siliconi Morbidi Ultrasottili: LG V60 ThinQ cover slim è solo 0,88 mm. Questo custodia silicone trasparente con...

LG V60 ThinQ 5G recensione: l’autonomia è il punto forte

LG V60 ThinQ 5G recensione performanceNon voglio spendere troppe parole per le prestazioni. Insomma, è un top di gamma con processore Snapdragon 865, GPU Adreno 650 e 8 GB di RAM. Ha quindi tutto ciò che serve per essere rapido e scattante.
A disposizione poi 128 GB di memoria interna, espandibile tramite micro SD.

Anche la connettività è da vero flagship: WiFi 6, 5G, Bluetooth 5.1 ed NFC vi offrono tutta la versatilità e la velocità di cui avete bisogno.
Promosso poi anche l’audio con un volume chiaro e potente, arricchito dall’ormai immancabile Quad DAC Hi-Fi.

Ciò che stupisce però è l’autonomia. I 5000 mAh della batteria vi permette di coprire più di una giornata anche sotto stress. Un risultato che gli permette di battere il 90% della concorrenza.
In più abbiamo la ricarica rapida da 25W e quella wireless da 9W.

LG UX 9: il software convince?

LG V60 ThinQ si presenta con LG UX 9, l’interfaccia personalizzata del colosso coreano basata su Android 10.

Navigando tra le varie schermate non troverete niente di sbagliato. Insomma, le gesture funzionano bene, possiamo sdoppiare le app, abbiamo la registrazione dello schermo e Capture+ per modificare gli screenshot senza difficoltà.

Il problema però non è la completezza e nemmeno la fluidità. LG UX 9 si comporta davvero bene in qualsiasi situazione. Quello che stona è semplicemente l’estetica che sembra essere lontana dal gusto contemporaneo. Un vero peccato per un software altrimenti ben realizzato.

Solo due fotocamere

LG V60 ThinQ 5G recensione fotocameraLa cover posteriore di LG V60 ThinQ ospita un modulo fotocamera leggermente sporgente che racchiude tre sensori differenti: quello principale da 64 megapixel, un grandangolare da 13 megapixel e un TOF.
Sulla parte frontale invece abbiamo un obiettivo da 10 megapixel.

Come si comportano? Davvero bene. Il risultato è ottimo in condizioni di buona luminosità, con colori naturali e una messa a fuoco davvero rapida. Anche al buio se la cava bene. Certo, dovrete ricordarvi di usare la modalità notturna ma il risultato sarà più che soddisfacente.

Manca, come avrete notato, l’ormai diffusissimo zoom ma non è un vero problema. Prima di tutto perché potete avere lo zoom 2x anche qui, ottenuto con il crop di uno scatto a 64 MP. Non dimenticatevi poi che sono pochi i dispositivi che offrono uno zoom più importante garantendo risultati utilizzabili. Persino iPhone si ferma al 2x.

Meno esaltante la fotocamera frontale che fa il suo lavoro senza però eccellere particolarmente.

Discreti infine i video in 8K, mentre risultato ottimi quelli in 4K a 60 fps. Attenzione però: se volete usare l’obiettivo ultragrandangolare dovrete fermarvi al Full HD.

LG V60 ThinQ 5G: la scheda tecnica

Prima di trarre le dovute conclusioni, rivediamo le caratteristiche tecniche di questo device. 

Dimensioni: 169.3 x 77.6 x 8.9 mm
Peso: 214 g
Display: 6,8″ P-OLED – 1080 x 2460 pixel – 60 Hz
CPU: Qualcomm Snapdragon 865
GPU: Adreno 650
RAM: 8 GB
Memoria: 128 GB
Rete: 5G – Single SIM
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac/ax, Bluetooth 5.1, USB-C, GPS, NFC
Certificazione: IP68 e MIL-STD-810G
Batteria: 5000 mAh
Fotocamera posteriore: 64 MP + 13 MP
Fotocamera anteriore: 10 MP
Video: 8K
Sistema operativo: Android 10 con LG UX 9

LG V60 ThinQ 5G recensione: acquistarlo oppure no?

LG V60 ThinQ non ha dei veri difetti ed è innegabile che meriti un posto nella Serie A degli smartphone. Il display è ottimo, le performance sono eccelse, l’autonomia è sopra la media e c’è persino il jack da 3,5 mm.
Ci sono però piccoli elementi che dovete considerare prima di acquistarlo. Le dimensioni importanti sono un problema per voi? Potete vivere con una sola SIM? Il software è di vostro gradimento?

Se tutto questo per voi è irrilevante, allora adorerete questo device. Attenzione però al prezzo: 999,99 euro senza Dual Screen.

LG V60 ThinQ 5G

Pro Pros Icon
  • Solido e resistente
  • Ottimo display
  • Performance top
  • Autonomia sopra la media
  • Buon comparto fotografico
Contro Cons Icon
  • Interfaccia da svecchiare

Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link