fbpx
MusicaNews

Line Magnetic: amplificatori valvolari dal prezzo interessante

Line Magnetic è una azienda nata nel 2005 in Corea che offre amplificazioni valvolari dall'interessante rapporto qualità prezzo.

Line Magnetic produce amplificatori valvolari, elettroniche e diffusori. Se da sempre siete appassionati di amplificazioni valvolari ma il grosso ostacolo sono sempre stati i prezzi potremmo aver trovato la soluzione che fa per voi.

Line Magnetic: una breve storia moderna

Tutto nasce nel 2005 per opera di due fratelli, entrambi grandi appassionati dei sistemi classici dell’alta fedeltà americana degli anni Cinquanta. La storia del brand coreano inizia come centro assistenza Western Electric, Jensen ed Altec, per poi evolversi piano piano a quel che è oggi: una azienda produttrice di apparecchi ad alta fedeltà. Line Magnetic può contare su due stabilimenti di produzione. Una delle caratteristiche ben messe in evidenza sul sito del costruttore è il fatto di realizzare le elettroniche con un cablaggio detto “punto-punto” ossia senza l’utilizzo di una PCB, sistema molto utilizzato negli anni addietro e molto apprezzato dagli appassionati vecchio stile che ancora oggi ritengono questo metodo di gran lunga superiore alle classiche pcb.

Un particolare dell’interno dove si capisce meglio cosa si intende per cablaggio punto-punto.

Quanto deve costare un amplificatore a valvole?

Come dicevano i Latini: “Est modus in rebus”. Per iniziare non c’è assolutamente bisogno di spendere cifre a quattro zeri ma state anche ben attenti a non esagerare nell’altro senso. Le valvole, i trasformatori di uscita ed altre componenti hanno un loro costo e pur andando a risparmio c’è sempre una soglia di spesa sotto la quale è meglio non andare per non incappare in elettroniche valvolari in cui le valvole svolgono esclusivamente la funzione di “lampadina luccicosa” ( non stiamo scherzando, è successo veramente). Infine se siete alle prime armi valutate bene con quali diffusori interfacciare il vostro amplificatore valvolare. Una buona sensibilità degli speakers ( almeno 90db) è uno dei fattori da tenere in considerazione, ma tranquilli a breve avremo modo di approfondire questo argomento.

Line Magnetic LM-211

LINE MAGNETIC LM-211 un buon modo per iniziare.

Il Line Magnetic LM-211 è un amplificatore in configurazione push-pull dotato di due valvole 12ax7 e due valvole 12au7 per quanto riguarda lo stadio di ingresso e quattro valvole El34 per quello di potenza. Potrete utilizzarlo in due modalità differenti:

  • Triodo: 2x15watt
  • Ultralineare: 2x32watt

Sul pannello anteriore troverete un piccolo indicatore che vi servirà per regolare il bias delle valvole, cosa molto utile se deciderete di giocare col tube rolling. I trasformatori di uscita, a quanto dichiara l’azienda coreana, sono inoltre progettati con estrema cura per lo scopo specifico. Sul retro troverete quattro ingressi linea ed i connettori a 4 ed 8 ohm per i diffusori. Completano la dotazione un potenziometro per il volume di tipo Alps ed un telecomando ad infrarossi. Due le colorazioni disponibili: nero ed argento.

Per quanto riguarda il prezzo, l’abbiamo trovato a 1.380 Euro a questo link.

Line Magnetic LM-212PA

Disponibilità e conclusioni

Il Line Magnetic LM-211 è il giusto compromesso tra qualità e prezzo, inoltre, a differenza di altri brand che troverete sul web, i prodotti Line Magnetic, come riportato su questo link, hanno due rivenditori autorizzati sul suolo italiano che potranno consigliarvi al meglio sugli abbinamenti amplificatore-diffusore. Se poi impazzirete e vorrete alzare il budget rimanendo sempre fedeli al brand, potete stare tranquilli, di alternative più costose non ne mancano, come l’ LM-212PA da 42.990 Euro!

Come sempre buoni ascolti a tutti.

Francesco Taddei

Appassionato di musica fin da bambino, con una grande passione per l'alta fedeltà. Adoro la tecnologia e tutto ciò che la circonda. Da sempre fautore della "casalinga di Voghera" cerco di dialogare con le persone parlando in maniera semplice. Su Instagram trovi le mie peripezie giornaliere tra elettroniche e qualche tentativo (molto maldestro) di DIY audio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button