MotoriNews

LiveWire, la prima Harley-Davidson elettrica debutta all’EICMA

Da tempo si vociferava un modello elettrico da parte di Harley-Davidson; quale miglior momento dell’EICMA di Milano per esporlo ufficialmente. All’annuale fiera del ciclo e del motociclo potrete ammirare in anteprima la versione finale LiveWire in tutte le sue forme e caratteristiche.

Harley-Davidson LiveWire

Una lunga attesa

La LiveWire è in cantiere dal lontano 2010, esattamente quando la Rockstar Games iniziava la produzione di Red Dead Redemption 2. Dall’inizio del progetto ci sono stati alcuni prototipi ,come quello del 2014, ma la società puntava a qualcosa di meglio. Quest’anno, in cui le moto elettriche sono sulla bocca di tutti, l’EICMA 2018 si è rivelata essere la miglior occasione per la casa statunitense.

Harley-Davidson LiveWire

I primi dettagli

Tanti i dettagli e tanti i segreti. Quello che possiamo dirvi con certezza è che ovviamente  si tratta di un veicolo totalmente elettrico, spinto da un motore a magnete permanente, come i precedenti prototipi. Addio quindi al classico rombo Harley-Davidson a favore di un più moderno suono tipico dei motori elettrici.

Il pacco batterie, la parte più discussa di tutti i veicoli elettrici, sarà l’insieme di tante celle agli ioni di litio, annegate in una scocca di alluminio. Troverete poi sospensioni regolabili, freni Brembo monoblocco con dischi da 300mm, ABS e controllo di trazione. Gli pneumatici, non certo piccoli, saranno da 180mm al posteriore e da 120mm all’anteriore.

Harley-Davidson LiveWire

Indiscrezioni anche su quattro possibili modalità di guida e tre configurazioni personalizzabili per ogni guidatore. Essendo poi l’elettrico associato alla parola “smart” troveremo anche tutte quelle funzionalità high-tech come il display touchscreen con navigatore, il bluetooth e tutte quelle feature di controllo del veicolo.

Data di uscita

Non vedete l’ora di salire su questa bestia? Dovrete aspettare ancora un po’. Harley-Davidson ha dichiarato la release dei prezzi verso gennaio 2019. Per la disponibilità della moto occorrerà invece aspettare fino a 18 mesi.

Fonte
autoblog.com
Tags

Federico Marino

Amante dei motori, specie quelli grossi e rumorosi, appassionato di tecnologia e di tutto ciò che è scientifico e innovativo. Studente in ingegneria energetica, tento di sopravvivere al caos della Grande Milano con una piccola reflex, rock 'n 'roll sempre in cuffia e tanti buoni propositi!
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker