fbpx
NewsTech

Il futuro di Facebook è il metaverso

L'intervista di The Verge al CEO di Facebook

Il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, ha un’ambiziosa iniziativa. Il futuro dell’azienda andrebbe ben oltre il suo attuale progetto di creare una serie di app social connesse e alcuni hardware per supportarle: Facebook vorrebbe costruire un insieme interconnesso di esperienze provenienti direttamente dalla fantascienza, un mondo noto come metaverso.

Mark Zuckerberg è sempre più convinto: il futuro Facebook e internet è il metaverso

Il termine metaverso è stato coniato in Snow Crash, un romanzo di fantascienza di Neal Stephenson del 1992, e si riferisce a una convergenza di realtà fisica, aumentata e virtuale in uno spazio online condiviso. E il metaverso ormai è cavalcato da molte aziende. All’inizio di questo mese, il New York Times ha parlato di come aziende e prodotti tra cui Fortnite, Roblox e persino Animal Crossing: New Horizons avessero sempre più elementi simili al metaverso.

Nel gennaio 2020, un saggio di Matthew Ball si proponeva di identificare le caratteristiche chiave di un metaverso. Tra questi: deve abbracciare il mondo fisico e quello virtuale; contenere un’economia a tutti gli effetti; e offrire “interoperabilità senza precedenti”: gli utenti devono essere in grado di portare i loro avatar e beni da un luogo all’altro del metaverso, indipendentemente da chi gestisce quella particolare parte di esso. Fondamentalmente, nessuna azienda gestirà il metaverso: sarà un “internet incarnato”, ha detto Zuckerberg, gestito in modo decentralizzato da molti attori diversi.

Secondo Mark Zuckerberg, il CEO di Facebook, il metaverso offrirà enormi opportunità ai singoli creatori e artisti; a individui che desiderano lavorare e possedere abitazioni lontane dai centri urbani odierni; e alle persone che vivono in luoghi dove le opportunità di istruzione o svago sono più limitate.

Mark Zuckerberg ceo Facebook

L’intervista al CEO di Facebook

The Verge ha pubblicato un’intervista con il CEO di Facebook avvenuta su Zoom, poiché il metaverso ancora non è disponibile. Hanno discusso riguardo il futuro di internet, le sfide per governare un futuro universo virtuale, e lo squilibrio di genere nella realtà virtuale di oggi.

Hai detto ai tuoi dipendenti che la tua visione futura di Facebook non è la versione bidimensionale che usiamo oggi, ma qualcosa chiamato metaverso. Quindi cos’è un metaverso e quali parti di esso ha intenzione di costruire Facebook?

Mark Zuckerberg: Il metaverso è una visione che abbraccia molte aziende, l’intero settore. Puoi considerarlo come il successore di Internet mobile. E certamente non è qualcosa che una società costruirà, ma penso che una grande parte del nostro prossimo capitolo, si spera, contribuirà a costruirlo, in collaborazione con molte altre società, creatori e sviluppatori. Ma puoi pensare al metaverso come a un Internet incarnato, dove invece di visualizzare solo i contenuti, ci sei dentro. E ti senti presente con le altre persone come se fossi in altri posti, avendo esperienze diverse che non potresti necessariamente fare su un’app 2D o su una pagina web, come ballare, ad esempio, o diversi tipi di fitness.

Il metaverso non è solo realtà virtuale. Sarà accessibile su tutte le nostre diverse piattaforme informatiche; VR e AR, ma anche PC, ma anche dispositivi mobili e console di gioco. Molte persone pensano al metaverso come a qualcosa che riguarda principalmente il gaming. Penso che l’intrattenimento sarà chiaramente una parte importante di tutto questo, ma non ci sarà solo questo.

Questa descrizione sembra più il metaverso che potrebbe esserci familiare da libri come Ready Player One o Snow Crash, o forse come Fortnite oggi, dove alcuni degli aspetti più importanti della nostra vita, incluso il nostro lavoro, vengono vissuti e realizzati all’interno di questi spazi virtuali. Sono buone analogie per il tipo di mondo di cui stai parlando?

Mark Zuckerberg: Ciò di cui sono entusiasta è aiutare le persone a offrire e sperimentare un senso di presenza molto più forte con le persone a cui tengono, le persone con cui lavorano, i luoghi in cui vogliono essere. Non penso che si tratti principalmente di passare più tempo su Internet. Penso che si tratti di essere coinvolti in modo più naturale.

E oggi, penso alle piattaforme informatiche che abbiamo. Abbiamo gli smartphone, che sono relativamente piccoli. La maggior parte del tempo mediamo le nostre vite e la nostra comunicazione attraverso questi piccoli rettangoli luminosi. Penso che le persone non siano fatte per interagire così. Durante le riunioni guardiamo una griglia di volti sullo schermo, ma non va bene. Siamo abituati a stare in una stanza con le persone e ad avere un senso dello spazio. Facciamo fatica a ricordarci cosa viene detto durante le riunioni perché gli interlocutori sembrano tutti uguali, e si fondono insieme, perché non abbiamo senso di presenza nello spazio.

Ciò che la realtà virtuale e aumentata può fare, e ciò che il metaverso in generale aiuterà le persone a sperimentare, è un senso di presenza che penso sia molto più naturale per come siamo fatti. E penso che sarà più comodo. Le interazioni che avremo saranno molto più ricche, sembreranno reali. Sarai in grado di sederti come un ologramma sul mio divano e sembrerà di stare nello stesso posto, anche se siamo in stati diversi o a centinaia di miglia di distanza. Quindi penso che sia davvero potente.

Potete ascoltare l’intera intervista di The Verge a Mark Zuckerberg qui sotto, oppure leggerne la trascrizione nell’articolo della testata.

Source
The Verge

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button