fbpx
FeaturedNewsTech

Monopattini elettrici: il decreto che inizia la rivoluzione della mobilità

Il Ministero dei Trasporti ha da poco approvato il decreto che segnerà il primo passo nella rivoluzione della mobilità

monopattini

Il Ministero dei Trasporti ha recentemente approvato un nuovo decreto, ideato per approvare l’utilizzo di monopattini elettrici e altri mezzi a propulsione anche in Italia.

La normativa approvata dal Ministero

La normativa da poco approvata presenta tutti i propri elementi distintivi in 7 articoli e 3 allegati, all’interno dei quali si definiscono tutti i mezzi autorizzati alla circolazione, i requisiti tecnici e prescrizioni per gli utenti e per le Pubbliche Amministrazioni.

All’interno dello schema vengono descritti i cosiddetti “dispositivi per la micromobilità elettrica” che, rispettivamente suddivisi in quattro categorie, presentano ognuna delle caratteristiche definite: monopattini, hoverboard, segway, e monocicli. 

Le caratteristiche di monopattini e altri dispositivi

Ad accomunare tutti i dispositivi elencati nel decreto sono alcuni dettagli essenziali che, se non presenti, impedirebbero la circolazione.

Primo tra questi ultimi è l’opportuna marchiatura CE, ai sensi della direttiva europea 2006/42/CE, seguita da segnalatori acustici, luci anteriori bianche (o gialla fissa) e catarifragenti posteriori rossi (o luce fissa) per la circolazione serale (in caso contrario possono essere solo trasportati a mano).

[amazon_link asins=’B00BUXG14A,B0069GC4CQ,B002XS7JYW’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’484f7bbb-2118-4b1f-add6-a8a3f1c47b93′]

I dispositivi non autobilanciati come i monopattini possono utilizzare motorizzazione elettrica, purché non superiore ai 500W e a velocità non superiori ai 20 km/h, poiché sopra questo limite sarà necessario un regolatore di velocità configurato in funzione di questo limite.

A condurre i nuovi mezzi potranno essere sia i maggiorenni sia i minorenni (purché provvisti di patente AM) e solo su appositi percorsi, come piste ciclabili, i percorsi promiscui pedonali e ciclabili, aree pedonali e le zone 30 (e assimilabili).

Per tutti gli utenti vi sarà inoltre l’obbligo di giubbotto o bretelle retroriflettenti ad alta visibilità dopo il tramonto del sole e mezz’ora prima del suo sorgere, se circolanti su strade che ricadono nella Zona 30 o su pista ciclabile.

Salvatore Palella, CEO di Helbiz, ha commentato il decreto affermando l’intenzione della società di continuare a lavorare di concerto con tutte le istituzioni per migliorare il quadro normativo, sfruttando tutta l’esperienza e i dati accumulati nei primi sei mesi di operatività dimostrativa su Milano.

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button