fbpx
RecensioniRecensioni TechTech

Moto Z2 Force Edition – La nostra recensione

Era stato annunciato a fine luglio e sembrava destinato a sbarcare solo negli Stati Uniti e in Cina, ma fortunatamente le cose sono cambiate: Moto Z2 Force Edition è infatti arrivato anche in Italia, ma solo nella versione Super Black.
Come si comporta la versione potenziata dello smartphone modulare di Motorola?
Per scoprirlo l'abbiamo maltrattato per qualche giorno. Vi raccontiamo tutto nella nostra recensione.

Moto Z2 Force: un display infrangibile

Moto Z2 Force

LEGGI ANCHE:
Moto Z2 Play – La nostra recensione

Il design di questo Moto Z2 Force Edition non stupisce particolarmente. L'estetica del nuovo top di gamma di casa Motorola è infatti praticamente identica a quella di Moto Z2 Play. Sulla parte anteriore troviamo quindi il tasto Home, che integra anche il lettore per le impronte, gli immancabili sensori e la capsula auricolare, che funge anche da speaker, mentre la parte posteriore è realizzata in alluminio serie 7000 e può essere agilmente protetta dalla Style Shell magnetica, inclusa nella confezione e capace di ridurre l'ormai familiare sporgenza della fotocamera principale. Il tutto ovviamente grazie agli immancabili pin magnetici, quelli che vi consentono di agganciare a Moto Z2 Force i Moto Mods.

I moto mods compatibili con Moto Z2 Force sono i seguenti:

Presente il mio amatissimo connettore USB Type-C mentre perdiamo completamente il jack audio da 3,5 mm. Niente paura però: all'interno della scatola troverete un comodo adattatore che vi consentirà di usare i vostri amati auricolari. Se non siete ancora abituati ad utilizzare smartphone privi di jack audio, inizialmente avrete un piccolo shock. Ma ci si abitua molto in fretta.

Moto Z2 Force

E il display? Ci troviamo di fronte da un AMOLED da 5,5 pollici con risoluzione Quad HD (1440×2560 pixel), protetto da una tecnologia chiamata ShatterShield. In sostanza vengono applicati degli strati protettivi di plastica che rendono lo schermo infrangibile. Purtroppo però la tecnologia di Motorola non funziona altrettanto bene per i graffi, quindi state attenti ed evitate di tenerlo vicino alle chiavi di casa. Vi segnalo anche la non elevatissima luminosità di questo display che sì, vanta colori brillanti ed un buon angolo di visione, ma tende a non eccellere sotto la luce diretta del sole.

Moto Z2 Force: prestazioni impeccabili

Di seguito vi rinfresco la memoria con le caratteristiche tecniche di questo Moto Z2 Force Edition:

Dimensioni: 155.8 x 76 x 6.1 mm
Peso: 143 grammi
Display: 5,5" AMOLED (1440 x 2560 pixel)
CPU: Qualcomm Snapdragon 835
GPU: Adreno 540
RAM: 6 GB
Memoria: 64 GB
Rete: 4G LTE – Dual SIM
Connettività: WiFi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.2, USB Type-C, NFC, A-GPS
Batteria: 2730 Mah
Sistema Operativo: Android 7.1.1 Nougat

Inutile dire che le prestazioni di questo Moto Z2 Force sono davvero eccellenti, complici il processore Snapdragon 835 e i ben 6 GB di RAM. La GPU Adreno 540 gli permette poi di garantire il massimo della fluidità anche con i giochi più impegnativi (noi lo abbiamo messo alla prova con Asphalt 8, Rayman Legends e Modern Combat), mentre la memoria interna, da 64 GB, vi consente di avere abbastanza spazio per le vostre applicazioni preferite ma anche per foto, video e musica.

A dare man forte ci pensa anche il sistema operativo, Android 7.1.1, presente qui in versione quasi stock. Dico "quasi" perché qualche personalizzazione Motorola l'ha inserita, ma tranquilli, niente di invadente. A disposizione infatti abbiamo le utilissime Moto Actions, le gesture che ci permettono di aprire la fotocamera ruotando due volte lo smartphone o di gestire il sistema usando il lettore d'impronte invece dei tasti funzione. Il Moto Display invece mostre le anteprime delle notifiche anche a schermo spento, così non dovrete necessariamente sbloccarlo.

Buona poi la qualità dell'audio mentre la ricezione risulta ottima in ogni situazione.

Qualche perplessità invece me l'ha lasciata la batteria da 2730 mAh. Per poter mantenere un corpo così sottile bisogna pur sacrificare qualcosa. Non fraintendetemi, grazie all'efficienza del processore e al display AMOLED, riuscite ad arrivare a fine giornata, ma, considerando il posizionamento di questo device, mi sarei aspettata qualcosina in più.

Il fascino del bianco e nero

Motorola Moto Z2 Force Edition si adegua ai recenti trend presentandosi con una doppia fotocamera posteriore. Abbiamo così un sensore RGB ed uno monocromatico, accompagnati da un'apertura f/2.0 e dall'immancabile autofocus.

Naturalmente il sensore monocromatico non è solo pensato per catturare immagini in bianco e nero, ma anche per migliorare la qualità delle foto a colori ed accentuare o meno l'effetto bokeh.

Ma come si comportano i due sensori? La qualità fotografica è ottima in condizioni di buona luminosità, con colori naturali ed un buon livello di dettaglio. Altrettanto buoni sono gli scatti in bianco e nero così come le fotografie realizzate con la fotocamera frontale, arricchita da un doppio Flash LED che tornerà particolarmente utile quando l'illuminazione non sarà proprio eccellente.
Moto Z2 Force perde invece qualche dettaglio di troppo al buio, complice l'apertura non troppo ampia.

Non male invece i video, con la possibilità di registrare in 4K a 30 fps. Le immagini sono fluide e nitide e la stabilizzazione digitale si comporta piuttosto bene.

Un mostro di potenza

[amazon_link asins='B074MH8DJ5' template='ProductAd' store='gamspri02-21' marketplace='IT' link_id='6e9e395f-b3f2-11e7-8d95-d59a65c8746d']Motorola Moto Z2 Force Edition non brilla per l'originalità del design, complice la compatibilità con i Moto Mods che obbliga l'azienda ad un'estetica standard, ma colpisce sicuramente per le prestazioni elevate, per il display infrangibile e per un comparto fotografico più che soddisfacente.

A perplimermi è invece il posizionamento dello smartphone che si presenta sul mercato al prezzo di 899 Euro. Capiamoci: Moto Z2 Force è un gran bel terminale ma sarebbe stato forse più appetibile con un costo più contenuto.

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button