fbpx
LifestyleNews

La NASA cerca dei volontari per la sua missione che simula la vita su Marte

Dovranno passare un anno in un habitat costruito ad hoc

Se avete mai sognato di poter vivere in un altro pianeta, questa potrebbe essere la vostra occasione. Sono infatti aperte le domande per poter partecipare come membro dell’equipaggio di una missione della NASA che simula un anno di vita su Marte.

La NASA sta cercando dei volontari per CHAPEA, la missione che simula la vita su Marte

Chiunque riuscirà a essere selezionato per il programma, sarà una delle quattro persone che vivranno e lavoreranno in un habitat chiamato Mars Dune Alpha presso il Johnson Space Center della NASA a Houston. Le domande sono aperte fino al 17 settembre e la missione dovrebbe iniziare nell’autunno 2022.

Si tratta della prima di tre missioni di un anno chiamate Crew Health and Performance Exploration Analog, o CHAPEA, per aiutare la NASA a prepararsi per le sfide che gli astronauti potrebbero affrontare quando finalmente avranno la possibilità di esplorare e vivere sul pianeta rosso nelle future missioni umane.

“È fondamentale per testare le soluzioni per soddisfare le complesse esigenze della vita sulla superficie marziana.” ha affermato Grace Douglas, scienziata capo dello sforzo di ricerca della NASA Advanced Food Technology presso il Johnson Space Center, in una dichiarazione. “Le simulazioni sulla Terra ci aiuteranno a comprendere e contrastare le sfide fisiche e mentali che gli astronauti dovranno affrontare prima di partire”.

L’agenzia cerca cittadini statunitensi ​​o residenti permanenti altamente motivati tra i 30 ei 55 anni, sani e non fumatori. Il team di reclutamento effettuerà le selezioni più o meno allo stesso modo in cui scelgono i candidati astronauti. È previsto un compenso per la partecipazione e per ogni missione di un anno verranno scelte quattro persone e due supplenti.

“È richiesto un master in un campo STEM come ingegneria, matematica o scienze biologiche, fisiche o informatiche da un istituto accreditato con almeno due anni di esperienza STEM professionale o un minimo di mille ore di pilotaggio di un aeromobile”, secondo i requisiti dell’agenzia.

NASA Mars Dune Alpha  - vita su Marte
Un render di Mars Dune Alpha, che simula la vita su Marte. | Photo Credits: ICON.

Come è formato l’habitat

L’habitat di 1.700 piedi quadrati (158 metri quadrati) è stato stampato in 3D da ICON e comprende aree separate per vivere e lavorare. È probabile che i futuri habitat utilizzati durante l’esplorazione dello spazio sulla luna e su Marte saranno stampati in 3D, il che evita la necessità di lanciare materiali da costruzione grandi e pesanti.

Come riporta la CNN, il modulo comprende quattro alloggi privati ​​per l’equipaggio, una stazione medica, aree lounge comuni; postazioni di lavoro dedicate e postazioni per la cambusa e la coltivazione del cibo. È stato appositamente progettato per fornire un po’ di privacy per l’equipaggio alle estremità dell’habitat con spazi condivisi verso il centro. L’equipaggio disporrà di mobili sia fissi che mobili in modo da poter effettuare alcune riorganizzazioni secondo necessità e sarà in grado di controllare l’illuminazione, la temperatura e l’audio. Questo dovrebbe aiutare l’equipaggio a entrare nella routine quotidiana.

È stato anche progettato per simulare le realtà che gli astronauti marziani dovranno affrontare, come risorse limitate, apparecchiature difettose, ritardi di comunicazione e una serie di fattori di stress. I quattro membri dell’equipaggio potrebbero dover condurre ricerche scientifiche, utilizzare controlli robotici e la realtà virtuale, oltre a fare passeggiate spaziali simulate. Tutte le informazioni raccolte durante queste missioni aiuteranno la NASA a sviluppare la tecnologia e i metodi necessari per il problem solving.

NASA - Programma Spaziale - Caffè di Ceramica di alta...
  • Caffè di ceramica di alta qualità tazza
  • Design è su entrambi i lati della tazza
  • Lavastoviglie e forno a microonde sicura
Source
CNN

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button