fbpx
AttualitàCulturaNews

La NATO accusa la Cina dell’attacco hacker a Microsoft

USA, Unione Europea e altri alleati hanno denunciato Pechino ma senza prendere contromisure

Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la NATO hanno denunciato oggi lunedì 19 luglio il governo della Cina per l’attacco hacker ai server di Microsoft Exchange, avvenuto all’inizio di quest’anno. Secondo il testo di condanna sono stati gli esperti informatici del Ministero della Sicurezza Statale cinese a perpetrare l’attacco, il maggiore di una serie di altri tentativi. Ma il testo non prevede alcuna sanzione nei confronti di Pechino.

La NATO accusa la Cina per gli attacchi hacker

La mozione approvata oggi dall’alleanza di 30 Stati NATO segue l’impegno annunciato dell’amministrazione Biden di giugno. In quell’occasione il presidente americano aveva dichiarato l’intenzione di trovare alleati internazionali per condannare i presunti crimini cybernetici di Pechino. Tuttavia, sembra che al momento l’onnipresente interesse economico cinese impedisca di raggiungere un accordo anche per delle sanzioni coordinante fra Europa e America. Senza le quali molti analisti credono che questa denuncia perda mordente.

Ma la presa di posizione di oggi non serve solo per riprendere la Cina per il suo “irresponsabile modello di comportamento nel cyberspazio [che] è incompatibile con l’obiettivo dichiarato di essere vista come leader responsabile del mondo”, dice la Casa Bianca. Ma anche per delineare “chiare aspettative su come le nazioni responsabili si comportamento nello spazio digitale”.

microsoft exchange cina nato denuncia

Separatamente dalla diplomazia, anche la giustizia americana ha preso provvedimenti. Il Dipartimento di Giustizia USA ha annunciato procedure penali nei confronti di tre ufficiali del Ministero della Sicurezza Statale cinese. Accusati di aver collaborato con hacker per attaccare aziende, università e istituzioni americane.

L’attacco ai server di Microsoft Exchange ha compromesso oltre 100 mila server in tutto il mondo. La stessa Microsoft ha dedotto che la provenienza dell’attacco era cinese. Al momento non sappiamo se il governo di Pechino abbia intenzione di reagire in qualche modo. Vi terremo aggiornati.

OffertaBestseller No. 1
McAfee Total Protection 2021, 3 Dispositivi, 1 Anno,...
  • SOFTWARE ANTIVIRUS PLURIPREMIATO: Blocca i virus e le minacce online grazie a una protezione cloud e offline della tua...
  • NAVIGA, FAI ACQUISTI E OPERAZIONI BANCARIE ONLINE IN TUTTA SICUREZZA: Previeni gli attacchi informatici e il malware...
  • SEMPLICE PROTEZIONE E GESTIONE DELLE TUE PASSWORD: Il password collegato al tuo browser genera e memorizza per password...
Source
Washington Post

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button