fbpx
FeaturedRecensioniRecensioni VideogiochiVideogiochi

La recensione di NBA 2K22: bene, ma non benissimo

Si poteva osare di più, ancora troppo copia e incolla

Come ogni anno, è giunto il momento di mettere mano al controller e lanciarsi alla scoperta del nuovo sportivo di 2K: NBA 2K22. Quest’anno più che mai, però, bisogna andare con i piedi di piombo, verso un titolo che ha per anni dominato la scena, ma che, a poco a poco, si è lasciato un po’ andare. La delusione della community per il capitolo precedente è ancora ben palpabile, soprattutto per i giocatori PC. Tante critiche, molte richieste, diversi suggerimenti saranno stati in grado di dare una svolta alla tendenza dell’ultimo periodo? Senza farci influenzare troppo dal trend ottenuto, abbiamo analizzato il titolo su PlayStation 5 nella sua interezza, per cercare di capire su che strada si stesse muovendo.

Sparisce quell’aria di pay-to-win che aveva caratterizzato fortemente il passato e torna un po’ di piacevolezza. Il gameplay è sempre divertente, nessuno può metterlo in dubbio, ma forse manca ancora qualcosa. Scopriamo i dettagli nella nostra recensione di NBA 2K22.

Offerta
Nba 2K22 (Sweetener Exclusive Edition) - Standard -...
  • Il bonus pre-ordine include: 5.000 vc, 5.000 punti myteam, 10 pacchetti promo settimanali myteam (1 alla settimana per...
  • Un potenziamento per ogni tipo di potenziamento gatorade, maglia luka doncic il mio giocatore e carta free Agent myteam...
  • In aggiunta, l'edizione sweetener Amazon Edition, esclusiva Amazon, comprende i seguenti contenuti digitali:

NBA 2K22 recensione: buono, non esagerato

La prima cosa d’impatto che abbiamo notato durante la nostra recensione di NBA 2K22 è che le migliorie rispetto al precedente capitolo sono quasi pari a zero. Non solo dal punto di vista dell’offerta, ma anche da quello tecnico. Il menù, che cambia ovviamente copertina, ci propone, in realtà, le stesse identiche modalità. Da Partite veloci per simulare degli scontri contro la CPU o un avversario online, a Campionato e Carriera per tenervi impegnati qualche ora in più. Non manca la sezione dedicata al My Team, ma certamente nulla che non abbiamo già visto “nelle puntate precedenti”.

Per chi si destreggia su NBA da diversi anni non ci saranno problemi a muoversi nell’interfaccia, ma ho notato che, per un neofita, la cosa potrebbe essere diversa. Non parlo tanto di “trovare le cose”, ma più che altro di comprendere il titolo. Iniziando, infatti, ho dato tutto per scontato (avendo giocato tutti i titoli dal 2014 almeno), ma non viene fatta una grande overview sulle regole e sui comandi. Chiunque si approcci per la prima volta a questo titolo dovrà certamente metterci un po’ di impegno in più.

A livello di comandi, però, non ho trovato particolare difficoltà di utilizzo o qualche altro problema. Le risposte sono sempre state veloci e fluide. Sotto questo punto di vista non ci si può assolutamente lamentare. Personalmente, però, non ho trovato un miglioramento grafico così eccelso come me lo sarei aspettato. Abbiamo testato il titolo su PlayStation 5, con aspettative altissime, eppure tanti difetti del passato sono ancora presenti, dai lunghissimi tempi di caricamento ai frame non del tutto costanti.

recensione NBA 2k22

Le modalità non mancano, ma non è tutto oro ciò che luccica

In NBA 2K22 troviamo come di consueto differenti modalità che ci permetteranno di vivere il gioco come desideriamo. Su questo fronte non abbiamo novità; NBA Today ci mostrerà le partite più gettonate da rivivere al meglio, il Campionato NBA ci offrirà la possibilità di giocare una stagione con il nostro team preferito, mentre My Team ci consentirà di spaziare anche nell’online, grazie al sistema di pacchetti già visto in precedenza.

Punto cardine, anche in questo capitolo, è la modalità Carriera. Saremo travolti da un’avventura che ci farà viaggiare dal college verso il campionato più alto. Per poter vivere l’esperienza al meglio, saremo catapultati in una città in cui intraprendere un’esperienza quasi GDR. Sparse per la mappa di gioco, infatti, troveremo missioni e attività. Un mondo vasto, ricco di NPC che ci occuperà non poco tempo. Tutto decisamente ben pensato, dallo scenario ai dettagli proposti. Ci si potrà spostare a piedi o attraverso accessori con cui poter dare spettacolo o gareggiare. Il nostro personaggio, che sarà customizzabile al 100%, potrà prendere anche parte a partite di street basket.

Nonostante la storia di base si sposi bene con i tempi moderni, giocatori che devono fare bene in campo, ma che devono anche relazionarsi con il mondo dei social, ci sono alcuni interrogativi. Per questioni di doppiaggio, il nostro personaggio sarà soprannominato MP e verrà chiamato come tale durante il corso della narrazione. Le scelte che faremo influenzeranno il corso della storia che, però, non eccellerà in narrazione.

Il vero punto a sfavore, però, risiede nel lato tecnico di questa modalità. Sebbene il titolo sia stato provato su next gen, con un hardware di tutto rispetto, non mancano alcuni problemi. Cali di frame, lag e caricamento delle texture in ritardo o addirittura parziale, rendono l’esperienza a tratti snervante. Un dettaglio sicuramente rilevante e non proprio trascurabile.

NBA 2K22 recensione

NBA 2K22 recensione: il classico titolo per appassionati

Al termine della nostra recensione di NBA 2K22 mi sento di dire che si tratti ormai di un gioco ideato per continuare ad acchiappare appassionati che non riescono a smettere. Al netto delle analisi svolte, non posso certo dire che si tratti del peggior titolo sul mercato, mentirei spudoratamente. Purtroppo, però, non posso neppure affermare con certezza che si tratti ancora del miglior sportivo sulla scena. Questo è frutto di molteplici fattori che vanno a influenzare non solo la pubblicazione, ma anche la resa

Generare ogni anno un nuovo gioco e aspettarsi che questo differisca veramente dal precedente è follia pura. Sperare, però, che rispetto al passato si senta un passo next gen, non è poi una richiesta così folle. Si tratta certamente di un gioco divertente che sa fare il suo dovere. Chi non acquista NBA da diversi anni saprà sicuramente giovare di ogni novità. Chi lo acquista ogni volta, non troverà di certo super novità, ma un prodotto che ha tanto, forse troppo del precedente. Non manca una storia rinnovata e un gameplay sempre piacevole, ma, non è abbastanza per consigliare il passaggio a occhi chiusi. Attenzione al lato PC: nonostante l’hardware sia pienamente in grado di affacciarsi alla nuova generazione (anche prima rispetto alla console), ancora una volta non troviamo il passo next gen, ma una configurazione di vecchia generazione. La community non ne sarà certamente molto soddisfatta.

Offerta
Nba 2K22 (Sweetener Exclusive Edition) - Standard -...
  • Il bonus pre-ordine include: 5.000 vc, 5.000 punti myteam, 10 pacchetti promo settimanali myteam (1 alla settimana per...
  • Un potenziamento per ogni tipo di potenziamento gatorade, maglia luka doncic il mio giocatore e carta free Agent myteam...
  • In aggiunta, l'edizione sweetener Amazon Edition, esclusiva Amazon, comprende i seguenti contenuti digitali:

Giulia Garassino

Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, ad occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button