fbpx
Fotografia

Luminar AI, il nuovo software di editing basato sull’intelligenza artificiale

L'intelligenza artificiale ancora più presente sulla nuova versione del software di Skylum

I risultati prima di tutto. È con questo concetto che Skylum presenta il nuovo aggiornamento di Luminar, il software di post-produzione che da qualche anno sta provando a dare del filo da torcere ai più tradizionali programmi di editing fotografico. La versione presentata quest’oggi non ha un numero accanto al nome, ma solo una sigla AI. Un segno chiaro, inequivocabile di quanto il team di sviluppo di Skylum abbia lavorato nell’implementazione dell’intelligenza artificiale che già nella versione 4.2 aveva fatto grandi passi avanti. 

Luminar AI

Luminar AI è stato progettato per chi voglia comunicare attraverso immagini di impatto pur non avendo le conoscenze tecniche necessarie per usare altri software. O per chi semplicemente non ha il tempo necessario da dedicare ad un vera post-produzione. Con Luminar AI il processo è semplificato grazie a degli strumenti professionali che grazie all’implementazione dell’intelligenza artificiale sono molto facili da utilizzare. Il fotografo, l’artista o chiunque voglia utilizzare Luminar AI si potrà concentrare così più sul risultato che sul procedimento. 

Questo è il concetto di base intorno al quale è stato costruito il nuovo Luminar, ma vediamo nel dettaglio in che ambiti l’intelligenza artificiale può essere utilizzata: 

  • Ritratto
  • Paesaggio
  • Miglioramento di dettagli e toni

Gli ambiti di utilizzo sono quindi gli stessi della precedente versione, ma gli strumenti sono stati affinati. Per quanto riguarda i ritratti possiamo ora lavorare anche sul corpo e non più solo sul viso del nostro soggetto, intervenire con ancora più precisione sugli occhi e lavorare sulla pelle in modo naturale. 

Con Luminar 4.2 anche il paesaggio era uno dei generi fotografici più adatti all’utilizzo dell’intelligenza artificiale. Oggi con Luminar AI possiamo lavorare con lo strumento Atmosfera AI, aggiungere un nuovo cielo o semplicemente una nota di calore o dei raggi solari. 

Infine, uno dei punti di forza di Luminar AI è la possibilità di intervenire con precisione anche sui dettagli più piccoli. Con la modalità Struttura si possono aggiungere dettagli e texture a foto troppo piatte, mentre con con il nuovo tool Composizione potremo ritagliare con precisione una fotografia. Se il problema della nostra foto sta nei colori, entra in gioco Tono, la funzione automatica per correggere esposizione e colori. 

Luminar AI: i Modelli

Ma non è tutto qui. Luminar AI ha nei nuovi Modelli uno dei punti di forza più importanti. Il software è in grado di riconoscere i contenuti di una fotografia e di conseguenza suggerirà dei modelli per post-produrre velocemente l’immagine. Si tratta in sostanza di una libreria di preset da applicare alle fotografie, ma la differenza con altri software è che sarà Luminar AI ha trovare velocemente quello più adatto alla scena e quindi ad applicare le modifiche in pochi istanti. Ciononostante l’utente potrà intervenire e avere sempre il controllo.  

Leggi anche: Luminar 4,2 la prova delle nuove funzioni

«Luminar AI semplificherà a tutti l’editing. Abbiamo eliminato le parti noiose e difficili dell’editing senza sacrificare la qualità. Luminar AI sarà un grande strumento di lavoro per gli artisti, che potranno concentrarsi su grandi risultati invece che sul processo» ha dichiarato Alex Tsepko, CEO di Skylum.

Luminar AI sarà disponibile come applicazione standalone o come plugin per macOS e Windows. Per saperne di più vi suggeriamo di visitare il sito skylum.com perché per i primi visitatori c’è anche un prezzo particolare di cui approfittare: €79 invece di €99. 

Luca Forti

Fotografo dal 2002 e scrivo di fotografia dal 2004: insomma, amo la fotografia e tutto ciò che le ruota intorno. Da due anni sono stato adottato da Milano e da sempre sono appassionato di tecnologia, di praticamente tutti gli sport, amo viaggiare, mangiare bene e non toglietemi il mio gin tonic!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button