fbpx
Cultura

Olimpiadi Tokyo 2020: i risultati di lunedì 26 luglio

Il Giappone va sempre più forte, all'Italia manca l'oro

Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 il sole è tramontato un’altra volta e in un lunedì 26 luglio vissuto col piede sull’acceleratore di cose ne sono successe e non poche. Andiamo vedere quali.

Olimpiadi Tokyo 2020: Italia, 4 medaglie, ma l’oro dov’è?

“Dov’è la vittoria? Le porga la chioma…”, recita l’Inno di Mameli: ecco, verrebbe da chiedersi, perché l’Italia non sa più vincere? A Tokyo sotto il profilo del numero di medaglie vinte è una giornata esaltante, ben 4 (3 argenti e 1 bronzi), ma non arriva l’acuto.

A referto, per un totale di 9 medaglie complessive (1 oro, 4 argenti e 4 bronzi) oggi ci vanno: Diana Bacosi, nel concorso di skeet femminile del tiro a volo, Daniele Garozzo, nel concorso individuale di fioretto maschile, la 4×100 stile libero maschile di nuoto, con la formazione Miressi-Ceccon-Zazzeri-Frigo che trova un risultato senza precedenti per la storia tricolore, e Nicolò Martinenghi, bravo a cogliere il terzo posto nei 100m rana, sempre in vasca.

Olimpiadi Tokyo 2020: testa a testa Giappone-Stati Uniti

I padroni di casa raccolgono soddisfazioni ovunque balzando in testa al medagliere (Italia in questo momento nona, ndr), ad esempio nello skateboard con gli ori nella specialità “Street” della tredicenne (!) Momiji Nishiya e di Yuto Horigome, mentre Team USA ritrova la sua solidità fra il solito nuoto e il tiro a volo, dove nello skeet arriva la doppietta firmata da Amber English e Vincent Hancock; quest’ultimo al terzo sigillo olimpico dopo quelli del 2008 e del 2012, in una striscia interrotta nel 2016 solo dall’italiano Gabriele Rossetti.

Chi la spunterà alla fine? Attenzione a non sottovalutare la Cina, che oggi non ha vissuto la sua migliore giornata, senza dimenticare che qualche volta anche le delegazioni più piccole possono costituire delle sorprese importanti, come ad esempio il Kosovo, che nel judo ha già vinto due ori, o le Filippine, un oro nel sollevamento pesi.

Olimpiadi Tokyo 2020: programma a rischio. Questa volta per un tifone

Non bastavano i problemi logistico sanitari. Verso Tokyo infatti potrebbe abbattersi nelle prossime ore un potente tifone che starebbe spingendo gli organizzatori a modificare i vari programmi di gare delle singole discipline.

Tutti gli sport all’aperto, fra cui il canottaggio che ha già “congelato il suo programma in attesa di svilippi”, stanno col naso e con gli occhi all’insù nella speranza che le conseguenze dell’annunciata tempesta non siano troppo pericolose.

Ma martedì 27 è già alle porte nel Paese del Sol Levante: una nuova giornata di gare, di sport, di emozioni è pronta a decollare per capire quali atleti e quali delegazioni saranno protagonisti sulla scena a Cinque Cerchi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button