fbpx
AttualitàCultura

Olimpiadi di Tokyo, una tempesta tropicale minaccia i giochi

L'agenzia meteorologica giapponese ha previsto che la tempesta tropicale Nepartak potrebbe atterrare martedì nell'area che include Tokyo.

Contro ogni previsione e con un anno di ritardo, le Olimpiadi di Tokyo si stanno attualmente svolgendo, affrontando una pandemia globale e un caldo soffocante. Sembra quasi una maledizione, soprattutto considerando che presto gli organizzatori dovranno preoccuparsi di una tempesta tropicale. L’agenzia meteorologica giapponese domenica ha previsto che la tempesta tropicale Nepartak potrebbe atterrare martedì nell’area di Kanto situata sull’isola principale del paese, Honshu, che include Tokyo e le Olimpiadi.

Secondo il Japan Times tuttavia, c’è anche la possibilità che Nepartak potesse invece dirigersi a nord nella regione di Tohoku, sempre a Honshu. E’ stato emesso un avviso per forti piogge, forti venti e onde alte. Se Nepartak atterra martedì, potrebbe causare raffiche fino a 78 mph (126 km/h) e depositare fino a 5,9 pollici (15 centimetri) di pioggia nella regione di Kanto-Koshin. Domenica, la tempesta è arrivata a 1.118 miglia (1.800 chilometri) da Tokyo con raffiche fino a 67 mph (108 km/h). Ed avrebbe potuto anche essere peggio.

Le Olimpiadi di Tokyo potrebbero rimanere bloccate

Gli esperti hanno detto che non si aspettano che Nepartak si trasformi in un tifone, l’equivalente di un uragano (l’unica differenza tra i due è il luogo in cui si verifica la tempesta). Come notato dal Times, i tifoni sono comuni in Giappone, anche se Tokyo tende a vedere tempeste tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Tuttavia, Nepartak ha sollevato l’allarme tra i funzionari olimpici, che si sono mossi per riprogrammare le gare di canottaggio previste. Il canottaggio non è l’unico sport a rischio. Praticamente tutti quelli che si tengono all’esterno lo sono.

Takaya Masa, portavoce del comitato organizzatore di Tokyo 2020, ha detto sabato a ESPN che il corpo stava osservando da vicino il percorso della tempesta e prendendo decisioni come misure preventive. Ha aggiunto che il comitato avrebbe agito in modo responsabile se la tempesta si fosse abbattuta su Tokyo e avesse causato danni. “A differenza di un terremoto, siamo in grado di prevedere il percorso di un tifone in modo da poter fare piani“, ha detto Masa, riferendosi a una previsione precedente che avvertiva che la tempesta potrebbe essere un tifone. “Cambiare il programma non è un evento raro e comprendiamo l’onere che avrà sugli atleti“.

Congetture sulla tempesta

Come accennato in precedenza, non è certo che Nepartak colpirà l’area di Tokyo. Forse lunedì avremo una previsione più chiara, ma dobbiamo essere preparati. Le Olimpiadi di Tokyo sono state finora una calamita per la sfortuna e, incredibilmente, una tempesta tropicale non sarebbe sorprendente. Auguriamo quindi il meglio a tutti, sperando che civili, atleti e visitatori rimangano al sicuro in Giappone.

Source
Gizmodo

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button