fbpx
CulturaNewsTech

Più di 100 organizzazioni contro l’abuso della sorveglianza digitale

Organizzazioni per i diritti umani, i diritti digitali e le libertà civili sostengono che la pandemia COVID-19 non dovrebbe essere usata come scusa per espandere la sorveglianza digitale

Le misure eccezionali che molti Stati stanno adottando per contrastare la pandemia COVID-19 che si sta diffondendo in tutto il mondo sono spesso accompagnate da una maggiore sorveglianza digitale delle popolazioni. Infatti ci sono diverse iniziative che rivelano l’uso dei dati dai telefoni cellulari per controllare il movimento dei cittadini in quarantena o l’uso di droni per monitorare le aree in cui è stato imposto il “coprifuoco”.

Riconoscendo che la tecnologia può essere un alleato importante per salvare vite umane o per diffondere messaggi di sanità pubblica e aumentare l’accesso all’assistenza sanitaria, oltre 100 organizzazioni per i diritti umani, i diritti digitali, le libertà civili e la protezione dei consumatori, di tutto il mondo, avvertono che questo particolare momento non può essere usato come scusa per l’implementazione di sistemi di sorveglianza digitale che non rispettano i diritti umani.

“Un aumento dei poteri statali di sorveglianza digitale, come l’accesso ai dati sulla posizione del telefono cellulare, minaccia la privacy, la libertà di espressione e la libertà di associazione in modi che possono violare i diritti e degradare la fiducia nelle autorità pubbliche – danneggiando il efficacia di qualsiasi risposta in materia di sanità pubblica “, afferma il documento che è stato firmato da organizzazioni quali Access Now, Amnesty International, Human Rights Watch, Privacy International, EDRi – European Digitalghghts.

Le raccomandazioni delle organizzazioni ai governi per garantire i diritti umani

sorveglianza digitaleNel documento firmato dalle organizzazioni, i governi sono invitati a non rispondere alla pandemia di COVID-19 con una maggiore sorveglianza digitale, a meno che non siano soddisfatte diverse condizioni, ovvero:

1-Le misure di sorveglianza adottate per far fronte alla pandemia devono essere lecite, necessarie e proporzionate. Devono essere previsti dalla legge e giustificati da obiettivi legittimi di sanità pubblica, come stabilito dalle autorità sanitarie pubbliche competenti, ed essere proporzionati a tali esigenze. I governi devono essere trasparenti sulle misure che stanno adottando in modo che possano essere esaminati e, se necessario, successivamente modificati, revocati o cancellati. Non possiamo permettere che la pandemia COVID-19 sia una scusa per una sorveglianza massiccia e indiscriminata.

2-Se i governi estendono i poteri di controllo e sorveglianza, tali poteri devono essere limitati nel tempo e durare solo il tempo necessario per affrontare l’attuale pandemia. Non possiamo permettere che la pandemia COVID-19 sia una scusa per la sorveglianza che non si esaurisce nel tempo.

3-Gli Stati dovrebbero garantire che una maggiore raccolta, conservazione e aggregazione dei dati personali, inclusi i dati sanitari, sia utilizzata esclusivamente per rispondere alla pandemia di COVID-19. I dati raccolti, conservati e aggregati per rispondere alla pandemia dovrebbero essere di portata limitata, limitati nel tempo con riferimento alla pandemia e non dovrebbero essere utilizzati per scopi commerciali o di altro tipo. Non possiamo permettere che la pandemia di COVID-19 serva da scusa per minare il diritto alla privacy dell’individuo.

4-I governi dovrebbero compiere ogni sforzo per proteggere i dati delle persone, compresa la garanzia di una sicurezza sufficiente per tutti i dati personali raccolti e tutti i dispositivi, applicazioni, reti o servizi coinvolti nella raccolta, trasmissione, elaborazione e archiviazione di tali dati. Qualsiasi affermazione che i dati siano anonimi deve essere basata su prove e supportata da informazioni sufficienti su come è stato effettuato l’anonimato. Non possiamo permettere che i tentativi di rispondere a questa pandemia possano essere usati come giustificazione per compromettere la sicurezza digitale delle persone.

5-Qualsiasi uso delle tecnologie di sorveglianza digitale in risposta a COVID-19, compresi i big data e i sistemi di intelligenza artificiale, deve tener conto del rischio che questi strumenti facilitino la discriminazione e altri abusi contro i diritti delle minoranze razziali, delle persone che vivono nella povertà e in altre popolazioni emarginate, i cui bisogni e realtà possono essere nascosti o travisati in grandi insiemi di dati. Non possiamo permettere alla pandemia COVID-19 di ampliare ulteriormente il divario nel godimento dei diritti umani tra i diversi gruppi nella società.

6-Se i governi stipulano accordi di condivisione dei dati con altri enti del settore pubblico o privato, questi dovrebbero essere fatti sulla base della legge, dell’esistenza di tali accordi e delle informazioni necessarie per valutarne l’impatto sul diritto alla privacy e sui diritti I diritti umani devono essere resi pubblici – per iscritto, con clausole, controllo pubblico e altre garanzie di default. Le aziende coinvolte negli sforzi del governo per combattere COVID-19 devono avere la dovuta cura per garantire il rispetto dei diritti umani e garantire che qualsiasi intervento sia protetto da altri interessi commerciali. Non possiamo permettere che la pandemia di COVID-19 sia una scusa per nascondere alla gente quali informazioni i governi stanno raccogliendo e condividendo con terzi.

7-Qualsiasi risposta deve comprendere garanzie e tutele contro gli abusi. Gli ulteriori sforzi di sorveglianza relativi a COVID-19 non rientrano nella sfera dei servizi di intelligence di sicurezza e devono essere soggetti a un’efficace supervisione da parte dei rispettivi organi di controllo indipendenti. Inoltre, gli individui coinvolti dovrebbero avere l’opportunità di conoscere e contestare qualsiasi misura relativa a COVID-19 che mira a raccogliere, aggregare, conservare e utilizzare i dati. Chiunque sia stato sottoposto a sorveglianza deve avere accesso a rimedi efficaci.

8-Le risposte relative a COVID-19 che includono gli sforzi di raccolta dei dati dovrebbero includere gli strumenti per consentire la partecipazione libera, attiva e significativa da parte delle parti interessate, in particolare esperti del settore della sanità pubblica e dei gruppi più emarginati della popolazione.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button