fbpx
Circular Economy

Lexmark conferisce a Milano il premio “Circular Economy”
In occasione el Cresco Award, il Comune di Milano si è aggiudicato il premio Lexmark "Circular Economy"


In questi ultimi giorni, in occasione della quinta edizione del Cresco Award, il Comune di Milano si è aggiudicato il premio Lexmark “Circular Economy”. Un riconoscimento importante, che intende valorizzare tutti quei Comuni che si sono impegnati nel realizzare progetti di CSR nei propri territori. E nel caso del capoluogo lombardo, è stato il progetto CITIES4CSR a guadagnarsi una nota di merito. A convincere è stato soprattutto l’approccio  intenzionato a favorire uno sviluppo urbano sostenibile nelle  aree in cui i servizi pubblici o quelli alla persona si possono migliorare incanalando le attività di CSR. 

Premio Lexmark “Circular Economy”: Milano vince con il progetto “CITIES4CSR”

Il progetto “CITIES4CSR” coinvolge ben dieci Comuni europei e si svolge sostanzialmente in due diverse fasi. La prima, cominciata a Settembre 2019 e conclusa a Marzo 2020, si è focalizzata sul coinvolgimento delle città partecipanti e dei gruppi di stakeholder locali sul tema della CSR. La seconda, iniziata a Maggio 2020 e in programma di concludersi entro l’Agosto 2022, si concretizzerà nella realizzazione di progetti pilota in ognuno dei 10 Comuni. In particolare, per Milano sono stati individuati interventi sia teorici – come l’attrattività delle scuole periferiche – sia territoriali. Oltre ad una serie di quartieri target per ognuno degli ambiti di intervento. 

Da sempre Lexmark ha nel proprio DNA i valori della sostenibilità e della Corporate Social Responsibility, conscia dei vantaggi da esse derivanti per comunità e territorio”. Così Giancarlo Soro, Amministratore Delegato, ha commentato l’assegnazione del premio Lexmark “Circular Economy” al capoluogo lombardo. “In quest’ottica, in quanto azienda operante a Milano, vogliamo fare la nostra parte, supportando il Comune nel percorso di trasformazione digitale delle aree interessate dal progetto, e mettendo a disposizione la nostra esperienza in materia, per favorire la digitalizzazione e promuovere lo sviluppo di competenze ad hoc. Per tale motivo siamo lieti di premiare questa lodevole iniziativa”.

 

 


Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.