fbpx
autoscontri VR 1

Qualisys e HolodeckVR insieme per i primi autoscontri VR al mondo


A chi guida un’auto, si raccomanda di non guardare lo smartphone e di tenere gli occhi sulla strada durante li viaggio. Se tutto ciò è fondamentale per la propria sicurezza, molto presto, per guidare, si dovrà obbligatoriamente guardare un display dello smartphone, ma solo a puro scopo di divertimenti. Molto probabilmente infatti non  si guideranno mai automobili reale su una strada reale indossando un visore VR, ma ci saranno presto luoghi “sicuri” dove tutto ciò sarà possibile. Ma perché preoccuparsi di guidare lungo le (noiose) autostrade virtuali quando ci si potrà scontrare con altre auto mentre si cerca evitare il minaccioso robot, il tutto senza che nessuno si faccia male? Questo è possibile con gli autoscontri VR. Quindi, “giù il gettone, si parte”!

Autoscontri VR 3

Arriva l’autoscontro del futuro

La novità in poche parole è questa: si guida su quelli che sembrano normali autoscontri e si indossano visori VR. per dare vita a quelli che sono definiti gli autoscontri VR. Si viene quindi teletrasportati in un mondo steampunk in cui la “mappa” è molto più grande della vera pista per autoscontri.  Il tutto grazie a Qualisys e HolodeckVR aziende esperte nei loro campi di competenza, che per la prima volta al mondo hanno sviluppato una tecnologia e un’applicazione unica nel suo genere. HolodeckVR è nota per la creazione di esperienze di realtà virtuale e ha collaborato con gli esperti di guida di VR Coaster per creare il gioco letteralmente più grande (per dimensioni) mai visto prima.

Autoscontri VR 2

La corsa in ambienti VR molto grandi

Qualisys, in pratica è riuscita a proporre  qualcosa che la maggior parte delle corse in VR non hanno:la tecnologia precision motion capture conosciuta anche con l’acronimo “mocap”. Mentre i sistemi VR consumer si adattano a vari sensori e telecamere, ma per lo più lavorano per posizionare un singolo giocatore nel mondo VR, la configurazione della telecamera “daisy-chain” di Qualisys consente di collegare facilmente più telecamere che sono in grado di comunicare tra loro per ospitare più giocatori e oggetti in un ambiente VR di vaste dimensioni.

L’attrazione ” Steampunk VR Scooter ” è il risultato finale di tanta tecnologia. Svelata lo scorso 13 aprile, i visitatori del parco Erlebnispark Schloss Thurn in Germania saranno i primi a sperimentare questa nuova, coinvolgente (e sembra molto divertente) esperienza di realtà virtuale.


Danilo Loda

100% "milanes", da una vita scrivo di bit e byte e di quanto inizia con on e finisce con off. MI piace tutto quello che fa rumore, meglio se con un motore a scoppio. Amo viaggiare (senza google Maps) lo sport, soprattutto se è colorato di neroazzuro.