fbpx

RED, azienda famosa per le sue fotocamere cinematografiche di alta fascia, ha annunciato che non produrrà una seconda generazione del suo telefono Hydrogen One. Nonostante alcune caratteristiche uniche e interessanti, infatti, l’hardware superato ed il prezzo alto ne avevano determinato il fallimento, con ora la conseguente chiusura del progetto.

RED cancella i suoi piani per Hydrogen One

La notizia è arrivata niente meno che da Jim Jannard, fondatore di RED, in concomitanza con il suo ritiro dall’azienda:

Ho speso 45 anni a costruire “invenzioni avvolte dall’arte”.

Ora, alla soglia dei 70 anni e con alcuni problemi di salute, è tempo per me di ritirarmi.

Cancellerò il progetto HYDROGEN, terminando una carriera che ha incluso [progetti come] OakleyRED Digital CinemaHYDROGEN. Sono molto fiero di aver potuto lavorare con tante persone talentuose in questi anni che si sono allineati con la [mia] visione,

RED Digital Cinema continuerà più forte che mai con JarredTommyJamin al comando. Komodo sta per essere lanciato… e HYDROGEN One continuerà ad essere supportato in futuro.

Grazie a tutti per il supporto in questi anni.

Jim

I (pochi) possessori di un RED Hydrogeon One possono quindi tirare un sospiro di sollievo, visto che il loro dispositivo verrà supportato, almeno per il prossimo futuro. Rimane un peccato che la visione di RED, per un dispositivo capace di girare e riprodurre materiale 3D e di essere espanso con moduli di ogni tipo non si sia realizzata. Chissà che un giorno qualcuno non riesca a realizzare queste funzionalità con successo in un telefono più di successo.


What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.