fbpx
CulturaFeaturedTech

RoomMate: cos’è e come funziona l’app per coinquilini

Ecco tutti i dettagli sull'applicazione perfetta per organizzare la convivenza

Vivere con dei coinquilini può essere stressante, soprattutto per quanto riguarda la gestione di spese e delle faccende domestiche. A tentare di ribaltare la situazione è RoomMate, l’app ideata proprio per rendere molto più semplice la vita in condivisione.

Cos’è RoomMate

La vita tra coinquilini si rivela spesso difficile e piena di turbolenze, spesso dovute alla divisione delle faccende domestiche, delle commissioni e, soprattutto, dei pagamenti.

A proporsi come strumento utile per rendere la condivisione di appartamenti e spazi molto più semplice e piacevole è RoomMate, un’applicazione scaricabile gratuitamente sia su Google Play sia su App Store.

L’app propone infatti quotidianamente una serie di funzionalità e servizi ideati appositamente per rendere più efficace la gestione della convivenza.

A rendere questo strumento adatto ad ogni esigenza è la sua capacità di unire più funzioni e tool all’interno di una sola applicazione, garantite anche dai partner a cui l’app di affida per l’erogazione di alcuni servizi!

‎RoomMate
‎RoomMate
Developer: RoomMate Srl
Price: Free+

Cosa offre l’applicazione

RoomMate

Come può un’applicazione rendere molto più semplice la gestione della convivenza? Semplice, tramite pochi pilastri, ma fondamentali!

RoomMate offre infatti diverse possibilità per quanto riguarda:

  • La gestione della spese, tramite opzioni per organizzarle e dividerle in modo automatico, oltre che per tenere sotto controllo la situazione di debiti e crediti all’interno dell’appartamento;
  • Il controllo delle bollette, con tracciamento dei pagamenti e dei consumi delle utenze, con anche la possibilità di dividere le spese ricorrenti con i propri coinquilini;
  • Le faccende domestiche, grazie alle opzioni per coordinarle tra i coinquilini, oltre che per assicurarsi che tutti le svolgano;
  • La lista delle commissioni, perfetta per rimanere sempre aggiornato su ciò che avviene all’interno della casa.

L’applicazione permette inoltre di sfruttare una serie di servizi, tra cui il Winelivery, per il delivery di birra e vino, Easyfeel per le pulizie a domicilio e Affittogiardino per organizzare feste esclusive.

La storia dell’innovativa app

L’applicazione affonda le sue radici nel desiderio di tre amici, ovvero Matteo Bucci, Mirko Martignon e Mattia Raffaelli di eliminare tutti quei problemi che rischiano di rendere una convivenza tra amici difficile e pesante da gestire.

A permettere a quest’idea di svilupparsi e crescere è stato un periodo di incubazione in Almacube, ovvero l’incubatore dell’Università di Bologna, evolutosi poi nell’effettivo lancio dell’applicazione nel settembre del 2017.

RoomMate

Il primo riconoscimento è giunto a marzo 2018 in occasione dell’Innovation Day, evento durante il quale RoomMate è stata dichiarata la migliore startup tra le oltre 180 idee presentate.

Il percorso è poi proseguito in Nana Bianca, acceleratore di startup ed eccellenza italiana nel suo campo a Firenze, che ha sostenuto l’applicazione nel suo percorso di sviluppo e distribuzione, permettendole di estendere la sua presenza in alcune delle più grandi città universitarie (es. Bologna, Milano, Firenze, Torino e Padova). 

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button